ULTIME NOTIZIE Estero
russia
7 min

L’ex speechwriter di Putin: ‘Ci sarà il golpe entro un anno’

Abbas Gallyamov: ‘La guerra è persa, per i russi diventa un dittatore di serie B’
Confine
2 ore

Ponte di Ribellasca, in arrivo nuove barriere

Il manufatto, di riconosciuto pregio storico, non può essere munito di guardrail tradizionali. L’Anas studia l’alternativa
Estero
4 ore

L’incendio di auto della Polizia locale rivendicato da anarchici

Su alcuni siti dell’area è stata pubblicata un’e-mail anonima, che esprime solidarietà ad Alfredo Cospito, in sciopero della fame al 41bis a Milano
Confine
5 ore

Stato di agitazione del personale delle dogane di Como

L’obiettivo dei sindacati è quello di ottenere l’arrivo di altri funzionari e di ovviare alla carenza di personale in servizio
Estero
7 ore

Dopo il cappotto ‘alla Messina Denaro’, il bimbo vestito da boss

Un video su TikTok mostra un bambino che ‘sfila’ con gli stessi abiti del capomafia al momento dell’arresto. C’è anche chi minimizza: ‘È solo ironia’
Stati Uniti
11 ore

America nella morsa del ghiaccio: aerei a terra

Colpiti in particolare gli Stati meridionali, dove nelle ultime 24 ore sono stati cancellati circa 865 voli nazionali
Estero
21 ore

Kamikaze in moschea in Pakistan, almeno 63 morti

Centinaia i feriti a Peshawar, i talebani rivendicano la strage
medio oriente
21 ore

Mosca condanna il raid in Iran, altro strike in Siria

Le armi di Teheran nel mirino, colpito un convoglio di camion
la guerra in ucraina
21 ore

Boris Johnson: Putin minacciò di uccidermi con un missile

Il Cremlino nega, ma Londra ricorda le tante ingerenze di Mosca sul suolo britannico
16.08.2021 - 21:29

La disfatta di Biden: 'Ma restare era inutile'

Il presidente americano in difficoltà, il suo disimpegno ha accelerato il crollo delle istituzioni afghane e favorito l'arrivo dei talebani a Kabul

Ansa, a cura de laRegione
la-disfatta-di-biden-ma-restare-era-inutile
Joe Biden (Keystone)

 Joe Biden lascia il solitario bunker di Camp David e torna alla Casa Bianca per parlare alla nazione e difendersi dalle accuse per l'umiliante e caotico ritiro dall'Afghanistan mentre i talebani si prendono anche Kabul senza sparare un colpo. Critiche che gli piovono addosso da tutte le parti, dagli alleati internazionali alla grande stampa americana, dai repubblicani a più di qualche democratico, con la certezza che questo epilogo non previsto ma prevedibile macchierà per sempre la sua eredità nei libri di storia.

Una vera Caporetto o, come suggeriscono i media Usa, una nuova Saigon, quella che lo stesso commander in chief aveva promesso di evitare garantendo un'uscita "sicura e ordinata", ritenendo "altamente improbabile" che i miliziani afghani riconquistassero il Paese, compresa la capitale. Biden ha dovuto così rompere un silenzio troppo lungo e rumoroso, dopo essere stato travolto dalle accuse e smentito da immagini che hanno fatto il giro del mondo: i talebani armati che entrano nel palazzo presidenziale mentre Ghani scappa all'estero, l'evacuazione in elicottero del personale dell'ambasciata Usa come ai tempi del Vietnam, il caos all'aeroporto di Kabul con afghani disperati che si attaccano ai carrelli degli aerei per fuggire.

Nessun pentimento

Biden tuttavia non si è pentito della sua decisione e resta convinto di aver fatto l'interesse nazionale mantenendo una promessa elettorale che fine a qualche giorno fa aveva ancora il consenso della maggioranza degli americani, stanchi di sperperare soldi in una guerra durata 20 anni. "Non passerò questa guerra ad un quinto presidente", aveva ammonito recentemente, convinto dell'inutilità di rimanere se lo stesso esercito afghano, pur avendo numeri e mezzi superiori ai talebani, non combatte per il proprio Paese. 

Il predecessore

Ma il peso della debacle - "la peggiore della Nato dalla sua fondazione", secondo Armin Laschet, il leader del partito conservatore di Angela Merkel e candidato a succederle alla cancelleria tedesca - ricade tutto su Biden, anche se le responsabilità vanno spalmate su 20 anni di errori. Non ultimo il controverso accordo di Donald Trump con i talebani, ereditato dal suo successore.

Presentatosi come il presidente con la maggiore esperienza di politica estera dai tempi di Eisenhower, Biden si è lasciato andare a previsioni fallaci rivelatesi un boomerang, suscitando dubbi e perplessità anche tra gli alleati internazionali più fidati. Difficile ignorare il fallimento dell'intelligence, che ha sottovalutato la forza dei talebani e sovrastimato le capacità delle forze governative, rivelatesi invece mal addestrate, demotivate, corrotte, senza leadership.

Ciò che ha sorpreso tutti è stata la rapidità dell'avanzata degli estremisti islamici. A Biden si rimprovera di non aver saputo gestire tempestivamente l'atto finale, compresa l'evacuazione dell'ambasciata e dei tanti afghani che hanno aiutato gli Usa, riconsegnando il Paese ai talebani senza alcuna garanzia. L'unica domanda ora è se questa capitolazione danneggerà la sua immagine anche in casa o se gli americani che applaudivano ai comizi quando sia Trump che Biden promettevano l'uscita dall'Afghanistan faranno spallucce dicendo che questa storia doveva avere una fine. Anche se una brutta fine.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved