Estero
24.11.2021 - 09:550
Aggiornamento : 16:23

Perquisito l’ideatore dei cortei No Green Pass di Milano

Il 19enne, indagato per istigazione a delinquere aggravata dal mezzo telematico, aveva inoltre inviato via Telegram circa 1’000 Green Pass falsi

La Polizia italiana ha eseguito un decreto di perquisizione nei confronti di un 19enne milanese, indagato per istigazione a delinquere aggravata dal mezzo telematico. Attraverso i social il giovane, fin dalla scorsa estate, era diventato il punto di riferimento per i “No Vax”, ideando e lanciando per la prima volta il corteo da Piazza Fontana il sabato pomeriggio.

La perquisizione è stata delegata ad Alberto Nobili, coordinatore della sezione distrettuale Antiterrorismo della Procura di Milano.

Il 19enne era già stato denunciato per aver preso parte a iniziative “No Green Pass” non preavvisate, e dallo scorso settembre è stato sottoposto dal questore di Milano Giuseppe Petronzi a Daspo urbano (Divieto di accedere a un determinato luogo per motivi di ordine pubblico, ndr) e non ha più partecipato alle manifestazioni del sabato.

Lo scorso 20 novembre il diciannovenne ha lanciato sui social una mobilitazione nazionale per il prossimo sabato 27 novembre in piazza Duomo, sostenendo che vi avrebbe preso parte un milione di persone ed esortando i partecipanti a portare e accendere torce da stadio. Così, per gli investigatori, avrebbe creato “una situazione di intossicazione informativa, disorientando gli stessi manifestanti talora forse non consapevoli di dare seguito a indicazioni di un organizzatore malevolo e virtuale”.

Dall’analisi del telefono del 19enne, la Polizia italiana ha inoltre scoperto che l’indagato ha inviato via Telegram dei file contenenti circa mille Green Pass intestati ad altrettante persone. Il giovane ha ammesso di averli scaricati dalla rete e distribuiti gratuitamente a più utenti possibile. È stato quindi denunciato anche per ricettazione, con altre due persone destinatarie dei file contenenti i Green Pass e sottoposte a perquisizione e sequestro dei telefoni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved