ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Bosnia: il secessionista Dodik in vantaggio

Dopo lo spoglio di circa la metà delle schede elettorali, sono in vantaggio il bosgnacco musulmano Becirovic, la serba Cvijanovic e il croato Komsic
Estero
2 ore

In Bulgaria vincono i conservatori ma il governo è un rebus

il partito Gerb dell’ex premier Boyko Borissov viene dato in chiaro vantaggio nelle elezioni parlamentari anticipate svoltesi oggi, le quarte in due anni
Estero
4 ore

Il ritorno delle bandiere ucraine nel Donbass

Kiev si riprende Lyman, snodo strategico nel Donetsk. La Nato avverte Putin: ‘Reazione dura se userà il nucleare’
Estero
4 ore

Brasile al voto: Lula si riprende la scena ma il Paese è diviso

Nonostante la campagna più polarizzata nella storia del colosso verde-oro, l‘ex sindacalista è convinto che sarà ’facile ristabilire pace e democrazia’
Confine
4 ore

La Lombardia vista come ‘capitale italiana della ’ndrangheta’

È quanto emerge dalla relazione dalla Direzione investigativa antimafia inoltrata in questi giorni al Parlamento
Confine
7 ore

Valmorea, centinaia di persone al tributo per don Renzo Scapolo

Sabato pomeriggio si è celebrata l’intitolazione del ‘Parco dell’accoglienza’ dedicato all’ex parroco di Caversaccio tra ritratti e testimonianze
Estero
8 ore

Re Carlo non parteciperà alla conferenza sul clima

Nonostante negli anni passati vi abbia partecipato, quest’anno il sire non presenzierà all’incontro seguendo il consiglio della premier Truss
Italia
8 ore

Curato grazie a Maradona, nei guai per spaccio

Per l’ex bimbo di Acerra salvato (e curato in Svizzera) dal Pibe de Oro sono scattati gli arresti domiciliari e la revoca del reddito di cittadinanza
Iran
10 ore

Caso Mahsa Amini: da inizio proteste morte almeno 92 persone

L’Ong Iran Human Rights ha accusato le forze di sicurezza di aver ‘represso in modo sanguinario’ le rivolte
Italia
12 ore

L’Odissea degli ultimi: nel 2022 sono 1’400 i morti in mare

In quasi dieci anni, sono invece 25mila le persone che hanno perso la vita nel tentativo di attraversare il Mediterraneo
Iran/Usa
13 ore

Onu, liberato Baquer Namazi insieme al figlio

L’uomo, ex responsabile dell’Unicef, era stato incarcerato nel febbraio del 2016. Entrambi erano stati condannati a dieci anni di prigione per spionaggio
Bosnia ed Erzegovina
14 ore

Di elezioni generali e profonde crisi politiche

Oggi le votazioni ‘federali’ nel Paese balcanico, fra lo spettro dei nazionalismi e dei populismi
Portogallo
1 gior

Pedofilia: il vescovo di Fatima indagato per copertura abusi

Il religioso è rimasto sorpreso dall’informazione, fornitagli da una persona legata ai media: “Collaborerò per chiarire queste situazioni drammatiche”
04.10.2021 - 08:14
Aggiornamento: 20.12.2021 - 09:26

Una talpa contro Facebook: Profitti al di sopra della sicurezza

Frances Haugen, ex dipendente del social network, ha rilasciato un’intervista alla Cbs

Ats, a cura de laRegione
una-talpa-contro-facebook-profitti-al-di-sopra-della-sicurezza
(Keystone)

La “talpa” dietro la fuga di documenti interni di Facebook che ha allarmato il pubblico e i funzionari eletti negli Stati Uniti da domenica ha un volto. Frances Haugen, 30enne ed ex ingegnere di prodotto di Facebook, ha accusato il gruppo di “(mettere) il profitto al di sopra della sicurezza” dei suoi utenti, in un’intervista trasmessa dalla CBS.

La trentenne sarà ascoltato martedì dalla Commissione del Commercio del Senato degli Stati Uniti. Domenica, il senatore democratico Richard Blumenthal, membro della commissione, ha reso omaggio al coraggio della whistleblower.

Effetti sugli adolescenti

Prima di lasciare l’azienda a maggio, Frances Haugen aveva portato con sé numerosi documenti provenienti da ricerche interne all’azienda e affidati al Wall Street Journal. In un articolo pubblicato a metà settembre, il giornale ha rivelato, sulla base di queste informazioni, che l’azienda ha condotto ricerche sul suo social network Instagram per tre anni per determinare i suoi effetti sugli adolescenti. La ricerca ha rivelato che il 32% delle ragazze adolescenti ha percepito che l’uso di Instagram le ha fatte sentire peggio riguardo ai loro corpi quando erano già insoddisfatte di sè.

Controllo dei danni

Già domenica, il vicepresidente del gruppo Nick Clegg ha rilasciato un’intervista alla CNN e ha cercato di limitare i possibili danni che l’intervista del whistleblower avrebbe causato. “La nostra ricerca, o quella di chiunque altro, non supporta il fatto che Instagram sia negativo o tossico per tutti gli adolescenti", ha detto l’ex vice primo ministro britannico domenica. “Non trovo sorprendente, intuitivamente, che se ti senti già male con te stesso, andare sui social media può farti sentire ancora peggio”, ha aggiunto Nick Clegg. Sotto pressione, l’azienda californiana ha annunciato la sospensione dello sviluppo di una versione di Instagram per i minori di 13 anni, ma non si è arresa.

"Conflitti di interesse”

Frances Haugen è entrata a Facebook nel 2019 ed è stata assegnata, su sua richiesta, al dipartimento “Civic Integrity“, interessato ai rischi che certi utenti o certi contenuti potrebbero rappresentare per il corretto svolgimento delle elezioni. Prima delle elezioni presidenziali americane del novembre 2020, Facebook aveva modificato i suoi algoritmi per ridurre la diffusione di informazioni false. Ma secondo l’informatrice, “non appena le elezioni sono finite", il gruppo le ha riconfigurate come prima, "per dare la priorità alla crescita rispetto alla sicurezza”, ha sostenuto nella sua intervista a “60 Minutes” della CBS. "C’erano conflitti d’interesse tra ciò che era bene per il pubblico e ciò che era bene per Facebook”, ha insistito Haugen, e il gruppo stava "sfruttando un’opportunità dopo l’altra per mettere i suoi interessi al primo posto, cioè fare più soldi”.

“Ho visto molti social network, e la situazione di Facebook era significativamente peggiore di qualsiasi cosa avessi visto prima”, ha detto l’ingegnere, che ha anche lavorato sul sito di incontri Hinge, ma anche su Yelp (valutazioni degli utenti delle imprese) e Pinterest.

"Nessuno è maligno”

Per Frances Haugen, è stato in seguito al ritorno ai vecchi algoritmi che molti utenti di Facebook hanno usato la piattaforma per mobilitarsi per gli eventi del 6 gennaio, che hanno portato all’assalto al Campidoglio.

La responsabilità dell’“insurrezione“ sulla sede del Congresso “è delle persone che hanno commesso la violenza e di quelle che l’hanno incoraggiata, compreso il presidente (Donald) Trump”, ha replicato Nick Clegg. Il vicepresidente della piattaforma ha detto che è "troppo facile cercare una spiegazione tecnologica per la polarizzazione politica negli Stati Uniti”. Tuttavia, ha riconosciuto che Facebook ha dovuto cercare di "capire come (esso) contribuisce a contenuti negativi ed estremi, discorsi di odio e disinformazione”.

“Nessuno a Facebook è maligno“, ha detto l’informatore. “Ma gli interessi non sono allineati”. Per Haugen, Mark Zuckerberg, cofondatore e CEO di Facebook, non ha mai cercato di fare di Facebook una piattaforma di diffusione di odio, “ma ha permesso di fare delle scelte” che favoriscono la diffusione di contenuti odiosi. "Le azioni di Facebook rendono chiaro che non si riformerà”, ha detto il senatore Blumenthal in una dichiarazione. "Dobbiamo considerare una regolamentazione più severa”.

Leggi anche:

Instagram mette in crisi le adolescenti. E lo dice Facebook

Instagram sospende il progetto di social per ‘under 13’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved