ungheria-un-outsider-per-sfidare-orban
Peter Marky–Zay (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
5 ore

Strage di Uvalde, morto di dolore il marito della maestra eroina

Due giorni dopo la strage che è costata la vita alla moglie Irma e ad altri 19 bambini, Joe Garcia è morto d’infarto
Estero
6 ore

Ciriaco De Mita, la politica s’inchina all’ultimo premier Dc

Morto oggi ad Avellino all’età di 94 anni. Il Presidente Mattarella, in un lungo comunicato non formale: ‘Un innovatore nel solco di Sturzo e Moro’.
Confine
8 ore

Disastro al Mottarone: ‘Fune vecchia ed errori umani’

Depositata la relazione intermedia della Commissione di indagine del Ministero dei trasporti. Poco spazio alla tesi della tragica fatalità
Estero
10 ore

Kiev: ‘Segnali di un’escalation a est’

Nel frattempo Mosca disposta a lasciar uscire dal porto di Mariupol le navi che portano grano solo se si eliminano le sanzioni. Segui il live de laRegione
Estero
11 ore

‘I poliziotti non hanno attuato protocollo post Columbine’

Dopo la strage avvenuta nel 1999 il protocollo prevede che gli agenti armati presenti sulla scena trovino l’aggressore e lo uccidano
Confine
11 ore

Milano-Zurigo in tre ore? ‘Il terzo binario va fatto’

In un’interrogazione la parlamentare comasca Chiara Braga sottolinea l’importanza di implementare la struttura ferroviaria tra Camnago e Cantù
Estero
13 ore

Il Wwf critica il ‘culto della bellezza’ per frutta e verdura

Il 40% degli alimenti prodotti globalmente non viene consumato. È come se tutto il cibo prodotto da gennaio a oggi fosse stato buttato
Estero
13 ore

Protestò in diretta contro la guerra, premiata giornalista russa

Marina Ovsyannikova ha ricevuto il riconoscimento Vaclav Havel per i diritti umani, assegnato ogni anno dall’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa
Estero
13 ore

Uk, imposta una tassa sui profitti ai giganti di petrolio e gas

La misura è temporanea e servirà a contrastare l’aumento dei prezzi dell’energia
Estero
15 ore

‘Ora andare in discoteca mi mette ansia’

Su TikTok spopola la ‘Boiler summer cup’, una sfida a punti che premia chi riesce ad adescare le ragazze ritenute in sovrappeso
18.10.2021 - 21:53

Ungheria, un outsider per sfidare Orban

Peter Marki-Zay guiderà il fronte unito delle opposizioni al voto 2022: ‘Ringrazio gli elettori, ora sfidiamo il regime’

Ansa, a cura de laRegione

Sarà un outsider della politica, Peter Marki-Zay, il candidato di tutte le opposizioni a sfidare Viktor Orban alle prossime politiche di aprile in Ungheria. La sua vittoria alle primarie ha suscitato entusiasmo nell’opposizione ma lo ha anche scosso. Marki-Zay ha vinto con una maggioranza convincente contro l’eurodeputata Klara Dobrev, e guiderà un’alleanza di sei partiti: ma la spinta fondamentale per il successo è arrivata dal mondo della società civile, che ai partiti è spesso ostile.

L’identikit

Cattolico conservatore, come si autodefinisce, 49 anni, economista e ingegnere, padre di sette figli, Marki-Zay è infatti appoggiato da un vasto movimento civico estraneo ai professionisti della politica. Dopo aver lavorato in Canada e negli Stati uniti, nel 2018 a sorpresa riuscì vincere alle amministrative nella sua città natale, Hodmezovasarhely (nel sud del paese), diventando sindaco di un’ex roccaforte del Fidesz grazie all’unione di tutte le forze di opposizione: fu la prima vittoria elettorale contro il partito di Orban dal 2010. Poi ha lanciato il movimento ‘Ungheria di tutti noi’ cercando di organizzare un fronte comune della società civile, ostile all’elite dei partiti di Budapest. La coalizione dei sei partiti d’opposizione che va dalla sinistra ai centristi nazionalisti, attraverso Verdi e liberali, lo ha sempre guardato con diffidenza, ma Marki-Zay si è sempre detto convinto di avere le chance migliori contro Orban.

La svolta nella campagna è avvenuta col ritiro dalla corsa di Gergely Karacsony, sindaco verde di Budapest, dato per favorito dalla stampa ungherese e internazionale: un passo indietro deciso proprio a favore del leader del movimento civico. “La vittoria di Marki-Zay è una cattiva notizia per Orban - ha osservato l’analista Robert Laszlo, dell’istituto Political Capital - perché la propaganda filo-governativa troverà difficilmente presa su di lui". Dobrev aveva infatti un punto debole nel marito, il leader del partito Democratico Ferenc Gyurcsany, figura controversa della politica ungherese: l’ex premier, vinte le elezioni nel 2006, ammise di aver mentito agli elettori. La propaganda filo-Orban aveva cercato di screditare le primarie proprio affermando che si preparasse "il ritorno di Gyurcsany e della sua politica fallimentare e di menzogne”. Una retorica ormai inefficace.

Momento di svolta

Marki-Zay ha ringraziato gli elettori per la fiducia e ha chiesto ai partiti dell’alleanza di lavorare con lui “per cacciare il regime di Orban”. Fra gli obiettivi centrali del suo programma smascherare la corruzione, riequilibrare i meccanismi della legge elettorale che favorisce Fidesz, l’adesione alla Procura europea e l’entrata prima possibile dell’Ungheria nella zona euro. “La nostra politica sarà fondata sull’amore per gli altri, invece che sull’incitamento all’odio di Orban. Costruiremo insieme una nuova Ungheria, basata sull’onestà”, ha promesso.

La lotta contro la corruzione si indirizzerà anche contro le frange dei partiti al governo prima di Orban, socialisti e democratici, e questo potrebbe rendere difficile la tenuta dell’alleanza guidata dal partito più forte, proprio il partito Democratico (Dk) di Gyurcsany. Ma Marki-Zay, malgrado tutto, è ottimista. E conta sui giovani del partito Momentum. La partecipazione in massa di elettori alle primarie - fra i due turni hanno votato più di 850 mila - gli attribuisce grande legittimazione come nuovo leader. “La politica ungherese finalmente lascia dietro di sé il duello Orban-Gyurcsany e si apre ad una reale possibilità di cambiamento”, ha scritto il giornale Nepszava.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
opposizioni peter marki-zay politica ungheria viktor orban
© Regiopress, All rights reserved