attori-pugili-e-figli-di-dittatori-candidati-alla-presidenza
Una fan di Manny Pac-Man Pacquaio (Keystone
+2
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
4 ore

Caldo da record: a Nuova Delhi raggiunti i 49,2 gradi

Da settimane la severa ondata di calore sta colpendo il nord dell’India e il Pakistan. Gravi le conseguenze per l’agricoltura.
speciale ucraina
LIVE

Berlino: ‘Presto una decisione Ue sul petrolio russo’

Lo ha affermato la ministra degli esteri tedesca Annalena Baerbock: ‘Noi europei siamo più uniti che mai’. Segui il live de laRegione
Gallery
Confine
20 ore

Fra le acque del Ceresio spunta... un capriolo

Insolito ‘bagnante’ stamane nello specchio d’acqua antistante a Porlezza, finito al largo forse perché spaventato da un predatore
Confine
1 gior

‘Un aereo è caduto a Orsenigo’. Ma è un falso allarme

Prima l’appello dalla centrale operativa di Roma, poi la smentita da Verzago: ‘Nessun velivolo in quella zona’
Speciale Ucraina
1 gior

La Finlandia bussa alla Nato: ‘Da soli nessun futuro’

All’Azovstal ‘speranze perse: pronti alla battaglia finale’; no di Mosca a negoziati coi combattenti dell’acciaieria. Segui il live de laRegione
Estero
1 gior

Radicalizzato durante il lockdown il killer di Buffalo

Si sarebbe ispirato ai fatti di Christchurch il suprematista 18enne protagonista della carneficina in un supermercato
Stati Uniti
1 gior

Suprematista uccide dieci persone al supermercato

Un 18enne folle, armato di fucile semiautomatico, semina il panico e fa una strage a Buffalo. Poi si consegna alle forze dell’ordine
Italia
1 gior

Spiagge ‘roventi’ e mare sempre più... salato in Italia

Caro-benzina e caro-bollette spingono verso l’alto i prezzi negli stabilimenti balneari della vicina Penisola. Rincaro medio del 12%
Estero
1 gior

Addio mascherina fra le nuvole. Ma non in Italia

Da domani sui voli europei se ne potrà fare a meno. Con qualche eccezione: ecco cosa cambia nel dettaglio
Estero
1 gior

Caro-concimi? Niente paura: scarti di pesce per i campi

Ecco il modo ‘green’ per riutilizzare 27 milioni di tonnellate di prodotti, provenienti dall’industria ma anche dalla pesca professionale
Confine
1 gior

Bracconieri sul Monte Generoso, due denunce

Sequestrate dalla Polizia di Como pure pistole di grosso calibro provenienti dal Ticino
Speciale Ucraina
1 gior

Zelensky: ‘Non lasceremo nessuno nelle mani del nemico’

Putin fa la voce grossa con la Finlandia: interrotte le forniture di elettricità. Segui il live de laRegione
Italia
1 gior

È nel Bergamasco il ponte tibetano più lungo al mondo

La struttura, che misura 505 m e con un’altezza massima di 120 m, si trova a Dossena. Nelle prossime settimane l’apertura al pubblio
Hong Kong
1 gior

Rubano uno scritto di Mao, condannati in tre

Ignari del suo valore, l’avevano poi rivenduto (per meno di 25 euro) a un acquirente. Che per comodità l’aveva tagliado in due parti
Francia
1 gior

A Grenoble è battaglia su... burkini e monokini

Botta e risposta fra favorevoli e contrari alla ‘riforma’ dei costumi da bagno. ‘Divieti aberranti’, ‘No, versione acquatica del velo islamico’
Confine
2 gior

Frontalieri con figli a carico: assegno universale più vicino

Dopo il sollecito all’Inps dalle Casse di compensazione svizzere, negli scorsi giorni c’è stato un incontro con Cgil, Cisl e Uil
Estero
2 gior

Castex si dimette. Anzi no: gaffe del Governo francese

Pubblicate sul sito internet ufficiale le dimissioni del Primo ministro. Ma l’annuncio è atteso solo nei prossimi giorni
Italia
2 gior

Tre diciannovenni aggredite alla fermata del bus

Protagonista dell’episodio, avvenuto nella notte a Milano, un 33enne con precedenti, già arrestato con l’accusa di violenza sessuale
Italia
2 gior

Cortina 2026, gravissimi ritardi e difformità

È bufera sul rifacimento della pista di Cortina. E un gruppo di esponenti politici prende carta e penna per scrivere al presidente del Cio
filippine
laR
 
11.10.2021 - 22:07

Attori, pugili e figli di dittatori candidati alla presidenza

Nel Paese del nuovo premio Nobel per la pace Maria Ressa scatta la successione a Duterte, l’uomo dal pugno di ferro che si autodefinì Hitler

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Un ex pugile pluricampione del mondo, un poliziotto, un attore, la figlia di due attori, il figlio di un dittatore, la figlia del presidente con un debole per la violenza di Stato, la vicepresidentessa che non sopportava il presidente. E il presidente che forse si candida come vicepresidente. Sembra teatro situazionista, sono le prossime elezioni presidenziali nelle Filippine: si terranno il 9 maggio del prossimo anno, ma carte e candidature si scoprono in questi giorni. Gli stessi in cui il Comitato del Nobel per la Pace ha acceso i riflettori sul Paese asiatico premiando la giornalista filippina Maria Ressa.

Su Rappler, il giornale da lei fondato nel 2012, Ressa ha denunciato - pagandone le conseguenze fino al carcere - l’arroganza e quell’agire perennemente al di sopra e al di fuori della legge del Don Rodrigo locale, Rodrigo Duterte, il presidente che ha scelto di combattere la violenza con la violenza. Nella sua Davao, città di cui era sindaco, riuscì, con metodi sbrigativi (e non degni di un Paese democratico, a detta dei suoi detrattori) a trasformare uno dei luoghi più pericolosi del Paese in una città a misura di turista.


Il premio Noble per la Pace Maria Ressa (Keystone)

Ripulita Davao, che prima del suo arrivo era ribattezzata “Nicaragdao”, Duterte pensò di fare lo stesso in tutte le Filippine iniziando una campagna contro la droga senza precedenti e senza regole: stando ai numeri di un organo statale indipendente, i morti ammazzati dalla polizia e dai militari sono stati in pochi anni ben 27 mila. Molti di loro, si scoprirà, ricoprivano ruoli marginali o addirittura nessun ruolo, all’interno delle organizzazioni criminali. Lui, per tenere alta la sua nomea di uomo tutto d’un pezzo si autodefinì Hitler, ha dato del “figlio di putt…” a Papa Francesco, ha insultato Barack Obama, è andato in tv - senza uno straccio di prova - a fare nomi e cognomi di personaggi noti in combutta, a suo dire, con il malaffare. Quando gli hanno chiesto come ha fatto a ripulire le strade dalle bande, ha riposto: “Li ho uccisi tutti”. Il soprannome che gli ha dato il Time è “The Punisher” (Il Punitore), il cattivissimo antieroe della Marvel.

In questo contesto sono partite le candidature alla presidenza e alla vicepresidenza, che nelle Filippine è una corsa a parte. A settembre Duterte accettò la candidatura come vicepresidente, riprendendo il giochino di potere che in Russia Vladimir Putin faceva con il delfino-prestanome Dmitry Medvedev (ironia della sorte il Nobel quest’anno è stato assegnato anche al giornalista russo Dmitry Muratov, critico di Putin quanto Ressa lo è di Duterte). Pochi giorni fa Duterte ha detto che non si candiderà più. Nobile gesto? Non proprio. Nella sua testa a sostituirlo c’è già la figlia Sara, avvocato come lui e sindaco di Davao dopo di lui. La strada parrebbe tracciata, non fosse che tra i rivali c’è un altro figlio illustre di un altro presidente talmente dispotico che - per definirlo - si può passare direttamente al dittatore.


Rodrigo Duterte al fast food con un sosia di Kim Jong-un (Keystone)

Parliamo di Ferdinand Marcos Jr., figlio di quel Marcos che per oltre vent’anni gestì le Filippine come se fossero roba sua, accanto a lui la moglie Imelda, personaggio da rotocalco con un debole per l’alta moda (dopo la loro fuga alle Hawaii, nel 1986, nei suoi armadi vennero trovate migliaia di scarpe e borsette). Personaggio controverso, Marcos, morto in esilio, fu infine sepolto - tra mille polemiche - nel cimitero degli eroi di Manila. Il figlio di Marcos, soprannominato “Bongbong”, si era candidato alla vicepresidenza (il sistema elettorale prevede due elezioni separate per le due cariche), venendo sconfitto di poco: ha 64 anni ed è in politica dagli anni Novanta, avendo ricoperto incarichi di governatore, deputato e senatore. Ha sempre difeso l’operato del padre, definendo bugie le atrocità addebitate a Marcos Sr. durante gli anni della dittatura.

Altro candidato forte è Francisco Moreno Domagoso, noto come Isko Moreno: figlio di uno scaricatore di porto nato nelle baraccopoli di Tondo - nella Grande Manila - Francisco da bambino vagava tra i rifiuti per recuperare oggetti da rivendere. Nel 1993, la svolta: un talent scout lo nota durante un rito funebre e lo porta in tv per un provino. Francisco diventa Isko e anche uno dei personaggi più amati nel giro dello showman più amato, Germán Moreno. Da lì una carriera tra cinema e tv che lo ha portato in un ruolo vero - e non recitato - di vicesindaco e poi sindaco di Manila. Ora anche lui punta alla poltrona più ambita.


Isko Moreno, attore e sindaco di Manila (Keystone)

Se la dovranno vedere tutti con Manny Pacquiao, un uomo, se possibile, più famoso delle Filippine stesse: l’unico pugile della storia a essere diventato campione mondiale in otto categorie di peso diverse. Titoli, celebrità e ovviamente denaro: nel 2011 è stato lo sportivo più pagato al mondo, lui che, nato poverissimo, a 14 anni lasciò le scuole per vendere abbastanza ciambelle da sfamare i due fratelli più piccoli. Alla fine di settembre Pacquiao, 42 anni compiuti e già senatore, ha annunciato il ritiro dalla boxe via twitter, pubblicando un video di 14 minuti che sapeva già di campagna elettorale La sua parabola è perfetta per l’elettorato locale, attratto sia dalle celebrità che dalle storie di redenzione. E lui le incarna entrambe.

Inoltre non c’è campo dove Pacquaio non si sia cimentato, dalla musica al basket, dal cinema alla politica. La sua popolarità era tale che - si dice - durante i suoi incontri non avvenissero episodi di criminalità perché erano tutti davanti alla tv a tifare per lui. Ribattezzato pomposamente in patria “Ang Pambansang Kamao” (Il Pugno Nazionale), nel resto del mondo lo chiamavano tutti Pac-Man, come il celebre videogioco: se riuscirà a mangiare tutti i fantasmi candidati alla presidenza o se per lui sarà game over lo sapremo il prossimo 9 maggio.


Pacquaio sul ring (Keystone)

Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved