fbi-svela-primi-dossier-su-11/9-c-e-ombra-mano-saudita
Vent'anni fa (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
31 sec

Afghanistan, da oggi le conduttrici in tv a volto coperto

Ieri si erano ribellate all’ordine dei Talebani di nascondere il viso, ma ‘l’emittente ha subito pressioni’
Confine
1 ora

Carrozza a soqquadro: soppresso un treno diretto a Chiasso

Quattordici giovani, tra i 15 e i 21 anni, sono stati denunciati ieri dai carabinieri
Estero
LIVE

Esplosioni nelle regioni di Kiev e Zhytomyr

Nel frattempo il parlamento ucraino ha approvato l’estensione della legge marziale fino al 23 agosto. Segui il live de laRegione
Estero
3 ore

Anthony Albanese promette di riparare l’immagine dell’Australia

Il neoeletto primo ministro laburista vuole puntare sulla politica climatica. Su questo aspetto il Paese viene spesso considerato in ritardo.
Estero
4 ore

Vaiolo delle scimmie: 92 casi confermati in 12 Paesi

Lo segnala l’Organizzazione mondiale della sanità. Si tratta di zone dove la malattia non è endemica.
Confine
4 ore

Un carro attrezzi per rimuovere solo... le vetture straniere

L’obiettivo è costringere principalmente i ticinesi a pagare le multe per divieto di sosta. Lo propone Alessandro Rapinese, candidato a sindaco di Como.
Estero
5 ore

Dopo la strage a Buffalo gli afroamericani temono altri attacchi

Un sondaggio rivela che solo l’8% è rimasto sorpreso dall’accaduto. La maggior parte prevede un incremento del fenomeno razzista.
Estero
5 ore

Moto contro pedoni: due morti e un ferito in provincia Lecco

Deceduto il motociclista, che avrebbe perso il controllo della sua due ruote, e uno dei giovani travolti.
Estero
9 ore

Tempeste di sabbia, un rischio per la salute umana

Gli specialisti si attendono un aumento del fenomeno a causa del cambiamento climatico
12.09.2021 - 19:39

Fbi svela primi dossier su 11/9, c'è ombra mano saudita

Il dossier pubblicato si basa sull'interrogatorio su un uomo che aveva lavorato nel consolato saudita di Los Angeles e che aveva ospitato due dirottatori

Washington – L'Fbi svela i primi documenti sull'11 settembre. Seguendo le indicazioni impartite da Joe Biden, il Federal Bureau of Investigation pubblica un resoconto di 16 pagine, in gran parte redatto, che lascia ipotizzare l'ombra della mano saudita sugli attacchi e che è accolto con soddisfazione dalle famiglie delle vittime, convinte da anni che l'Arabia Saudita abbia giocato un ruolo di primo piano.

Il dossier pubblicato si basa sull'interrogatorio del 2015 condotto dagli agenti dell'Fbi su un uomo - identificato solo come PII - che aveva lavorato nel consolato saudita di Los Angeles e che aveva ospitato in casa due dirottatori dell'11 settembre. Si trattava di Nawaf al-Hazmi e Khalid al-Mihdhar, ambedue a bordo del volo 77 che si è schiantato sul Pentagono. PII aveva contatti con due sauditi, il "gregario" Omar al-Bayoumi e Fahad al-Thumairy, ritenuti due degli uomini che hanno offerto "significativo supporto logistico" ad alcuni dei dirottatori. Thumairy era un diplomatico del consolato di Riad a Los Angeles e, secondo gli investigatori, era alla guida di una fazione estremista nella moschea che frequentava.

I documenti pubblicati fanno anche riferimento a una telefonata del 1999 dall'apparecchio di Thumairy alla casa in Arabia Saudita della famiglia dei due fratelli che, successivamente, sono stati detenuti a Guantanamo.

I documenti, così come le precedenti indagini, non arrivano a conclusioni e non stabiliscono un nesso diretto fra l'Arabia Saudita e l'11 settembre. Per le famiglie delle vittime degli attacchi, in pressing su Biden da tempo per la pubblicazione dei documenti, però le 16 pagine pubblicate sono abbastanza per confermare quanto credono da tempo, ovvero che Riad abbia giocato un ruolo di primo piano considerato fra l'altro che 15 dei 19 dirottatori erano sauditi e che Osama bin Laden era parte di un'importante famiglia saudita.

L'Arabia Saudita ha sempre negato ogni responsabilità e si è sempre detta a favore della pubblicazione di tutti i dossier in modo da spazzare via una volta per tutte le teorie infondate che si susseguono da 20 anni. Teorie e ipotesi che non sono state smorzate neanche dalle conclusioni della commissione sull'11 settembre del 2004, secondo la quale "non ci sono prove che il governo saudita o suoi funzionari abbiano finanziato" gli attacchi.

L'Fbi "conferma la nostra tesi sulla responsabilità saudita e mostra come al Qaida operasse negli Stati Uniti con l'attivo e consapevole sostegno del governo saudita", afferma Jim Kreindler, uno dei legali delle famiglie delle vittime, sottolineando come i documenti includano il riferimento a conversazioni telefoniche tra funzionati sauditi e membri di al Qaida e "incontri casuali" con i dirottatori a quali fornivano assistenza anche nel cercare scuole di volo.

La pubblicazione dei documenti arriva in un momento delicato delle relazioni fra Stati Uniti e Arabia Saudita. L'amministrazione Biden lo scorso febbraio ha reso pubbliche le valutazioni dell'intelligence sul ruolo del principe alla corona Mohammed bin Salman nell'uccisione del giornalista Jamal Kashoggi. Le nuove rivelazioni rischiano così di innervosire ancora di più i rapporti, aprendo l'ennesimo fronte per Biden.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
11 settembre fbi stati uniti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved