morisi-mi-ha-dato-la-droga
ULTIME NOTIZIE Estero
Olanda
2 ore

Cadono due gondole nel parco a tema, quattro feriti

Una giostra perde pezzi: momenti di paura questo pomeriggio al Sprookjesbos di Valkenburg, nei Paesi Bassi
Estero
5 ore

Stavolta è un guasto informatico a tenere a terra easyJet

Dopo i voli cancellati causa Covid in aprile, la compagnia low-cost fermata da problemi con i computer. Duecento decolli annullati nel Regno Unito
Estero
6 ore

La Cina contro Blinken: ‘Il suo discorso ci infanga’

La Cina reagisce alle parole del segretario di Stato americano secondo cui Pechino è ‘la sfida a lungo termine più seria per l’ordine internazionale’
Estero
10 ore

Canada, la polizia uccide un uomo armato vicino a una scuola

Un portavoce dell’Unità investigativa speciale della polizia di Toronto ha spiegato che due agenti di polizia hanno sparato all’uomo e lo hanno ucciso
Speciale Ucraina
LIVE

Fra Kiev e Mosca resta il nodo dei colloqui

Per il negoziatore russo ‘i colloqui son di basso profilo ma continuano’. Zelensky: ‘Necessario parlare a Putin’. Segui il live de laRegione
Estero
20 ore

Strage di Uvalde, morto di dolore il marito della maestra eroina

Due giorni dopo la strage che è costata la vita alla moglie Irma e ad altri 19 bambini, Joe Garcia è morto d’infarto
Estero
20 ore

Ciriaco De Mita, la politica s’inchina all’ultimo premier Dc

Morto oggi ad Avellino all’età di 94 anni. Il Presidente Mattarella, in un lungo comunicato non formale: ‘Un innovatore nel solco di Sturzo e Moro’.
Confine
23 ore

Disastro al Mottarone: ‘Fune vecchia ed errori umani’

Depositata la relazione intermedia della Commissione di indagine del Ministero dei trasporti. Poco spazio alla tesi della tragica fatalità
Estero
1 gior

Kiev: ‘Segnali di un’escalation a est’

Nel frattempo Mosca disposta a lasciar uscire dal porto di Mariupol le navi che portano grano solo se si eliminano le sanzioni. Segui il live de laRegione
Estero
1 gior

‘I poliziotti non hanno attuato protocollo post Columbine’

Dopo la strage avvenuta nel 1999 il protocollo prevede che gli agenti armati presenti sulla scena trovino l’aggressore e lo uccidano
Confine
1 gior

Milano-Zurigo in tre ore? ‘Il terzo binario va fatto’

In un’interrogazione la parlamentare comasca Chiara Braga sottolinea l’importanza di implementare la struttura ferroviaria tra Camnago e Cantù
Estero
1 gior

Il Wwf critica il ‘culto della bellezza’ per frutta e verdura

Il 40% degli alimenti prodotti globalmente non viene consumato. È come se tutto il cibo prodotto da gennaio a oggi fosse stato buttato
Estero
1 gior

Protestò in diretta contro la guerra, premiata giornalista russa

Marina Ovsyannikova ha ricevuto il riconoscimento Vaclav Havel per i diritti umani, assegnato ogni anno dall’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa
Estero
1 gior

Uk, imposta una tassa sui profitti ai giganti di petrolio e gas

La misura è temporanea e servirà a contrastare l’aumento dei prezzi dell’energia
italia
29.09.2021 - 21:44
Aggiornamento : 22:24

‘Morisi mi ha dato la droga’

La versione di uno dei due ospiti nella casa: ‘Sono stato male per colpa delle sostanze che mi ha dato’. L’accusato: ‘Disposto a chiarire ogni cosa’

Ansa, a cura de laRegione

Luca Morisi è pronto a spiegare cosa è avvenuto a casa sua nella barchessa di Belfiore tra il 13 e il 14 agosto. È pronto a fornire una spiegazione sul perché ci fossero due grammi di cocaina nei piatti in bella vista e perché ci fossero due ragazzi romeni che ai carabinieri, dopo aver lasciato l’abitazione, hanno raccontato di aver ricevuto proprio da lui una boccetta di Ghb, la cosiddetta droga dello stupro.

"C’è la piena disponibilità a chiarire tutti gli aspetti della vicenda" dice il legale dell’ex spin doctor della Lega Fabio Pinelli negando però che sia stato Morisi a cedere la droga e ribadendo “l’irrilevanza penale” della sua condotta. Parole che contrastano con la versione del ragazzo: “quella notte mi ha distrutto la vita, la droga dello stupro me l’ha data lui” dice in un’intervista a Repubblica e al Corriere della Sera.

Il ragazzo, che sarebbe già tornato in patria, non dice però solo questo e nel suo racconto ci sono anche elementi in contrasto anche con la versione fornita dagli inquirenti e dagli investigatori. Lui e l’amico, racconta, sarebbero stati contattati da Morisi via web e il compenso pattuito per la serata era di 4 mila euro, che non sarebbero poi stati pagati. “Sono un modello ma per necessità faccio anche l’escort” dice aggiungendo che di quella serata di agosto ha “prove, foto e messaggi che dimostrano che tutto ciò che dico è la verità". Il ventenne, stando al suo racconto, arriva con l’amico a Belfiore per passare la notte con Morisi. "A un certo punto - dice - mi sono sentito molto male a causa delle sostanze assunte, sono scappato dall’abitazione e ho chiamato i carabinieri”.

Dunque non ci sarebbe stato nessun controllo di routine lungo la strada da parte dei militari, come invece affermato dagli inquirenti. E sarebbe stato sempre lui, dopo aver detto che a dargli la droga liquida era stato Morisi, ad indicare ai carabinieri dove erano nascosti parte dei 2 grammi di cocaina trovati in casa sua. L’inventore della macchina social leghista continua però a ribadire la sua versione - “quella boccetta non è roba mia” - e, secondo quanto si apprende, non dovrebbe presentarsi in procura. Dunque, è probabile che affidi la sua versione dei fatti ad una memoria o che lasci ai legali il compito di spiegare quello che, ha ripetuto l’avvocato, “è un fatto che attiene alla vita privata dell’interessato”.

Versioni contrastanti

E Pinelli è tornato a puntualizzare nuovamente un altro aspetto della vicenda che già ieri aveva smentito: non esiste nessun quarto uomo, nella cascina a Belfiore c’erano solo Morisi e i due ragazzi romeni. Versione confermata anche dagli inquirenti e dagli investigatori: a parlare di un’altra persona è stata una vicina di casa che, però, potrebbe essersi confusa. E ribadita anche dal ragazzo intervistato dai quotidiani. Un botta e risposta tra la procura e la difesa c’è stato invece sull’iscrizione nel registro degli indagati del ragazzo romeno che nel corso della perquisizione è stato trovato con la boccetta di presunta droga liquida. “Dagli atti nella legittima disponibilità della difesa, risulta sottoposta a indagine un’ulteriore persona” ha detto Pinelli dopo che il procuratore Angela Barbaglio aveva sostenuto che “l’unico indagato è Luca Morisi. Non c’è nessun altro per questo procedimento”.

Il capo della procura ha però chiarito poco dopo: “Nell’indagine su Morisi io ho riferito solo ciò che ricordavo quando mi è stata comunicata la notizia di reato, un mese e mezzo fa: e in quel momento riguardava solo la cessione di una sostanza liquida, che i due ragazzi asserivano essere droga. Cosa sia successo dopo - aggiunge - ovvero se il collega Aresu, nel proseguo delle indagini, sia arrivato ad iscrivere una o altre persone, non lo so. Se l’avvocato Pinelli sostiene che oltre a questi c’è un secondo indagato, uno dei due ragazzi, immagino che lo faccia a ragion veduta, avendo contattato il pm per approfondire gli atti dell’inchiesta”.

Certo è che nel decreto di nomina del difensore d’ufficio e di convalida della perquisizione e sequestro è scritto che “il pm Stefano Aresu, visti gli atti del procedimento numero..." procede “nei confronti di Luca Morisi” e del ragazzo romeno ai sensi “dell’articolo 73 comma 4” del testo unico sugli stupefacenti (Dpr 1990/309), vale a dire per detenzione e cessione di sostanze stupefacenti. Barbaglio dice però anche un’altra cosa: dal 14 agosto, data della denuncia di Morisi e del romeno, la procura ha effettuato gli accertamenti necessari, a partire da quelli sui tabulati per capire che tipo di frequentazione ci fosse tra i tre, "e nulla è emerso”. Resta quindi da attendere l’esito delle analisi sulla boccetta, per le quali ci vorranno ancora giorni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
droga lega luca morisi matteo salvini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved