NJ Devils
5
PHI Flyers
2
fine
(1-1 : 1-0 : 3-1)
CHI Blackhawks
0
SJ Sharks
2
fine
(0-0 : 0-1 : 0-1)
BOS Bruins
3
VAN Canucks
2
fine
(1-1 : 0-1 : 2-0)
ANA Ducks
1
TOR Leafs
3
3. tempo
(0-0 : 0-2 : 1-1)
e-morto-angelo-licheri-cerco-di-salvare-alfredino-nel-pozzo
Wikipedia
Angelo Licheri sorretto dopo essere uscito dal pozzo
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
4 ore

Barbados diventa Repubblica e rimpiazza Elisabetta

Il 30 novembre, a 50 anni dall’indipendenza dal Regno Unito, s’insedierà la prima presidente. Alla cerimonia parteciperà anche il principe Carlo.
coronavirus
7 ore

Avanza la variante Omicron, un caso sospetto in Svizzera

Gli esperti: ‘Più contagiosa, ma meno pericolosa’. Israele chiude i confini e aumentano i casi rilevati in Europa
Estero
7 ore

Frontex, sorvoli per evitare altri morti nella Manica

Vertice sui migranti senza il Regno Unito, ma Parigi tende la mano: ‘Lavoriamo tutti assieme’
stati uniti
7 ore

Spara col fucile per gioco e uccide l’amico di 5 anni

A premere il grilletto un ragazzino di appena 13 anni, portato in carcere dalla polizia. Aumentano le vendite di armi negli Usa
Estero
13 ore

Moderna: se necessario, un nuovo vaccino pronto a inizio 2022

La casa farmaceutica precisa che serviranno circa due settimane per un’idea precisa sull’efficacia dei vaccini contro la variante Omicron
Estero
16 ore

Repubblica Ceca, Petr Fiala è il nuovo premier

Il nuovo governo dovrebbe avere 18 ministri dei cinque partiti che a novembre hanno firmato l’accordo di coalizione
Estero
16 ore

Ripartono domani a Vienna i colloqui con l’Iran sul nucleare

Pochi giorni fa Teheran aveva ribadito di non voler rinunciare al proprio programma. Il clima prevalente è di generale pessimismo
Estero
17 ore

Serbia, bagno di folla per Vucic alla convention del suo partito

In un clima elettrizzato, con cori da stadio e sventolio di vessilli, il presidente ha sfoderato alcuni elementi del suo repertorio nazionalpatriottico
Estero
17 ore

‘Omicron dà sintomi lievi’

Così si è espressa Angelique Coetzee, presidente della Associazione dei medici del Sudafrica
Estero
19 ore

Omicron, Israele chiude le sue frontiere

Il primo ministro Naftali Bennett: ‘La priorità assoluta ora è mantenere un’economia funzionante e un sistema scolastico attivo’
Estero
1 gior

Test molecolare e isolamento per chi entra in Gb

Lo ha detto il premier Boris Johnson, il quale ha anche dichiarato che sarà introdotto l’obbligo della mascherina nei negozi e sui trasporti pubblici
Estero
18.10.2021 - 15:040
Aggiornamento : 15:39

È morto Angelo Licheri, cercò di salvare Alfredino nel pozzo

Licheri si offrì volontario e si fece calare a testa in giù per 45 minuti nel pozzo in cui era caduto il bambino di Vermicino, ma senza successo

Non si sentiva un eroe, ma Angelo Licheri era molto di più. Col suo volto neorealista, distrutto e infangato, raccontò quella tragedia immensa e mediatica che fu la morte di Alfredino Rampi. Lì, ai bordi del pozzo di Vermicino, Licheri, nato a Gavoi 77 anni fa e morto la scorsa notte a Nettuno, ci arrivò proprio guardando la tv: decise che non poteva continuare la sua vita di marito e padre e di autista per una tipografia senza tentare di salvare un bambino di sei anni, un bimbo che la sera del 10 giugno del 1981 era diventato un po’ figlio di tutti. “Cercavano uno piccolo, e allora sono andato”, raccontò poi, quando la morte di Alfredino lo stava già accompagnando nella vita. Licheri sapeva che cercavano volontari, esili e coraggiosi, per i soccorsi: per non far preoccupare la moglie, disse di andare a comprare le sigarette. Ma andò a Vermicino perché voleva salvare Alfredino. “Arrivato chiesi di Elveno (Pastorelli, il prefetto che coordinò le operazioni di salvataggio, ndr) e della madre di Alfredino”, raccontò. Il pozzo era largo 28 centimetri, Angelo non era uno speleologo ma era minuto a sufficienza. E soprattutto era determinato. “Può stare non più di venti minuti”, dissero gli esperti. E fu calato a testa in giù la notte tra il 12 e il 13 giugno, 54 ore dopo che il bimbo era precipitato.

Di minuti, tra il fango, il dolore, il buio e le speranze spezzate, Angelo ne rimase 45: tentò per sette volte di salvare Alfredino, tutte e sette le volte non riuscì. Scese per 60 metri, nessuno riuscì ad arrivare così profondamente, addirittura, per andare più giù usò il suo corpo gracile come un ariete (“tiratemi per qualche metro su e poi fatemi scendere”) e si scorticò le anche. Riuscì, unico, a toccare il volto del bimbo pulendolo dal fango, cercò più volte di assicurarlo alle corde, imbracarlo ma “c’era il fango e scivolava”. “È vivo ma rantola”, disse come ricorda nel suo libro Massimo Gamba “Alfredino l’Italia nel pozzo”. “Sentivo che respirava, gli ho detto che se riuscivo a tirarlo fuori lo portavo con me in Sardegna”, raccontò poi Licheri. In uno dei salvataggi addirittura, lottando contro la fatica, prese il bambino per un braccio e si rese conto che al bimbo si era spezzato il polso. Nell’ultimo tentativo prese Alfredino per la canottiera ma questa si stracciò assieme a tutta la volontà di Angelo. “Con le dita gli ho mandato un bacio, poi ho chiesto di essere tirato su velocemente”, ricordò ancora. E nella foto che lo ritrae fuori dal pozzo, l’incubo di ogni favola cattiva, con la canottiera lercia e gli occhi esausti c’era già tutta la tragedia di Vermicino. E si cominciò a capire che era finita. Il bimbo morì infatti il 13 giugno. Angelo si porterà sempre quel pozzo dentro.

Ai funerali di Alfredino è in prima fila, porta la bara, ha un mancamento ma si scusa “per il disturbo”. Poi ritorna alla sua vita ma non è più come prima, “avevo perso ogni vivacità” dice in un’intervista. Resta legato ai genitori del bimbo e partecipa a ogni iniziativa per ricordarlo, come la raccolta fondi per dedicare un murale alla tragedia che non solo rese la televisione, nella sua crudezza, più umana ma evidenziò la necessità di una professionalità nei soccorsi gettando le basi per la Protezione civile. A ogni intervista, tante in questo triste quarantennale, piangeva. Ma guai a chiamarlo eroe. “Ho rifiutato 27 medaglie d’oro e tanti premi, ho fallito: come potevo accettare?”, disse severissimo con se stesso ma clemente con la sua grande generosità.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved