inghilterra-almeno-sei-morti-dopo-una-sparatoria-a-plymouth
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
3 ore

Gli hacker russi ‘dichiarano guerra’ a dieci Paesi ‘russofobi’

Il collettivo filorusso Killnet ha iniziato con l’attacco al sito della polizia italiana. Nel mirino anche Usa, Germania, Regno Unito e gli Stati baltici
Francia
4 ore

Francia, Elisabeth Borne è la prima donna premier dopo 30 anni

La ministra del Lavoro è stata nominata oggi dal presidente Macron. Succede a Jean Castex appena dimessosi
Stati Uniti
4 ore

Il killer di Buffalo ha risparmiato un cliente bianco scusandosi

La scena è stata immortalata nel video pubblicato su Twitch (poi rimosso) da Payton Gendron, il 18enne suprematista autore della strage a sfondo razziale
Confine
5 ore

Como, investimenti per 44 milioni nel teleriscaldamento

L’investimento verrà effettuato da Varese Risorse. I consumi energetici verranno ridotti del 38,7% e le emissioni di anidride carbonica del 32,5%
Estero
5 ore

Francia, si è dimesso il premier Castex, pronta Elisabeth Borne

Pochi dubbi sull’imminente nomina a primo ministro dell’attuale ministra del Lavoro, che sarebbe la prima donna in carica dopo 30 anni
Estero
5 ore

Crisi Covid in Corea del Nord, Kim Jong-Un mobilita l’Esercito

Il leader nordcoreano ha contestato la reazione del suo gabinetto e ordinato la mobilitazione di medici ed attrezzature sanitarie dell’Esercito popolare
Estero
6 ore

Abusi in coppia su 13enne, condannata attrice di Doctor Strange

Zara Phythian e il marito Vitkor Marke sono stati condannati a 8 e 14 anni di carcere per aver abusato di una ragazza adolescente
13.08.2021 - 07:43
Aggiornamento : 19:03

Inghilterra, almeno sei morti dopo una sparatoria a Plymouth

Tra le vittime anche la singola persona che ha aperto il fuoco. Le circostanze della tragedia non sono ancora chiare. Si tratterebbe di un raptus di odio.

Ats, a cura de laRegione

È di almeno sei morti il bilancio di una sparatoria avvenuta ieri in serata, 12 agosto, a Plymouth, nel sud-ovest dell'Inghilterra. Stando a una prima ricostruzione un singolo individuo ha aperto il fuoco indiscriminatamente in un quartiere popolare provocando almeno sei vittime e vari feriti prima di essere a sua volta abbattuto.

Le circostanze dell'accaduto non sono ancora del tutto chiare e le informazioni fornite dalla polizia locale alcune ore dopo i fatti sono state inizialmente frammentarie. Di certo si sa che la pista investigativa non è quella di una qualche matrice terroristica, piuttosto di un raptus di odio analogo allo scenario di certe ricorrenti sparatorie americane. Come confermano anche alcuni testimoni oculari citati in serata dalle tv del Regno Unito.

L'inferno si è scatenato nell'area residenziale di Keyham: una selva di abitazioni a basso costo d'origine vittoriana adiacenti alla zona portuale e cantieristica di Plymouth, popolata storicamente da famiglie operaie. E ha lasciato dietro di sé "diversi morti e feriti", secondo il primo comunicato ufficiale diffuso dalla Devon and Cornwall Police: quando la minaccia appariva ormai finita, dopo la "neutralizzazione" confermata dell'aggressore, l'intero circondario continuava a restare isolato e transennato sullo sfondo di un viavai di mezzi di soccorso.

Urla e numerosi spari

Spaventoso il racconto di chi si è trovato di fronte alla scena. Una donna, Sharon, residente a Keyham, ha riferito alla Bbc in preda allo shock di aver assistito a qualcosa di "orrendo e tristissimo". "Prima si sono sentite urla e alcuni spari, tre o quattro. Poi ho visto un uomo armato irrompere all'interno di una casa aprendo ancora il fuoco e quindi uscire e iniziare a sparare a casaccio contro qualche persona fra Linear Park e la strada", ha detto.

'Non si tratta di terrorismo'

"L'incidente non è riconducibile al terrorismo", ha confermato da parte sua via Twitter Johnny Mercer, deputato alla Camera dei Comuni eletto nel collegio di zona, evocando "ore cupe per la città". Priti Patel, ministra dell'Interno del governo Tory britannico di Boris Johnson, ha assicurato intanto vicinanza alle persone colpite e tutto "il sostegno necessario" alla polizia della contea del Devon. E lo stesso ha fatto poi Johnson in prima persona, condannando la violenza. Mentre parole di sgomento e solidarietà verso la comunità cittadina sono venute a stretto giro pure dal leader del Labour, Keir Starmer, e da Nick Thomas-Symonds, ministro dell'Interno ombra dell'opposizione laburista, in contatto a loro volta con le autorità amministrative e investigative locali.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
inghilterra morti plymouth sparatoria
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved