Seattle Kraken
4
FLO Panthers
3
3. tempo
(0-1 : 3-2 : 1-0)
VAN Canucks
1
STL Blues
1
1. tempo
(1-1)
il-popolo-saharawi-in-cerca-della-liberta
Manifestazione per il Sahara libero nel nord della Spagna, giugno 2021 (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
5 ore

I talebani a Oslo, missione a caccia di riconoscimento

Il regime dopo la presa dell’Afghanistan mostra il lato votato al dialogo. La delegazione sarà impegnata in una tre giorni di incontri.
Estero
7 ore

Covid-19, la fine della pandemia è plausibile dopo Omicron

Lo ha affermato il responsabile dell’Oms per l’Europa, che prevede un nuovo picco di contagi entro marzo.
Estero
8 ore

Italia, sul Colle manca l’intesa: primo voto in bianco

Attesa per i nomi del centrodestra, si rafforza l’ipotesi Riccardi candidato del centrosinistra
Estero
9 ore

Ucraina, il Foreign Office denuncia un complotto di Mosca

‘Piano su leader filo-russo’. Stati Uniti preoccupati dalle accuse mosse dalla Gran Bretagna. La Russia le bolla come ‘assurde’
Confine
10 ore

Allevatori del Porlezzese allarmati per i troppi cervi

Gli ungulati sono aumentati in maniera esponenziale e mettono in pericolo l’attività delle aziende agricole
Estero
11 ore

Via dal governo ‘perché musulmana’, nuova tegola su BoJo

La denuncia di Nusrat Ghani getta, ancora una volta, il premier britannico nell’occhio del ciclone
Estero
12 ore

Berlusconi ricoverato al San Raffaele da giovedì

Secondo l’agenzia di stampa italiana Ansa, il leader di Forza Italia è arrivato all’ospedale milanese nel pomeriggio del 20 gennaio
Estero
13 ore

Mykonos e le Cicladi si svegliano... in bianco

L’intera Grecia è colpita dal maltempo, con nevicate e temperature rigidissime portate dalla perturbazione Elpis, dicono i meteorologi locali
Confine
13 ore

Lago Maggiore, forse un’alternativa all’innalzamento dei livelli

Durante l’incontro tenutosi a Torino si è avanzata l’ipotesi di pompare acqua dalla falda per rifornire la Pianura Padana. Permane comunque scetticismo
Confine
14 ore

Al carcere del Bassone, 17 agenti aggrediti in 4 mesi

Dopo l’ultimo caso il sindacato di categoria insorge denunciando carenze di organico, strutturali e detenuti ‘ingestibili’
Italia
15 ore

Scontro fra pullman e auto, morti cinque giovani

L’incidente è avvenuto ieri sera su una strada provinciale nel comune di Rezzato, in provincia di Brescia. Le vittime avevano fra i 17 e i 20 anni
Estero
16 ore

Afghanistan: iniziati a Oslo i colloqui dei talebani

La delegazione è la prima a visitare l’Europa dopo il loro ritorno al potere. Previsti per oggi gli incontri con attiviste femministe e giornalisti
Estero
18 ore

Gli Emirati Arabi Uniti vietano l’uso ricreativo dei droni

La decisione è giunta dopo gli attacchi dei ribelli lanciati anche con droni contro installazioni petrolifere ad Abu Dhabi e l’aeroporto della capitale
Estero
1 gior

Siria: oltre 90 morti negli scontri tra Isis e curdi

Il bollettino arriva dopo tre giorni di combattimenti nel nord-est del Paese
Germania
1 gior

Merz eletto presidente Cdu con quasi 95% voti

L’avvocato finanziario, 66 anni, succede ad Armin Laschet
Estero
1 gior

Onu, riformare il sistema economico tra le priorità del 2022

Per il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, è necessario sconfiggere la pandemia e rivedere le regole della finanza mondiale
Stati Uniti
1 gior

California, Schwarzenegger coinvolto in incidente auto

L’incidente, che ha coinvolto quattro auto, è avvenuto a Brentwood (Los Angeles). Una donna è rimasta leggermente ferita, l’attore invece illeso
italia
1 gior

Quirinale, istruzioni per l’uso

Chi vota il presidente della Repubblica italiana e come. Record, stranezze e nomi improbabili, dalla moglie di Massimo D’Alema a Ezio Greggio
cile
2 gior

La nipote di Allende ministra a 50 anni dal golpe

La rivincita di Maya. Tante donne nei posti chiave del governo
27.11.2021 - 18:340

Il popolo saharawi in cerca della libertà

Dopo 30 anni di negoziati infruttosi, il conflitto ha ripreso nel Sahara occidentale. Intervista a Omeima Abdeslam dl Fronte Polisario

Per il secondo anno consecutivo, il Film festival diritti umani Lugano ha dato spazio alla realtà del popolo saharawi. Una realtà che, da un anno all’altro, è radicalmente cambiata poiché le armi hanno ripreso a parlare nel del Sahara occidentale, situato sulla costa atlantica, tra il Regno del Marocco al nord e la Mauritania al sud.

Approfittiamo della presenza a Lugano di Omeima Abdeslam, rappresentante del Fronte Polisario (Fronte Popolare di Liberazione di Saguía el Hamra e del Rio de Oro) in Svizzera e presso l’Onu a Ginevra, per approfondire la questione.

Signora Abdeslam, in quale contesto è nato e si situa il Fronte Polisario?

Nel 1963, nell’ambito del processo di decolonizzazione in Africa, l’Assamblea generale dell’Onu aveva sancito il diritto del popolo saharawi di accedere all’indipendenza e aveva poi incaricato la potenza coloniale, la Spagna, di organizzare il referendum per l’autodeterminazione. Dieci anni dopo, capendo che la Spagna non aveva l’intenzione di rispettare il mandato affidatole dall’Onu, il Fronte Polisario ha lanciato la lotta armata per la liberazione del popolo saharawi. Dopo il ritiro repentino della Spagna dal territorio nel 1976, il popolo saharawi ha dovuto opporsi all’invasione mauritana al sud e marocchina al nord. Se i mauritani si sono ritirati nel 1979, il Regno del Marocco continua a occupare militarmente gran parte del territorio.

Perché occupare un territorio desertico grande quanto il Regno Unito?

Storicamente, l’élite marocchina continua a vivere una frustrazione rispetto alla superficie che è stata loro attribuita nel processo di decolonizzazione, inoltre l’occupazione marocchina è nata dalla necessità di distrarre l’esercito che all’inizio degli anni ’70 aveva attuato tre tentativi di colpo di stato contro il re. Economicamente, il territorio del Sahara è ricco di materie prime, il fosfato in particolare che è un componente essenziale nella fabbricazione dei fertilizzanti. La costa atlantica del Sahara occidentale è considerata come una delle più pescose al mondo. Insomma, quando gli europei si mettono a tavola c’è una forte probabilità che, in un modo o nell’altro, usufruiscano di prodotti provenienti dal nostro territorio, senza che il nostro popolo ne abbia avuto beneficio alcuno. Mentre le compagnie straniere e quelle marocchine, comprese quelle appartenenti alla famiglia reale, si arricchiscono, il popolo saharawi vive nella miseria e subisce quotidianamente la violenza dell’occupazione.

Come si manifesta questa violenza?

L’occupazione marocchina ha provocato innumerevoli crimini di guerra e crimini contro l’umanità, alcuni dei quali perdurano, come sparizioni forzate, la tortura, la continua colonizzazione e lo spoglio illegale delle risorse naturali. Inoltre si manifesta con la separazione forzata del nostro popolo e l’arresto del suo sviluppo. Una parte del nostro popolo sopravvive da 45 anni nei campi rifugiati nel Sahara algerino grazie all’aiuto umanitario internazionale; la terza e quarta generazione cresce lì senza alcuna prospettiva d’avvenire. Per i saharawi che vivono nel territorio occupato, la violenza è presente attraverso tutto il ciclo della vita: assistenza medica lacunosa, insufficienza alimentare, negazione della cultura saharawi nell’educazione, studi superiori estremamente difficoltosi che precludono qualsiasi prospettiva di carriera. Chiunque manifesti contro l’occupazione viene arrestato e subisce diverse forme di violenza fisica e psichica, può essere condannato, anche a delle pene pesanti, nel corso di procedimenti giudiziari iniqui che anche i meccanismi di protezione dei diritti umani dell’Onu hanno condannato.

Quali disposizioni ha preso il Consiglio per i diritti umani dell’Onu di fronte a questa situazione?

Finora il Consiglio per i diritti umani non si è pronunciato sulle violazioni sistematiche dei diritti umani nel Sahara occidentale. Il Regno del Marocco ha sviluppato una diplomazia aggressiva di largo respiro a Ginevra, come a New York e a Bruxelles, in seno all’Unione europea, che gli permette di avere l’appoggio e anche la protezione delle antiche potenze coloniali, Francia e Spagna, ma anche degli Stati Uniti, di diversi Paesi africani e delle monarchie del Golfo. Fortunatamente, da qualche tempo diversi esperti indipendenti, facenti parte delle procedure speciali del Consiglio, si sono interessati alle violazioni dei diritti umani del popolo saharawi e le hanno denunciate, invitando il Regno del Marocco a porvi fine, a rimediare ai torti fatti, riabilitando le vittime e risarcendole. Ma le procedure del Consiglio non dispongono di meccanismi d’applicazione per cui le autorità marocchine, negando la realtà, continuano a reprimere, e ancor piú con la ripresa del conflitto lo scorso mese di novembre.

Perché è ripreso il conflitto armato ?

Alla fine degli anni Ottanta, con la caduta del muro di Berlino e la fine della guerra fredda, un vento di speranza si era levato anche nel Sahara occidentale e i nostri dirigenti hanno accettato di gelare il conflitto nella prospettiva dell’organizzazione in tempi brevi del referendum per l’autodeterminazione, grazie allo spiegamento nel 1991 della Missione delle Nazioni Unite per il Referendum nel Sahara occidentale (Minurso). Trent’anni sono passati e le grandi potenze di cui vi ho parlato prima continuano a sostenere militarmente, finanziariamente e politicamente l’occupazione illegale marocchina, provocando così la disperazione della gioventù saharawi che ha fortemente spinto per la ripresa del conflitto dopo decenni di lotta non-violenta infruttuosa. Oramai gli accordi del 1991 non hanno più alcun valore, l’inazione del Consiglio di sicurezza e dei Segretari generali che si sono susseguiti alla testa dell’organizzazione mondiale sono responsabili della situazione attuale. Devono assumersi le loro responsabilità e porre fine al conflitto nel quadro del diritto internazionale, tale come sancito dalla Carta e dalle risoluzioni delle Nazioni Unite, dalla Corte Internazionale di Giustizia e dalla Corte di Giustizia dell’Unione europea, portando a termine il processo di decolonizzazione del Sahara occidentale.

La Svizzera è candidata per diventare membro del Consiglio di sicurezza dell’Onu: quale ruolo potrebbe svolgere la diplomazia elvetica ?

La Svizzera ha una grande tradizione di buoni uffici, sviluppatasi sul principio della neutralità. Purtroppo, con l’arrivo di Ignazio Cassis agli Affari esteri, la diplomazia svizzera sembra più sensibile ai fasti dei palazzi di Marrakech che alle semplici, ma legittime pretese del popolo saharawi. Rispetto alle gravi violazioni delle Convenzioni di Ginevra, la Svizzera non fa nulla per imporre il rispetto del diritto internazionale umanitario nel Sahara occidentale. Ci aspettiamo dalla Svizzera che adotti una postura realmente neutrale e che possa far parte della soluzione piuttosto che del problema.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved