uccise-due-manifestanti-antirazzisti-assolto
Kyle Rittenhouse in aula (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Stati Uniti
9 ore

A Trump di dimostrare che i documenti erano declassificati

Spetta all’ex presidente degli Stati Uniti provare che il materiale ‘top secret’ requisiti dall’Fbi erano tutti desecretati
Francia
9 ore

Campionessa di sci alpinismo muore sul Monte Bianco

Adèle Milloz e un’altra alpinista forse tradite dal distacco di una frana. L’incidente si è verificato sul versante dell’Aiguille du Pigne
Stati Uniti
9 ore

Spinto dalla perquisizione a Trump l’uomo abbattuto dall’Fbi

La polizia lo aveva abbattuto mentre cercava di fare irruzione, armato di fucile, nella sede degli investigatori
Stati Uniti
11 ore

Auto si schianta contro un pub: almeno 14 feriti

L’incidente è avvenuto ad Arlington, in Virginia. Dopo l’impatto, nel locale si è sprigionato un incendio
Italia
11 ore

Furto nella casa dei suoceri di Domenico Berardi

Ignoti sono penetrati nell’abitazione dei genitori della moglie del calciatore del Sassuolo e della nazionale azzurra
Ungheria
12 ore

Gazprom apre i rubinetti verso l’Ungheria

Flusso aumentato in agosto di 2,6 milioni di metri cubi al giorno. Colloqui in corso per ulteriori incrementi per settembre
Italia
13 ore

Riparbella, una festa di compleanno finisce in dramma

Un turista tedesco 54enne cade da un muro e precipita in una scarpata in un’area rurale, morendo
Lituania
15 ore

Anche la Lituania medita possibili limitazioni ai visti russi

Dopo l’analoga decisione dell’Estonia (dove le regole cambieranno a partire dal 18 agosto), anche Vilnius sta valutando un inasprimento
stati uniti
19.11.2021 - 21:12
Aggiornamento: 21:35
Ansa, a cura de laRegione

Uccise due manifestanti antirazzisti, assolto

Il verdetto sul 18enne bianco andato un anno fa in Wisconsin con un fucile d’assalto rischia di riaccendere le tensioni. Accuse contro il giudice

“Not guilty”, non colpevole per tutte i capi di imputazione: è il verdetto emesso dalla giuria nei confronti di Kyle Rittenhouse, 18 anni, il giovane accusato di aver ucciso con un fucile d’assalto due persone e di averne ferita una terza (tutti bianchi come lui) durante le proteste razziali dello scorso anno a Kenosha, Wisconsin. La decisione, destinata a suscitare polemiche e tensioni in una città blindata dalla guardia nazionale, arriva dopo tre giorni di camera di consiglio e un processo controverso che ha tenuto l’America incollata alla tv. Rittenhouse aveva 17 anni quando viaggiò dall’Illinois al Wisconsin la notte del 25 agosto 2020, in un’estate marcata dalle proteste contro la brutalità della polizia e le ingiustizie razziali, dopo che un agente bianco aveva sparato alla schiena all’afroamericano Jacob Blake mentre cercava rifugio nell’auto della fidanzata, lasciandolo paralizzato dalla cintola in giù.

Era arrivato armato perché, così ha raccontato al processo, voleva difendere la cittadina da saccheggi e incendi notturni. Ma quella sera, dopo che era stato dichiarato il coprifuoco, sparò ripetutamente uccidendo Joseph Rosenbaum, 36 anni, e Anthony Huber (26), mentre Gaige Grosskreutz (27) rimase ferito. “Lo feci per legittima difesa”, ha giurato in tribunale tra le lacrime, spiegando di essersi sentito minacciato da alcuni manifestanti. Ma secondo i procuratori, e i video mostrati in aula, fu lui a provocarli puntando l’arma.


Proteste contro Rittenhouse fuori dal tribunale (Keystone)

Il processo è stato contrassegnato da una serie di controversie procedurali e dagli stravaganti scatti del giudice 75enne Bruce Schroeder, che è sembrato simpatizzare per la difesa, sostenendo anche che le persone morte non si possono considerare vittime in quanto partecipavano a manifestazioni violente. Il caso ha sollevato l’attenzione dei media e dell’opinione pubblica perché mette insieme molte delle questioni che dividono la polarizzata società americana: la giustizia razziale, il diverso atteggiamento della polizia (con cui cooperavano i vigilanti bianchi), il diritto di portare le armi.

Per molti il trattamento ricevuto da Rittenhouse conferma quello più favorevole che un bianco e un sostenitore delle milizie armate riceve dalle forze dell’ordine rispetto ai manifestanti anti razzisti, spesso afroamericani del movimento Black Lives Matter. La Guardia Nazionale resta schierata nel timore di reazioni violente contro l’assoluzione. Molti degli attivisti radunatisi da giorni a Kenosha sono armati ed esibiscono pistole e fucili, come consentono le leggi del Wisconsin.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
giudice kyle rittenhouse razzismo stati uniti suprematista bianco verdetto wisconsin
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved