russia-e-nato-ai-ferri-corti-mosca-rompe-le-relazioni
Keystone
Il ministro degli Esteri russo Lavrov
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
6 ore

Strage di Uvalde, morto di dolore il marito della maestra eroina

Due giorni dopo la strage che è costata la vita alla moglie Irma e ad altri 19 bambini, Joe Garcia è morto d’infarto
Estero
6 ore

Ciriaco De Mita, la politica s’inchina all’ultimo premier Dc

Morto oggi ad Avellino all’età di 94 anni. Il Presidente Mattarella, in un lungo comunicato non formale: ‘Un innovatore nel solco di Sturzo e Moro’.
Confine
8 ore

Disastro al Mottarone: ‘Fune vecchia ed errori umani’

Depositata la relazione intermedia della Commissione di indagine del Ministero dei trasporti. Poco spazio alla tesi della tragica fatalità
Estero
11 ore

Kiev: ‘Segnali di un’escalation a est’

Nel frattempo Mosca disposta a lasciar uscire dal porto di Mariupol le navi che portano grano solo se si eliminano le sanzioni. Segui il live de laRegione
Estero
11 ore

‘I poliziotti non hanno attuato protocollo post Columbine’

Dopo la strage avvenuta nel 1999 il protocollo prevede che gli agenti armati presenti sulla scena trovino l’aggressore e lo uccidano
Confine
12 ore

Milano-Zurigo in tre ore? ‘Il terzo binario va fatto’

In un’interrogazione la parlamentare comasca Chiara Braga sottolinea l’importanza di implementare la struttura ferroviaria tra Camnago e Cantù
Estero
13 ore

Il Wwf critica il ‘culto della bellezza’ per frutta e verdura

Il 40% degli alimenti prodotti globalmente non viene consumato. È come se tutto il cibo prodotto da gennaio a oggi fosse stato buttato
Estero
14 ore

Protestò in diretta contro la guerra, premiata giornalista russa

Marina Ovsyannikova ha ricevuto il riconoscimento Vaclav Havel per i diritti umani, assegnato ogni anno dall’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa
Estero
14 ore

Uk, imposta una tassa sui profitti ai giganti di petrolio e gas

La misura è temporanea e servirà a contrastare l’aumento dei prezzi dell’energia
18.10.2021 - 18:41
Aggiornamento : 21:42

Russia e Nato ai ferri corti, Mosca rompe le relazioni

Mosca ‘sospende’ il lavoro della sua missione permanente alla Nato come rappresaglia per l’espulsione di otto funzionari accusati di spionaggio

Mosca – “È inutile fingere” che i rapporti con la Nato possano “cambiare nel prossimo futuro”. A suonare il de profundis nelle relazioni tra la Russia e l’Alleanza Atlantica è il ministro degli Esteri Serghei Lavrov. L’ultima schermaglia è diplomatica, fortunatamente le truppe se ne stanno tranquille nelle loro basi. Ma il dialogo, a livello formale, è rotto.

Mosca infatti ha deciso di “sospendere” il lavoro della sua missione permanente alla Nato come rappresaglia per l’espulsione, a inizio mese, di otto funzionari, accusati di essere spie sotto copertura. Non solo. Anche le strutture dell’Alleanza nella capitale russa verranno “sospese” o “cancellate” del tutto. “La Nato - chiosa senz’appello Lavrov - non è interessata né al dialogo paritario né al lavoro comune”.

Relazioni congelate

La tagliola dunque cadrà su due rami distinti dell’Alleanza a Mosca. La Missione di Collegamento Militare, da una parte, e l’Ufficio Informazioni, dall’altra. Nel primo caso l’attività verrà “sospesa”, con l’accreditamento del personale ritirato entro il primo novembre, mentre nel secondo la struttura - istituita presso l’ambasciata del Belgio - cesserà proprio di esistere. “Se la Nato avrà delle questioni urgenti da trattare potrà contattare il nostro ambasciatore in Belgio”, ha aggiunto Lavrov. Poco dopo il ministero ha poi corretto leggermente il tiro, chiarendo che un ambasciatore dei Paesi del blocco Nato potrà, all’occorrenza, ricoprire il ruolo di “intermediario” se ci saranno comunicazioni rilevanti con la parte russa. Ma la sostanza non cambia: il grado d’interazione passa a zero.

“La dura risposta della Russia alle espulsioni e alle restrizioni imposte dalla Nato alla sua missione a Bruxelles congela di fatto le relazioni: l’unico canale di comunicazione a livello militare ora è quello Russia-Usa, la Nato è fuori dall’equazione”, ha commentato Dmitri Trenin, direttore del Centro Carnegie di Mosca.

Botta e risposta

La Nato aveva annunciato il 6 ottobre di aver tagliato il personale della missione russa presso l’Alleanza da 20 membri a 10, revocando contestualmente l’accreditamento di otto diplomatici e abolendo due posizioni vacanti; ai diplomatici russi è stato chiesto di lasciare Bruxelles entro la fine di ottobre. Mosca aveva promesso una risposta “a tempo debito”. Ed eccola qua. Al momento non è chiaro che impatto ci sarà sul Consiglio Nato-Russia, nato a Roma nel 2002 e cresciuto nel tempo con una ridda di commissioni e sottocommissioni operative, dal terrorismo all’Afghanistan. Di certo c’è che l’Ufficio Informazioni di Mosca, che tra i suoi compiti ha “la distribuzione d’informazioni ufficiali della Nato al grande pubblico russo, compresi i mass media, le agenzie statali, le legislature federali e regionali, i militari, le organizzazioni non governative e le istituzioni educative e di ricerca”, sarà un orpello del passato.

“Abbiamo preso atto delle parole del ministro Lavrov ai media, tuttavia non abbiamo ricevuto alcuna comunicazione ufficiale sulle questioni da lui sollevate”, si è limitata a rispondere la Nato tramite il portavoce Oana Lungescu.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
mosca nato rappresaglia russia serghei lavrov
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved