ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
12 min

Un affarista russo ammette di aver fondato il gruppo Wagner

L’imprenditore, che sarebbe anche a capo di una ‘fabbrica di troll’ della propaganda di Mosca, aveva in precedenza negato collegamenti con i mercenari
Estero
31 min

Per i media stranieri in Italia ‘al governo l’estrema destra’

Ampio spazio per le elezioni italiane e per Giorgia Meloni, di cui più di una testata sottolinea il ruolo di erede della tradizione politica neofascista
Estero
2 ore

‘La Russia non parli alla leggera di armi nucleari’

Il segretario di Stato americano Antony Blinken conferma le comunicazioni ad alto livello con Mosca
Estero
2 ore

 Pianificava una strage di massa, 37enne arrestato in California

Dopo l’arresto l’uomo ha minacciato di uccidere gli agenti e le loro famiglie
Estero
3 ore

Giorgia Meloni si prende l’Italia con numeri saldi per governare

Ampia maggioranza alle due Camere per la coalizione di centrodestra a guida Fratelli d’Italia, primo partito in tutto il Paese ad eccezione del Sud
Estero
6 ore

In Italia vince nettamente la destra

Elezioni politiche: 40% alla coalizione di Meloni secondo le proiezioni, centrosinistra fermo al 25%. Malissimo la Lega
Estero
11 ore

Meno italiani alle urne, più astensionismo al Sud

Chiusi i seggi alle 23. Inizia lo spoglio del Senato, toccherà poi alla Camera. Per i sondaggi il centrodestra è nettamente in testa.
Stati Uniti
17 ore

‘Se Mosca userà l’atomica risponderemo in modo deciso’

A dirlo oggi il consigliere del presidente americano
Serbia
18 ore

‘Non accetteremo l’esito dei referendum in Donbass’

Dopo la Turchia, anche il Paese balcanico prende le distanze dalle strategie di Mosca
07.09.2021 - 22:11

Bolsonaro infiamma le piazze, cortei in tutto il Brasile

Oppositori e sostenitori del presidente scendono nelle strade in massa. Il leader attacca la Corte suprema, si temono scenari golpisti

bolsonaro-infiamma-le-piazze-cortei-in-tutto-il-brasile
Keystone
Sostenitori di Bolsonaro a Rio de Janeiro

Rio de Janeiro – Dopo le oceaniche manifestazioni del giugno 2013 contro l'allora governo di Dilma Rousseff, tornano a infiammarsi le piazze del Brasile, stavolta in prevalenza a favore dell'attuale presidente, Jair Bolsonaro: almeno centomila sostenitori del leader di estrema destra, sventolando bandiere brasiliane e indossando magliette verdeoro, si sono concentrati stamani a Brasilia, in concomitanza con la Festa dell'Indipendenza, mentre un massiccio corteo "in difesa della libertà" si è tenuto anche a Rio de Janeiro.

Nella metropoli carioca migliaia di persone hanno svuotato la spiaggia e riempito i marciapiedi di Copacabana, nonostante la giornata di sole intenso. Ma la partecipazione più numerosa dei simpatizzanti di Bolsonaro è stata a San Paolo, la megalopoli più grande e popolosa del Paese sudamericano, dove in serata il capo dello Stato è intervenuto personalmente.

Solo qualche tafferuglio

Scongiurati i temuti disordini nella capitale federale dopo le minacce di invasione ai palazzi del potere invocate sui social da gruppi più facinorosi, che chiedevano, tra le altre cose, la destituzione dei giudici della Corte suprema (Stf), la chiusura del Congresso e l'istituzione di un governo militare: salvo alcuni tafferugli con le forze dell'ordine, tra la notte scorsa e stamani, in seguito allo sfondamento di un posto di blocco, a Brasilia non si sono registrati incidenti gravi. Sul posto sono stati inviati circa tremila agenti per rafforzare le misure di sicurezza, soprattutto attorno alla sede della Stf.

Dopo settimane di tensioni istituzionali, in particolare tra potere esecutivo e potere giudiziario, il capo dello Stato anche oggi è tornato ad alzare i toni contro i giudici Alexandre de Moraes e Roberto Barroso, colpevoli, a suo dire, di agire "fuori dalla Costituzione". "Il nostro Paese non può continuare a essere tenuto in ostaggio da una o due persone: o queste persone rientrano nei ranghi o saranno ignorate dalla vita pubblica", ha tuonato Bolsonaro, oggetto di indagini sia presso la Stf, su ordine di Moraes, sia presso il Tribunale superiore elettorale (Tse), di cui Barroso è presidente.

La teoria Bolsonaro

Il presidente della Repubblica è accusato di diffondere fake news sulla legittimità del sistema elettorale: secondo Bolsonaro, le presidenziali del 2022 - dove potrebbe avere come principale rivale l'ex presidente di sinistra Luiz Inacio Lula da Silva (che molti sondaggi danno in vantaggio nelle intenzioni di voto) - sono a rischio di "frode" perché le urne elettroniche, in uso dal 1996, possono essere manomesse dagli hacker.

Secondo i principali media e le opposizioni, che parlano apertamente di "atti antidemocratici" e "manifestazioni golpiste", l'ex capitano dell'esercito starebbe in realtà cercando di sviare l'attenzione davanti ai problemi affrontati dal suo esecutivo, a cominciare dalla gestione della pandemia di coronavirus (una commissione parlamentare d'inchiesta sta indagando su presunte omissioni del presidente nell'acquisto dei vaccini anti-Covid), passando dalla grave crisi idrica in corso e dall'aumento dell'inflazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved