ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

‘Nessuna minaccia imminente sull’uso dell’atomica della Russia’

Lo ha detto il Consigliere per la sicurezza nazionale Usa Jake Sullivan, aggiungendo che ‘i militari americani in Europa sono pronti a ogni evenienza’
Estero
3 ore

Afghanistan, kamikaze si fa esplodere in una scuola a Kabul

Il bilancio delle vittime parla di almeno 20 i morti, per lo più ragazze, e 35 i feriti. Sospettato il ramo afghano dell’Isis
Confine
7 ore

Valmorea dedica un Parco a don Renzo Scapolo

L’intitolazione avrà luogo sabato nell’area verde delle scuole del comune, con tanto di testimonianze di coloro che lo hanno conosciuto
Estero
10 ore

Anche lo Stato di New York fermerà le auto a benzina dal 2035

Bandite tutte le auto nuove che non siano a emissioni zero, sulla scia di quanto annunciato lo scorso agosto dalla California
Estero
10 ore

Il proclama di Putin: ‘Le regioni annesse nostre per sempre’

Al Cremlino in corso la cerimonia di firma dei trattati di annessione alla Russia delle regioni ucraine in cui si son tenuti i referendum-farsa pro Mosca
Confine
13 ore

17enne muore travolto dal treno nel Varesotto

L’incidente fatale nella notte ad Albizzate a poche centinaia di metri dalla stazione
Estero
16 ore

Condanne definitive per il sistema criminale che gestiva Roma

Convalidati i 10 anni ai vertici dell’associazione a delinquere che dirigeva in modo illecito gli appalti dei pubblici servizi della capitale italiana
Estero
1 gior

A tre giorni dalle elezioni Neymar sostiene Bolsonaro

In un video su TikTok il fuoriclasse brasiliano del Psg mima una canzona che invita a votare il presidente uscente, in ritardo nei sondaggi su Lula
myanmar
16.11.2021 - 19:25
Aggiornamento: 19:50

San Suu Kyi incriminata anche per frodi elettorali

Un altro capo di imputazione contro il Nobel, l’undicesimo, che non lascia dubbi sull’intenzione dei militari di eliminare lei e l’intera opposizione

Ansa, a cura de laRegione
san-suu-kyi-incriminata-anche-per-frodi-elettorali

Un altro capo di imputazione contro il Nobel, l’undicesimo, che non lascia dubbi sull’intenzione dei militari di eliminare lei e l’intera opposizione.

“La Signora”, detenuta in luogo segreto dal colpo di Stato dello scorso febbraio, dovrà rispondere ora anche dell’accusa di frode elettorale relativa al voto del novembre 2020, in cui il suo partito trionfò. Per Suu Kyi, che già rischia una pena cumulativa di 102 anni di carcere, è ormai un calvario legale da cui non si vede una via di uscita.

Suu Kyi, 76 anni, e altri quindici funzionari del suo partito (tra cui l’ex presidente della repubblica Win Myint) e della precedente Commissione elettorale saranno processati per una serie di “frodi elettorali e azioni illegali” in connessione alle elezioni legislative in cui la “Lega nazionale per la democrazia” (Nld) ottenne l’8% dei seggi, umiliando il partito rappresentante degli interessi dell’esercito. Gli atti contestati vanno dall’ostruzione di seggi dove votavano soldati, liste elettorali gonfiate da non aventi diritto al voto, e sostegno della Commissione elettorale alla campagna dell’Nld.

L’annuncio dei nuovi capi di imputazione è stato dato dai media statali, che non hanno aggiunto la data in cui inizierà il processo. Suu Kyi è comunque già gravata da un’altra decina di accuse che vanno dalla corruzione alla violazione di segreti ufficiali. Tutte le udienze si sono finora tenute a porte chiuse, e gli avvocati del premio Nobel per la Pace hanno il divieto di rilasciare dichiarazioni ai media.

Suu Kyi, che non è mai comparsa in pubblico dal momento dell’arresto, rischia di fatto l’interdizione perenne dalla politica, e il suo partito un probabile scioglimento forzato che gli impedirebbe di schierare candidati in elezioni che la giunta militare ha promesso nei prossimi due anni.

La sorte di Suu Kyi riflette quella del suo Paese. Il suo rilascio dagli arresti domiciliari nel 2010, dopo complessivamente 15 anni di reclusione, segnò l’inizio della graduale riapertura dell’allora giunta militare. La salita al potere di Suu Kyi nel 2015, per quanto in tesa coabitazione con i generali, segnò il culmine della volontà popolare. E ora il pugno di ferro del generale golpista Min Aung Hlaing fa trasparire l’intenzione della giunta di tirare dritto senza compromessi.

Almeno 1’200 morti nelle proteste da febbraio, un movimento ormai armato di insurrezione, le condanne internazionali, un’economia allo sfascio: niente sembra in grado di fermare il brusco ritorno della Birmania al passato, e al contempo la progressiva uscita di scena della “Signora” la cui causa appassionò il mondo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved