wang-a-blinken-gli-usa-non-ci-tradiscano-su-taiwan
Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
4 ore

Pfizer: vaccini a prezzo di costo nei paesi poveri

‘È ora di cominciare a chiudere questo divario fra chi ha accesso alle cure più avanzate e chi no’, ha detto al Wef il Ceo del colosso farmaceutico
Confine
5 ore

Stroncato da un infarto il senzatetto svizzero trovato a Como

Si tratta di un 66enne il cui corpo era stato scoperto da un giovane lo scorso 15 maggio
Estero
7 ore

Francia, fermato un 18enne: ‘Preparava un attentato per l’Isis’

Il giovane ha ammesso di star organizzando l’attacco. Un video in cui presta fedeltà allo Stato islamico è stato trovato in suo possesso.
Stati Uniti
9 ore

‘Aveva provato a chiamare i soccorsi, ma lui le ha sparato’

Massacro di Uvalde, lo straziante racconto delle piccole vittime della follia omicida del diciottenne
Estero
10 ore

Adesione alla Nato, delegazioni di Svezia e Finlandia in Turchia

Ankara appoggerà la candidatura dei Paesi scandinavi solo se questi rinunceranno al sostegno al gruppo armato Pkk
Speciale Ucraina
LIVE

Zelensky apre ai negoziati. Ma a patto che la Russia si ritiri

Orrore a Mariupol: rinvenuti duecento cadaveri tra le macerie di un rifugio. Segui il live de laRegione
Vaticano
14 ore

‘Basta col traffico indiscriminato delle armi!’

Al cordoglio per le vittime in Texas si unisce Papa Bergoglio. ‘Impegniamoci tutti perché tragedie così non possano più accadere’
Stati Uniti
16 ore

Foto di armi al compagno pochi giorni prima della strage

Dal racconto di altri studenti, il killer veniva spesso deriso per gli abiti che indossava e la situazione finanziaria della famiglia
Stati Uniti
17 ore

Texas, si aggrava il bilancio della sparatoria: 21 i morti

L’ira del presidente Biden: ‘Perché vogliamo vivere con questa carneficina? Perché continuiamo a consentire che questo accada?’
31.10.2021 - 15:44

Wang a Blinken: ‘Gli Usa non ci tradiscano su Taiwan’

La Cina ha esortato gli Stati Uniti a rendersi conto ‘del grave danno che si creerebbe con l’indipendenza di Taiwan’

Ansa, a cura de laRegione

La Cina esorta gli Stati Uniti a rendersi conto «del grave danno dell‘indipendenza di Taiwan. Chiediamo agli Usa di perseguire una vera politica della ’Unica Cina’, non una falsa o di dire una cosa e di farne un’altra; chiediamo agli Usa di onorare i propri impegni nei confronti della Cina, non il loro tradimento».

Il ministro degli esteri Wang Yi, incontrando il segretario di Stato Antony Blinken a margine del G20 di Roma, ha affermato che «il vero status quo su Taiwan è che esiste una sola Cina. Taiwan è una parte della Cina ed entrambe sono parte dello stesso paese». La questione di Taiwan è la «più delicata tra Cina e Usa».

L’esperienza storica, ha aggiunto Wang in una nota diffusa dal ministero degli esteri di Pechino, «ha ripetutamente dimostrato che qualsiasi cambiamento a questo status quo danneggerà seriamente la stabilità dello Stretto di Taiwan e creerà persino una crisi».

Di recente, la situazione è tornata tesa e «gli Stati Uniti hanno ripetutamente affermato che ciò è stato causato dai cambiamenti dello status quo della Cina. Questo non è affatto un dato di fatto, ma un grave inganno per la comunità internazionale».

Il punto cruciale dell‘attuale situazione nello Stretto di Taiwan «è che le autorità di Taiwan hanno ripetutamente cercato di rompere il quadro della ’Unica Cina’, ha rilevato Wang, menzionando "la connivenza e il sostegno degli Usa. Fermare lo sviluppo della tendenza all’indipendenza di Taiwan significa mantenere la pace attraverso lo stretto di Taiwan».

Blinken, da parte sua, ha ribadito che gli Stati Uniti continueranno ad aderire alla politica della Unica Cina, aggiungendo - sempre nel resoconto di Pechino - che gli Usa concordano sul fatto che le due parti dovrebbero sviluppare le relazioni bilaterali in uno spirito di rispetto reciproco, mantenere la comunicazione con la Cina e gestire le differenze in modo responsabile per evitare scontri o addirittura crisi.

Politica sbagliata

Negli ultimi anni le relazioni tra Cina e Stati Uniti hanno subito un impatto negativo «a causa della politica sbagliata» americana, «con interferenze arbitrarie negli affari interni della Cina», con «l’attuale Congresso Usa che ha introdotto più di 300 progetti di legge contro la Cina" e con "più di 900 entità e individui cinesi inclusi in vari elenchi di sanzioni unilaterali».

Wang ha lamentato anche «la grave interruzione dei normali scambi» bilaterali, lavorando alla costituzione di «piccoli circoli su scala globale» contro la Cina ed esercitando «persino pressioni su molti paesi di piccole e medie dimensioni».

Sono pratiche, ha lamentato Wang, secondo una nota del ministero degli esteri, che «non sono nell’interesse delle popolazioni dei due paesi, non sono in linea con le aspettative della comunità internazionale e non sono in linea con il trend di sviluppo dei tempi, alle quali la Cina si oppone con forza».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
blinken cina indipendenza politica stati uniti taiwan wang
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved