afghanistan-la-minaccia-dei-talebani-agli-stati-uniti
Keystone
Proseguono a ritmo serrato le operazioni di evacuazione da Kabul
ULTIME NOTIZIE Estero
Video
Estero
9 min

Mamma squalo e i suoi piccoli appena nati salvati sulla spiaggia

Una verdesca che aveva appena partorito 9 piccoli sulla spiaggia di Sciacca, in Sicilia, salvata dalla Guardia Costiera avvisata da quattro donne
coronavirus
1 ora

Da febbraio vaccinati e guariti in Italia senza il test

Ritorna in vigore il green pass con la regola 3G. La decisione del ministro della Salute dopo le pressioni di Regioni e operatori turistici
giornata della memoria
4 ore

Babij Jar, la Shoah a colpi di fucile

Il massacro dimenticato alle porte di Kiev, dove morirono oltre 33mila ebrei, simbolo di eventi sepolti dalla storia
italia
12 ore

Azienda cerca receptionist: ‘Massimo 30 anni e foto in costume’

La richiesta di una ditta napoletana. L’assessore comunale al lavoro: ‘Fatto scandaloso, bisogna fare ancora tanto per le donne’
Estero
12 ore

Il Papa ai genitori: ‘Non condannate i figli gay’

Associazioni Lgbt tiepide:, ‘Discorso ambiguo, dove ci accosta ai malati’
italia
12 ore

Quirinale, il favorito ora è Casini

Stop a Casellati, nome proposto da Salvini. Malumori in Fdi e M5S. In vista della quarta votazione resta ancora sullo sfondo l’opzione Draghi
caso ucraina
12 ore

Usa e Nato offrono ‘una via diplomatica’ alla Russia

Ma il segretario dell’Alleanza atlantica Stoltenberg è fermo: ‘Non tradiremo i nostri principi’. Lavrov: ‘Dall’Occidente solo dichiarazioni isteriche’
italia
12 ore

Stermina la famiglia del fratello per un campo di carciofi

La strage a Licata, in Sicilia. Uccide fratello, cognata e i due nipoti di 11 e 15 anni e poi si suicida
Estero
13 ore

Nel mirino di Mosca anche il fratello di Navalny

Scattato l‘ordine di arresto per Oleg: ’Ha manifestato per Alexei’
Estero
13 ore

Morto Esrail, lo Schindler turco

Aiutò gli ebrei a evitare il lager preparando documenti falsi. Dopo aver aderito alla Resistenza francese fu deportato ad Auschwitz
regno unito
13 ore

Boris Johnson: ‘Non mi dimetto’

Il premier britannico stretto all’angolo per le feste organizzate durante il lockdown. Domani esce il rapporto
Estero
16 ore

Macron riconosce le colpe della Francia nel massacro di Algeri

Per la prima volta il presidente ha dichiarato che l’agire dei soldati francesi nel 1962 è imperdonabile per la Repubblica
23.08.2021 - 20:350

Afghanistan, la minaccia dei talebani agli Stati Uniti

‘Via le ultime truppe entro il 31 agosto o reagiremo’. Ma gli alleati premono su Biden per un rinvio. Domani il G7.

a cura de laRegione

Roma – "Se gli Stati Uniti o la Gran Bretagna non se ne andranno dall'Afghanistan il 31 agosto, subiranno delle conseguenze. Rimanere oltre significa continuare a occupare, rompere la fiducia" e questo "avrà una reazione". La minaccia dei talebani, nella persona del portavoce Suhail Shaheen, arriva all'indomani delle parole del presidente Joe Biden, ancora incerto di poter rispettare la scadenza prevista per il ritiro delle truppe americane dal Paese. Con gli alleati del G7 che invece premono sull'inquilino della Casa Bianca per estendere le operazioni di evacuazione da Kabul.

Manca infatti poco più di una settimana alla fatidica data, concordata a Doha tra Washington e i talebani, ma all'aeroporto della capitale afghana ci sono ancora almeno 20 mila persone ammassate e altre decine di migliaia tentano disperatamente di essere portate via dal Paese da uno dei tanti voli militari che fanno la spola per evacuare cittadini occidentali, collaboratori afghani, persone vulnerabili o in pericolo.

Gli Usa ci ‘stanno provando’

Il Pentagono, pur senza replicare direttamente alle minacce, ha fatto sapere che gli Usa "stanno provando" a rispettare la scadenza, esfiltrando il più rapidamente possibile tutti i cittadini americani e i loro alleati afghani. E che sono in corso contatti con i nuovi padroni di Kabul per consentire ai militari americani di estendere il perimetro del loro controllo sullo scalo per poter andare a prendere in sicurezza quei fortunati destinati a partire, "coordinamento che finora ha funzionato", ha assicurato il portavoce della Difesa americana, John Kirby.

Gli alleati, tuttavia, sembrano essere più realistici. Al G7 straordinario di domani, convocato da Londra che ne detiene la presidenza annuale, il premier Boris Johnson chiederà a Biden di rinviare il ritiro dei militari americani per poter continuare le evacuazioni dei civili. Anche perché - e ne sono tutti consapevoli - "non c'è alcuna possibilità di restare in Afghanistan senza gli Stati Uniti", ha spiegato il ministro della Difesa Ben Wallace.

Anche la Francia si dice "preoccupata" dall'imminenza della data del ritiro, ritenendo "necessario un rinvio supplementare per completare le operazioni in corso", ha detto il ministro degli Esteri, Jean-Yves Le Drian, nella base aerea di Al Dhafra negli Emirati, da dove Parigi ha allestito un ponte aereo per Kabul.

Appare più sfumata invece la richiesta della Germania, che ha già avviato colloqui con gli Stati Uniti e con la Turchia - che si era offerta di garantire la sicurezza dell'aeroporto Hamid Karzai dopo il ritiro, prima che tutto precipitasse - per poter estendere oltre il 31 almeno le operazioni civili. Su questo, ha precisato il ministro Heiko Maas, Berlino dialoga anche con i talebani e "continuerà a farlo, perché avranno certamente un ruolo particolare nel funzionamento dello scalo dopo il ritiro delle truppe americane".

Anche il premier Mario Draghi ha fatto il punto della situazione con i ministri degli Esteri e della Difesa, Di Maio e e Guerini, alla vigilia del summit virtuale dei Sette, e in vista di quello straordinario del G20, che l'Italia intende tenere a settembre alla presenza di Russia e Cina, considerati interlocutori cruciali nello scacchiere afghano.

Ricco menù al G7

In questo clima di tensioni internazionali, sembra invece a rischio l'incontro tra Biden e Xi Jinping previsto a margine dell'altro vertice G20, quello già previsto a Roma in presenza per fine ottobre, al quale il leader cinese potrebbe partecipare solo da remoto. I motivi, fanno sapere media cinesi, sarebbero dovuti alle preoccupazioni per la pandemia da Covid, ma non si esclude legati anche agli scarsi progressi nelle relazioni tra Washington e Pechino, rese ancora più tese dai rapporti amichevoli - e interessati - tra la Cina e i talebani.

Al G7 si discuterà inoltre di aiuti umanitari, del ricollocamento dei richiedenti asilo e del previsto flusso di migranti. Centrale sarà anche il tema del rispetto dei diritti umani, in particolare delle donne e delle ragazze, pena eventuali sanzioni se i talebani dovessero violarli. Stati Uniti e Canada hanno fatto sapere di voler sostenere la proposta in tal senso della Gran Bretagna, secondo il mantra occidentale secondo cui il nuovo regime afghano sarà "giudicato dai fatti, non dalle parole".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved