08.10.2021 - 09:56
Aggiornamento: 18:53

12 Paesi Ue chiedono muri alle frontiere pagati da Bruxelles

Gli Stati dell‘Est Europa, le tre repubbliche baltiche e Austria, Cipro, Danimarca e Grecia chiedono anche che siano ridotti i ’fattori di attrazione’

Ats, a cura de laRegione
12-paesi-ue-chiedono-muri-alle-frontiere-pagati-da-bruxelles
Un cartello sul filo spinato alla frontiera ungherese

Nuovi strumenti per proteggere le frontiere esterne dell’Ue di fronte ai flussi migratori, anche col finanziamento europeo di recinzioni e muri: è quanto viene chiesto dai ministri dell’Interno di una dozzina di Paesi (Austria, Cipro, Danimarca, Grecia, Lituania, Polonia, Bulgaria, Repubblica Ceca, Estonia, Ungheria, Lettonia e Rep.Slovacca) in una lettera indirizzata alla Commissione europea e alla presidenza di turno del Consiglio Ue.

Il tema del rafforzamento dei confini esterni dell’Unione sarà affrontato dalla riunione dei ministri dell’Interno dei 27 oggi a Lussemburgo.

Nella lettera alla Commissione e alla presidenza di turno del Consiglio Ue, i 12 Paesi chiedono “nuovi strumenti che permettano di evitare, piuttosto che affrontare in seguito, le gravi conseguenze di sistemi migratori e di asilo sovraccarichi e capacità di accoglienza esaurite, che alla fine influiscono negativamente sulla fiducia nella capacità di agire con decisione quando necessario”.

"Allo stesso tempo - si legge ancora in un passaggio del documento - queste soluzioni europee dovrebbero mirare a salvaguardare il sistema comune di asilo riducendo i fattori di attrazione" (‘pull factors’)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved