primo-si-al-maxi-piano-per-welfare-e-clima-di-biden
Joe Biden e Kamala Harris (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
1 ora

Centovallina, traffico internazionale bloccato

In servizio alcuni bus sostitutivi. I treni regionali svizzeri circolano normalmente, come pure quelli tra Domodossola e Re.
Gran Bretagna
5 ore

Ubriaco, palpa uomini in un club: membro del governo si dimette

Nuove grane per Boris Johnson: stavolta al centro di uno scandalo a sfondo sessuale è il vicecapogruppo del Partito Conservatore alla Camera dei Comuni
Estero
17 ore

Congo, Patrice Lumumba seppellito dopo sessant’anni

Nel giorno dell’anniversario dell’indipendenza dello Stato africano, il feretro del leader separatista assassinato nel 1961 è stato deposto a Kinshsa
stati uniti
17 ore

Paradosso Dem: finanziano i trumpiani per vincere alle Midterm

Strategia adottata perché considerati avversari troppo estremisti e quindi ‘più vulnerabili’. Il Washington Post: ‘Strategia pericolosa per la democrazia’
Estero
17 ore

Alta tensione in India per il sarto hindù sgozzato

Dilaga sui social hashtag ‘Hindu Lives matter’. Ora si temono vendette
la guerra in ucraina
18 ore

Liberata l’Isola dei Serpenti. Zelensky scrive a Putin

I russi si ritirano, Kiev esulta. Usa: ‘Allarme armi nucleari’. E la Cina attacca la Nato
stati uniti
18 ore

La Corte Suprema Usa piccona anche la lotta per il clima

La Casa Bianca: ‘Decisione devastante per l’ambiente’
Estero
20 ore

Morto Sonny Barger, fondatore degli Hells Angels

Aveva 83 anni ed era malato di cancro. Negli Stati Uniti il club di motociclisti è giudicato un’organizzazione criminale
Estero
21 ore

Spesa record per la famiglia reale, imbarazzo in tempo di crisi

I costi pubblici per il mantenimento di casa Windsor sono schizzati per la prima volta oltre la soglia dei 100 milioni di sterline.
stati uniti
19.11.2021 - 21:00
Ansa, a cura de laRegione

Primo sì al maxi-piano per welfare e clima di Biden

Un progetto da 500 miliardi di dollari che rilancia le ambizioni del presidente americano. Operato in anestesia, Harris è stata presidente per un’ora

“Il voto è un passo da gigante”. Esulta Joe Biden dall‘ospedale, dopo aver ceduto i poteri a Kamala Harris durante l’anestesia per la colonscopia del suo primo check-up presidenziale, consentendole di diventare la prima donna a guidare il Paese, anche se solo per un’ora e 25 minuti. “Un voto storico, monumentale”, gli fa eco una Nancy Pelosi quasi in lacrime. È alle stelle l’entusiasmo dei democratici dopo che la Camera ha approvato la legge ’Build Back Better’, il gigantesco piano decennale da 1850 miliardi del presidente per welfare, educazione e clima: asili nido gratis per tutti, riduzione dei costi delle materne, allargamento della copertura sanitaria e taglio del costo dei farmaci per gli anziani, congedi medici e parentali retribuiti, investimenti per ridurre i gas serra. È la maggiore spesa sociale degli ultimi 50 anni e comprende anche il più grande investimento americano contro il climate change: oltre 500 miliardi di dollari.

L’ok arriva a tre giorni dalla firma del colossale piano da 1250 miliardi per le infrastrutture, il più grande programma di lavori pubblici in Usa dagli anni Cinquanta. Facile capire perché ora i media americani evochino paragoni col New Deal di Franklin Delano Roosevelt o con le riforme sociali della Great Society di Lyndon Johnson. Per l’approvazione definitiva della seconda ‘gamba’ del piano di rilancio di Biden è necessario però attendere il Senato, dove i due senatori dem centristi, Joe Manchin e Kyrsten Sinema, non si sono ancora impegnati a votare il pacchetto, mettendo in dubbio la maggioranza del partito alla Camera alta, dove solo il voto di Kamala Harris spezza la parità di 50 a 50.

Ci saranno modifiche

Probabili alcune modifiche, forse sui congedi parentali e sul capitolo immigrazione, che consente al governo di concedere permessi di lavoro e protezione a milioni di immigrati. In tal caso la legge dovrà tornare alla Camera, tra dicembre e gennaio. Ma non c’è dubbio che si tratti di una svolta per Biden e per i democratici, che alla House hanno votato compatti (perdendo solo un voto) dopo mesi di logoranti negoziati tra l’ala radicale e quella moderata, che probabilmente sono costati anche la sconfitta elettorale in Virginia.

L’approvazione del piano alla Camera è stato accolto da applausi e cori “Build Back Better” ma anche “Nancy, Nancy”, per celebrare un successo che potrebbe suggellare la carriera dell’81enne speaker italo-americana. Il voto è slittato a venerdì a causa dell’ostruzionismo del leader della minoranza repubblicana alla Camera Kevin McCarthy, che con il suo intervento maratona di 8 ore e 32 minuti ha battuto il record di Pelosi (8 ore e 7 muniti nel 2018), ammonendo sui pericoli di una deriva socialista.

A spianare la strada alla votazione era stato lo studio del Congressional Budget Office (Cbo), richiesto dai dem centristi per il timore dell’impatto della manovra sul deficit federale. Le conclusioni di questo organismo indipendente che fornisce analisi economiche al Congresso sono che la legge aumenterà il deficit di 367 miliardi in 10 anni. Ma l’ufficio ha stimato separatamente che investire 80 miliardi per rafforzare il fisco consentirà di incassare 270 miliardi, riducendo il deficit di 160 miliardi (contro i 400 previsti dalla Casa Bianca). Wall Street però ha reagito con prudenza, anche per il timore che i piani di spesa aumentino una inflazione già galoppante.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved