alla-cop26-appelli-ad-agire-subito-ma-india-e-cina-frenano
Keystone
A Glasgow c’è anche la giovane attivista Greta Thunberg
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
3 ore

Pfizer: vaccini a prezzo di costo nei paesi poveri

‘È ora di cominciare a chiudere questo divario fra chi ha accesso alle cure più avanzate e chi no’, ha detto al Wef il Ceo del colosso farmaceutico
Confine
3 ore

Stroncato da un infarto il senzatetto svizzero trovato a Como

Si tratta di un 66enne il cui corpo era stato scoperto da un giovane lo scorso 15 maggio
Estero
5 ore

Francia, fermato un 18enne: ‘Preparava un attentato per l’Isis’

Il giovane ha ammesso di star organizzando l’attacco. Un video in cui presta fedeltà allo Stato islamico è stato trovato in suo possesso.
Stati Uniti
8 ore

‘Aveva provato a chiamare i soccorsi, ma lui le ha sparato’

Massacro di Uvalde, lo straziante racconto delle piccole vittime della follia omicida del diciottenne
Estero
8 ore

Adesione alla Nato, delegazioni di Svezia e Finlandia in Turchia

Ankara appoggerà la candidatura dei Paesi scandinavi solo se questi rinunceranno al sostegno al gruppo armato Pkk
Speciale Ucraina
LIVE

Zelensky apre ai negoziati. Ma a patto che la Russia si ritiri

Orrore a Mariupol: rinvenuti duecento cadaveri tra le macerie di un rifugio. Segui il live de laRegione
Vaticano
13 ore

‘Basta col traffico indiscriminato delle armi!’

Al cordoglio per le vittime in Texas si unisce Papa Bergoglio. ‘Impegniamoci tutti perché tragedie così non possano più accadere’
Stati Uniti
14 ore

Foto di armi al compagno pochi giorni prima della strage

Dal racconto di altri studenti, il killer veniva spesso deriso per gli abiti che indossava e la situazione finanziaria della famiglia
Stati Uniti
16 ore

Texas, si aggrava il bilancio della sparatoria: 21 i morti

L’ira del presidente Biden: ‘Perché vogliamo vivere con questa carneficina? Perché continuiamo a consentire che questo accada?’
Stati Uniti
1 gior

Texas, spara in una scuola e uccide quindici persone

Tra le vittime quattordici bambini e un insegnante. Morto anche il sospetto autore della strage
svolta in vaticano
1 gior

Per la Cei Bergoglio sceglie Zuppi, ‘prete di strada’

Bassetti lascia la presidenza. Sul tavolo dei vescovi il dossier degli abusi
terrorismo
1 gior

L’Isis era pronto a uccidere Bush a Dallas

Il piano, che avrebbe dovuto scattare lo scorso anno è stato sventato dall’Fbi. Fermato un iracheno.
01.11.2021 - 21:00
Aggiornamento : 21:41

Alla Cop26 appelli ad agire subito. Ma India e Cina frenano

Toni allarmistici in apertura della Conferenza Onu sul clima di Glasgow. Eppure già appaiono le prime divisioni: la strada verso un accordo è in salita.

Glasgow – Occorre agire subito. La Cop26 di Glasgow si apre con questo appello dei capi di governo. Ma bastano poche ore per capire che la strada per raggiungere un accordo che consenta di azzerare le emissioni nel 2050 è in salita. Il leader cinese Xi Jinping manda un messaggio scritto al summit e in contemporanea il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin critica a testa bassa gli Usa, per l’inquinamento del passato: le sue emissioni storiche sono 8 volte quella della Cina.

Ma è soprattutto il premier indiano Modi a gelare il forum. “L’India raggiungerà l’obiettivo delle emissioni zero nel 2070", dice il giorno dopo esser stato al G20 di Roma nel quale l’impegno preso, seppure generico, era quello di azzerare le emissione a "metà del secolo". È un cambio di passo. Che attiva subito le diplomazie. Il premier italiano Mario Draghi in primis: "Sul piano degli obiettivi, delle ambizioni, non ci sono molte differenze - afferma il presidente del Consiglio italiano -. Sulla velocità con cui affrontare le sfide ancora ci sono divergenze. Che sia stato per la prima volta accettato da tutti che i gradi necessari siano un grado e mezzo e non due è molto importante". E aggiunge che al G20 l’India “ha molto aiutato” ad esempio sull’obiettivo di metà secolo: "con la diplomazia dello scontro non si arriva a niente”.

‘Sull’orlo della catastrofe’

La giornata viene aperta dal World Leaders Summit, la due giorni dei capi di stato e di governo. In mattinata il clima è diverso. In tutti gli interventi, dal presidente Usa Biden ai giovani attivisti indigeni, dal documentarista David Attenborough a Mario Draghi e Boris Johnson, è stato ripetuto con enfasi che il mondo è sull’orlo della catastrofe climatica, che occorre agire subito, che soldi e tecnologie ci sono, ma serve la volontà politica.

L’atmosfera formale e noiosa dei vertici internazionali si è scaldata con le paure e le speranze dei grandi momenti storici, e con la passione e la rabbia della generazione Greta, ammessa per la prima volta al cospetto dei leader, con gli interventi di giovani attivisti. Il principe Carlo ha sostenuto che i pericoli legati al clima sono più pericolosi del Covid. Ha evocato i tempi di guerra, evoca suo nonno Giorgio quando dice “dobbiamo metterci sul piede di guerra, serve una mobilitazione militare”.

Ma per combattere una guerra, bisogna prima mobilitare i cuori. E oggi in Scozia l’operazione è riuscita bene. Il padrone di casa, il premier Boris Johnson, è partito citando James Bond: “Come lui, dobbiamo salvare il mondo, ma il problema è che questo non è un film, è la realtà“. E poi: "L’umanità ha esaurito il tempo, resta un minuto prima della mezzanotte". "Dopo Parigi abbiamo fatto solo bla bla”, dice citando Greta Thunberg -, dobbiamo passare dalle parole all’azione". Un fallimento "scatenerebbe ondate di collera nel mondo". "Stiamo ancora andando verso il disastro climatico. I giovani lo sanno - gli fa eco subito dopo il segretario dell’Onu, Antonio Guterres -. Basta trattare la natura come fosse un gabinetto". Interviene anche Joe Biden: "È un decennio decisivo per il clima, la finestra si sta chiudendo". "Gli Usa daranno l’esempio, per dimostrare che non si tratta solo di parole ma di azioni. La nostra strategia prevede emissioni zero entro il 2050, e vogliamo aiutare tutti i Paesi del mondo”.

Doccia fredda da India e Cina

La cerimonia di apertura è inframezzata dagli interventi di giovani attivisti indigeni, in rappresentanza dei paesi meno sviluppati che hanno meno responsabilità nella crisi climatica, ma ne pagano il prezzo maggiore. Da Samoa all’Amazzonia, dall’Egitto al Kenya, raccontano della gente che soffre la fame e muore per il cambiamento climatico. A loro risponde idealmente il documentarista britannico David Attenborough, che chiede “una nuova rivoluzione industriale verde, con milioni di posti di lavoro”.

Ma le posizioni della Cina e dell’India, chiare fin dal primo giorno, rappresentano una doccia fredda agli interventi dei politici, una brusca frenata alle aspettative di un miglioramento dei risultati raggiunti al G20 che fan comprendere quanto difficile sarà, nonostante gli allarmi lanciati, raggiungere un accordo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cina clima conferenza cop26 glasgow india onu
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved