ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
1 ora

Benzina, lo sconto in Italia cala ma il prezzo resta migliore

In provincia di Como non sono preoccupati: ‘Rimaniamo molto più competitivi che in Ticino, per un pieno da noi si risparmieranno una decina di euro’
Spagna
2 ore

Bomba-carta all’ambasciata ucraina a Madrid, un ferito

La persona coinvolta nell’episodio ha ricevuto assistenza sanitaria, ma le sue condizioni non sarebbero gravi. Aperta un’indagine sull’accaduto
Italia
6 ore

Cambia il decreto rave, escluse le manifestazioni

Non muta invece la pena, che resta da 3 a 6 anni, come restano possibili le intercettazioni, circoscritte alle indagini sull’organizzazione dell’evento
Estero
10 ore

È morto l’ex presidente cinese Jiang Zemin

Aveva 96 anni ed era malato di leucemia. Guidò la Cina dalla fine degli anni Ottanta verso il nuovo millennio
Video
Italia
12 ore

Frana a Ischia: la vignetta dello scandalo

Intanto è spuntato nelle ultime ore un video che riprende il momento esatto del tragico scoscendimento
Tunisia
12 ore

Scoop terroristico senza rivelare fonti: giornalista condannato

All’agente delle forze dell’ordine, che è stato la ‘talpa’ del servizio mandato in onda su una radio, tre anni di reclusione
Confine
13 ore

Sequestrati a Ronago otto orologi per un valore di 350mila euro

I sette Rolex e un Patek Philippe erano a bordo di un’auto in entrata in Italia dalla Svizzera. Denunciate due persone.
Estero
22 ore

Kiev e la diplomazia ripiombano nel buio

Un’altra giornata di guerra, un’altra giornata di speranze deluse e provocazioni. Intanto l’Alleanza atlantica rilancia il suo impegno
Estero
22 ore

La Cina sceglie la repressione, ma non solo

Pechino incolpa le ‘forze ostili’ ed è pronta a prevenire e sedare ulteriori proteste contro le misure anti-Covid, ma non esclude qualche allentamento
Confine
1 gior

Confine, possibili scioperi dei treni italiani

Il due dicembre sarà una giornata di astensione dal lavoro in tutte le categorie pubbliche e private. Questo potrebbe causare disagi a chi viaggia
Estero
1 gior

L’Ue sempre più tecnologica: arrivano i droni 2.0

Potranno essere impiegati per servizi di emergenza, mappatura, ispezione e sorveglianza, consegna urgente di medicinali o anche come ‘aerotaxi’
Thailandia
1 gior

Tutti i monaci positivi all’antidroga: chiude il tempio buddista

Accade in Thailandia. I religiosi sono risultati positivi al test anti-metanfetamina e inviati in una clinica specializzata
29.10.2021 - 22:05

Al G20 intesa sul clima appesa a un filo, la Cina non cede

Xi Jinping non accetta il 2050 per azzerare emissioni: ‘Serve più tempo’. Gli esperti: senza azioni urgenti a rischio almeno il 4% del Pil.

al-g20-intesa-sul-clima-appesa-a-un-filo-la-cina-non-cede
Keystone
Biden, un americano a Roma

Roma – Un accordo al G20 sul tema più divisivo, quello della lotta al cambiamento climatico, non è ancora stato raggiunto, perché il gigante cinese non vuole saperne di accorciare i tempi per azzerare le emissioni. Non è escluso, a questo punto, che le trattative andranno avanti fino all’ultimo momento disponibile per arrivare al summit dei leader a Roma con un documento condiviso. Con il rischio sempre più concreto di un compromesso al ribasso.

Un accordo al G20 sui gas serra sarebbe il miglior viatico in vista della conferenza sul clima in programma a Glasgow da domenica. Tutti e 20 i Paesi, leggendo le bozze che circolano, si vogliono impegnare per contenere il surriscaldamento del pianeta sotto la soglia di 1,5 gradi. Nel confronto su come arrivarci, però, si ripropone la contrapposizione tra le grandi economie occidentali (Usa e Ue spendono 25 miliardi l’anno per la transizione ecologica) e i cosiddetti Paesi emergenti, come Cina, India e Russia e Arabia Saudita, che si nutrono quasi esclusivamente di combustili fossili.

Russia, Cina e India puntano i piedi

La data chiave è il 2050, che Ue e Usa indicano come ultima linea per azzerare le emissioni, mentre Pechino (che prevede il picco nel 2030) guida il fronte di chi sposta l’obiettivo dieci anni più in là. Lo ha chiarito direttamente Xi Jinping parlando con il premier britannico Boris Johnson: il raggiungimento del picco delle emissioni e della neutralità carbonica comporteranno un “ampio e profondo cambiamento economico e sociale“, che sarà fatto "passo dopo passo”, con gradualità.

Il carbone che la Cina continua a estrarre dalle sue miniere, in quantità crescenti, è ancora considerato vitale per la propria economia, soprattutto in questa fase di crisi energetica globale. Lo stesso vale per la Russia con i suoi giacimenti di gas. Da questo punto di vista, la mancata partecipazione in presenza di Xi e Vladimir Putin al vertice di Roma (interverranno in video) è forse un segnale che i due leader vogliano evitare di finire accerchiati. Anche l’India però, il terzo paese inquinatore al mondo, punta il dito sulle emissioni degli occidentali.

Il costo dell’inerzia

In questa fase, con il summit ormai alle porte, un compromesso a cui si lavora è che i leader del G20 si impegnino ad “eliminare gradualmente e razionalizzare” i sussidi ai combustibili fossili entro il 2025 ed evitare di costruire nuove centrali a carbone. Ma "tenendo conto delle circostanze nazionali”. Quindi, di fatto, si continuerà a proseguire in ordine sparso.

Calcoli alla mano, nello scenario peggiore – cioè senza azioni urgenti per ridurre le emissioni di carbonio – le perdite di Pil dovute ai danni climatici nei paesi del G20 saliranno ad almeno il 4% annuo entro il 2050 e possono spingersi oltre l‘8% entro il 2100, equivalente al doppio delle perdite economiche del blocco dovute al Covid-19. Sono alcuni dati contenuti nell’‘Atlante dei rischi climatici del G20. Impacts, policy, economics’, il primo studio approfondito del genere, realizzato dalla Fondazione Cmcc (Centro euro mediterraneo sui cambiamenti climatici), che ha messo a fuoco la situazione di ciascuno dei Paesi del G20.

Vaccinazione, obiettivo 70% entro metà 2022

Sul fronte della lotta al Covid, al contrario, i grandi della Terra sono tutti d’accordo che la chiave per la fine della pandemia e per la ripresa economica su scala globale sia la vaccinazione di massa. Il G20 si è posto come obiettivo almeno il 40% della popolazione mondiale entro fine 2021, e il 70% entro metà 2022, come raccomandato dall’Oms, attraverso "misure per spingere le forniture di vaccini e dei prodotti medici essenziali”. E fonti vicine al dossier hanno riferito che l’impegno per metà 2022 rappresenta un passo avanti rispetto alla tempistica più ampia indicata fino a poco tempo fa.

Una ripresa economica più omogenea a livello planetario passa anche da un maggior contributo delle multinazionali. Il meccanismo concordato al G20 è la cosiddetta Global Minimum Tax, che prevede un’aliquota minima del 15% in qualunque Paese i colossi aziendali operino. "Una decisione di importanza storica”, ha sottolineato il commissario Ue all’Economia Paolo Gentiloni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved