ULTIME NOTIZIE Estero
Serbia
14 min

‘Non accetteremo l’esito dei referendum in Donbass’

Dopo la Turchia, anche il Paese balcanico prende le distanze dalle strategie di Mosca
Confine
2 ore

Como, la vista del lago scompare da piazza Cavour

Continuano i lavori per le paratie anti-esondazione. Le baracche da cantiere resteranno a ridosso della biglietteria fino alla prossima primavera.
Conflitto Russia/Ucraina
3 ore

Chiamati alla leva quasi tutti i tartari di Crimea

In soli tre giorni sono state 1’500 le convocazioni alla mobilitazione distribuite alla comunità tartara
Corea del Nord
6 ore

Lanciato missile balistico nel Mar del Giappone

La guardia costiera nipponica non ha segnalato incidenti che abbiano riguardato navi o imbarcazioni
italia
7 ore

Mafia: 34 anni fa l’uccisione di Mauro Rostagno

Il giornalista si era a lungo impegnato a denunciare le infiltrazioni mafiose nel tessuto politico del Trapanese
Italia
7 ore

Urne aperte, italiani pronti al voto

Quasi 51 milioni di cittadini devono scegliere i 600 membri di Camera e Senato. Si voterà in una sola giornata: i seggi chiuderanno questa sera alle 23
Estero
9 ore

Malgrado i correttivi, Nutriscore è fuorviante

Sono le conclusioni a cui giunge l’ong a tutela dei consumatori Safe, secondo cui questa classificazione degli alimenti ‘produce nuove distorsioni’
Venezuela
9 ore

Da patrona del Venezuela orientale a protettrice dei coralli

Il rispetto per la Vergine del Valle prevale su tutto: niente più reti a strascico nella zona, che diventa sede di un museo sommerso
Italia
9 ore

Italia seconda al mondo per consumo di acqua in bottiglia

Solo in Messico se ne beve di più (244 litri). Ma con i suoi 208 litri a testa, la Penisola si prende il primato continentale
12.08.2021 - 20:13

Varsavia blocca gli indennizzi agli ebrei

L'ira di Israele: chi ha perso case e beni confiscati durante la Shoah e gli anni del comunismo non potrà più farseli restituire

Ansa, a cura de laRegione
varsavia-blocca-gli-indennizzi-agli-ebrei
Il campo di concentramento di Auschwitz in Polonia (Keystone)

Scoppia l'ira in Israele per la nuova legge, approvata dal parlamento della Polonia, che nega agli ebrei di origine polacca gli indennizzi per i beni e le proprietà confiscati durante la seconda Guerra mondiale. Con il ministro degli esteri dello Stato ebraico, Yair Lapid, figlio di un ebreo ungherese sopravvissuto alla Shoah, che parla di una norma che "offusca la memoria dell'Olocausto" e tenta di riscrivere la Storia. E la Knesset - ha annunciato il presidente, Micky Levi - che annulla la programmata costituzione di un gruppo di amicizia con i parlamentari polacchi. "Siamo preoccupati dalla legge approvata in Polonia che limita la restituzione ai sopravvissuti all'Olocausto e ai proprietari di beni confiscati durante il comunismo", ha twittato anche il segretario di Stato Usa Antony Blinken esprimendo le preoccupazioni di Washington per le decisioni polacche, anche per quanto riguarda un'altra controversa norma, quella sui media privati.

La nuova legge - che deve ancora essere approvata dal Presidente Andrzej Duda - fissa una scadenza dopo la quale le richieste di indennizzo dei sopravvissuti alla Shoah o dei loro eredi non saranno più prese in considerazione. Secondo il 'Centro mondiale ebraico per le restituzioni' (Wjro) sarà applicato un nuovo iter burocratico in base al quale "sarà virtualmente impossibile ottenere restituzioni o indennizzi per chi ebbe beni requisiti illegalmente durante l'Olocausto, e poi nazionalizzati dai comunisti". Memore anche della sua storia familiare, Lapid ha annunciato che il nuovo governo israeliano si dissocia da un controverso documento congiunto presentato nel 2018 da Benyamin Netanyahu e dal premier polacco Mateusz Morawiecki. In esso Israele metteva l'accento sulle responsabilità tedesche nello sterminio di tre milioni di ebrei polacchi, restando vago su quelle della popolazione polacca

Knesset rompe l'amicizia

"Quel documento - ha rilevato Efraim Zuroff, direttore della filiale israeliana del Centro Wiesenthal - serviva a Netanyahu per sostenere la politica della Polonia nell'Unione Europea''. In cambio contava di ricevere il sostegno di Varsavia alla sua politica mediorientale. Oggi però Lapid, riferendosi a quel documento, non ha lasciato dubbi: "Continuo ad oppormi ad ogni tentativo di riscrivere la Storia". Due anni fa anche l'attuale premier Naftali Bennett ebbe a ricordare che il nonno della moglie dovette nascondersi per quattro anni in una foresta della Polonia. Quando le forze russe erano ormai in vista, contadini polacchi uccisero sua madre e due congiunti. Pur ricordando che molti polacchi salvarono coraggiosamente vite di ebrei e che la Nazione polacca era sotto occupazione, anche Bennett rilevò allora dei crimini antisemiti compiuti in Polonia. "Non possiamo accettare che si riscriva la Storia, per stringere relazioni future".

Secondo Zuroff oltre alla questione immediata degli indennizzi, il disagio profondo fra Israele ed alcuni Paesi dell'Europa dell'est, Polonia inclusa, deriva appunto dalla sensazione che questi ultimi cerchino di esimersi dalle loro responsabilità e di intraprendere un revisionismo storico della Shoah. "Faccio appello al presidente Duda affinché blocchi quella legge" ha detto il presidente della Knesset Levi. In caso contrario, a quanto pare, le relazioni fra Israele e Polonia rischiano di subire un contraccolpo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved