Venezia
1
Fiorentina
0
fine
(1-0)
il-pakistan-anti-islamico-vietare-la-scuola-alle-donne
L'ingresso a scuola a Kabul prima dell'arrivo dei talebani (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
germania
26 min

Axel Springer licenzia il direttore della Bild

La decisione a seguito di “ricerche sul comportamento” di Reichelt, che non avrebbe “separato in modo chiaro la sfera professionale e quella privata”
Estero
1 ora

Ungheria, un outsider per sfidare Orban

Peter Marki-Zay guiderà il fronte unito delle opposizioni al voto 2022: ‘Ringrazio gli elettori, ora sfidiamo il regime’
Estero
3 ore

Ballottaggi in Italia, il Pd conquista anche Roma e Torino

In mano al centrosinistra tutti i capoluoghi di regione. Trieste unica eccezione. Letta: vittoria trionfale
Estero
4 ore

Russia e Nato ai ferri corti, Mosca rompe le relazioni

Mosca ‘sospende’ il lavoro della sua missione permanente alla Nato come rappresaglia per l’espulsione di otto funzionari accusati di spionaggio
Confine
5 ore

A Varese riconfermato il sindaco di centrosinistra

Al ballottaggio passa Davide Galimberti. Sconfitti il candidato del centrodestra e la Lega di Salvini
Estero
6 ore

Morto di Covid Colin Powell, ex segretario di Stato di Bush

L’84enne fu il primo afroamericano a ricoprire il ruolo di capo di Stato maggiore prima di divenire segretario di Stato sotto George W. Bush
Confine
6 ore

Una pista ciclabile di 5 km lungo il Ceresio più selvaggio

Risorge il progetto di cui si parla da 25 anni da Osteno a Santa Margherita di Valsolda dopo il via libera al finanziamento degli enti preposti
Estero
7 ore

Comunali in Italia, il centrosinistra avanti a Roma e Torino

Gli exit poll danno in vantaggio Gualtieri nella capitale e Lo Russo sotto la Mole. Trieste in bilico
afghanistan
21.09.2021 - 22:510

Il Pakistan: ‘Anti-islamico vietare la scuola alle donne’

Intanto i Talebani annunciano i viceministri, ancora tutti uomini

Impedire alle donne di accedere all’istruzione in Afghanistan “non sarebbe in linea con il dettato dell’Islam“. Mentre i Talebani completano la formazione del loro governo, che resta senza rappresentanti femminili, il premier pakistano Imran Khan detta le sue condizioni per un riconoscimento del governo dei sedicenti studenti coranici. A partire da una leadership “inclusiva e rispettosa dei diritti umani", in cui le donne non rimangano fuori dalla vita pubblica. Un monito giunto dopo che i mullah hanno riaperto le scuole solo per studenti e docenti maschi, alimentando l’allarme della comunità internazionale sul ritorno a Kabul dell’oscurantismo imposto fino a 20 anni fa. "Le dichiarazioni che sono state fatte da quando i Talebani sono giunti al potere sono incoraggianti”, ha sostenuto tuttavia Khan in un’intervista alla Bbc, dicendosi convinto che alla fine "permetteranno alle donne di andare a scuola" e che queste potranno "esercitare i propri diritti”. Secondo il premier pakistano, “è troppo presto per dire” se le nuove autorità afghane soddisferanno i criteri per il riconoscimento diplomatico. In ogni caso, ha spiegato, “tutti i vicini si riuniranno” e "riconoscerli o meno sarà una decisione collettiva”.

La preoccupazione di Islamabad, da sempre molto legata ai mullah, riguarda anche i rischi di conflittualità interna. “Se“ i Talebani “non includeranno tutte le fazioni, prima o poi ci sarà una guerra civile” in Afghanistan, che così diventerebbe "il luogo ideale per i terroristi”, ha avvertito Khan. Sul terreno, intanto, la stretta non si allenta. Pressato dalla comunità internazionale, il portavoce dell’autoproclamato Emirato islamico, Zabihullah Mujahid, ha assicurato stamani che le scuole saranno riaperte anche alle ragazze "il più presto possibile”.

Promesse ricorrenti che continuano a non trovare riscontro nei fatti. E il contemporaneo annuncio della lista dei viceministri talebani conferma ancora una volta la totale esclusione delle donne, dopo che era stato anche soppresso il ministero per gli Affari Femminili, sostituendolo con quello per la Promozione della Virtù e la Prevenzione del Vizio. Contro la segregazione femminile crescono anche le proteste interne.

Come quella di un gruppo di attiviste riunitesi davanti al ministero dell’Istruzione a Kabul, manifestando con lo scotch sulla bocca in una “protesta silenziosa” per rivendicare il diritto allo studio. O ancora, la campagna social di solidarietà degli studenti maschi con lo slogan “Non andiamo a scuola senza le nostre sorelle”. Isolati dall’Occidente, i Talebani continuano a cercare alleanze a est, vista anche la scarsità di risorse finanziarie, che tuttora non permette di pagare gli stipendi pubblici. In quest’ottica, gli inviati speciali di Cina, Russia e Pakistan hanno incontrato oggi a Kabul il premier Mohammad Hassan Akhund e l’ex presidente Hamid Karzai.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved