usa-esperti-fda-terza-dose-pfizer-solo-dai-65-anni
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Attacco al campus di Heidelberg in Germania, diversi i feriti

Colpi d’arma da fuoco sparati nel campus universitario medico. Secondo la Dpa, l’autore dell’attacco è morto
Estero
1 ora

Cure alternative date per telefono, il paziente muore: arrestato

Il medico, noto no-vax già a rischio radiazione dall’Ordine dei Medici, consigliava intrugli a un paziente con gravi patologie invece che il ricovero
Estero
3 ore

Julian Assange può fare appello contro l’estradizione negli Usa

Lo ha annunciato l’Alta Corte di Londra. La disputa continuerà davanti alla più alta corte britannica
Estero
5 ore

Italia, si elegge il Presidente. Oggi la prima chiama ‘al buio’

Senza accordo fra i partiti, nella prima votazione che richiede i due terzi dei 1’008 votanti prevarranno le schede bianche. Si inizia alle 15
Estero
15 ore

I talebani a Oslo, missione a caccia di riconoscimento

Il regime dopo la presa dell’Afghanistan mostra il lato votato al dialogo. La delegazione sarà impegnata in una tre giorni di incontri.
Estero
17 ore

Covid-19, la fine della pandemia è plausibile dopo Omicron

Lo ha affermato il responsabile dell’Oms per l’Europa, che prevede un nuovo picco di contagi entro marzo.
Estero
19 ore

Italia, sul Colle manca l’intesa: primo voto in bianco

Attesa per i nomi del centrodestra, si rafforza l’ipotesi Riccardi candidato del centrosinistra
Estero
19 ore

Ucraina, il Foreign Office denuncia un complotto di Mosca

‘Piano su leader filo-russo’. Stati Uniti preoccupati dalle accuse mosse dalla Gran Bretagna. La Russia le bolla come ‘assurde’
18.09.2021 - 09:410

Usa, esperti Fda: ‘Terza dose Pfizer solo dai 65 anni’

La posizione è maturata dopo una lunga discussione, con una votazione ad ampia maggioranza, 16 a 3

No alla terza dose del vaccino anti Covid Pfizer indiscriminatamente per tutte le persone dai 16 anni in su, sì invece per la fascia d’età dai 65 anni in su e per i più vulnerabili, a partire dal sesto mese dopo la seconda dose: è la conclusione del comitato scientifico consultivo della Food and Drug Administration (Fda), l’agenzia federale Usa preposta alla sicurezza dei farmaci.

La posizione è maturata dopo una lunga discussione, con una votazione ad ampia maggioranza, 16 a 3. Ora la decisione finale, la prossima settimana, spetta alla Fda, che generalmente segue le raccomandazioni dei propri esperti indipendenti. Questi ultimi, tra cui medici che si occupano di malattie infettive e statistiche, hanno contestato che i dati - anche quelli provenienti da Israele - giustifichino una dose extra quando in realtà i vaccini sembrano offrire una robusta protezione contro le forme più gravi di coronavirus e le ospedalizzazioni, almeno negli Usa.

“Non è chiaro che tutti abbiano bisogno del rinforzo, tranne una sottocategoria di popolazione che chiaramente sarebbe ad alto rischio di una grave malattia”, ha spiegato il dott. Michael G. Kurilla, un membro del comitato e un dirigente del National Institutes of Health (Nih).

Un brutto colpo per l’amministrazione Biden, ma anche per i governi che hanno lanciato o stanno avviando campagne per la terza dose, perché le raccomandazioni americane semineranno dubbi e perplessità.

Il presidente Usa aveva annunciato un mese fa un piano da avviare il 20 settembre per il ‘booster’ da somministrare almeno otto mesi dopo la seconda dose (o la prima nel caso di Johnson & Johnson), previo ok della Fda e del Centers for Disease Control and Prevention (Cdc), la massima autorità sanitaria Usa.

Ma dopo due settimane i dirigenti di entrambe le agenzie avevano detto alla Casa Bianca che avevano bisogno di più tempo per analizzare i dati e che si sarebbero espressi solo su Pfizer. Ora arriva la doccia fredda anche su questo vaccino e Biden sarà costretto a fare marcia indietro, avendo promesso di seguire sempre la scienza.

Alla vigilia della discussione si erano creati due fronti scientifici: uno a favore della terza dose, di cui faceva parte il consigliere medico della Casa Bianca Anthony Fauci, e uno contro. Tra i detrattori due scienziati della Fda dimissionari, coautori insieme a un gruppo di colleghi internazionali di un articolo medico in cui sostenevano che non ci sono prove credibili a sostegno del ‘booster’ per la tutta la popolazione.

Ora dovrà pronunciarsi anche il comitato consultivo del Cdc, che dalle discussioni precedenti potrebbe orientarsi verso inoculazioni “su misura” per le persone più anziane o più vulnerabili.

Nel frattempo Biden sta negoziando con Pfizer per acquistare altre 500 milioni di dosi da donare all’estero, che porteranno il numero totale a 1,15 milioni di dosi, circa un decimo del fabbisogno mondiale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved