Ginevra
Friborgo
19:45
 
Turgovia
1
Kloten
0
1. tempo
(1-0)
saied-non-si-ferma-primo-deputato-arrestato
Clima di tensione (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
10 min

I talebani chiedono il riconoscimento ai Paesi musulmani

Mentre l’Afghanistan sprofonda nel baratro economico, i nuovi governanti cercano una normalizzazione delle relazioni internazionali
Estero
35 min

L’esplosione a Tonga come 500 bombe di Hiroshima

Uno scienziato capo della Nasa parla della ‘maggior eruzione degli ultimi decenni, registrata fino a 9’000 chilometri di distanza’
italia
38 min

Berlusconi, il Quirinale si allontana

Il centrodestra sembra voler scegliere un altro candidato. L’opzione Draghi potrebbe far saltare ogni accordo sul prossimo governo
regno unito
49 min

Johnson: stop a green pass e mascherine

Contagi in calo. Verrà revocata anche la raccomandazione del lavoro da casa.
Estero
51 min

Museo Van Gogh si trasforma in beauty center per protesta

Ad Amsterdam un’altra azione clamorosa contro le misure antipandemia portate avanti dal governo, accusato da più parti di incoerenza
Estero
2 ore

Traffico di migranti, decine di arresti tra Italia e Albania

Intanto oltre 55mila firme sono state raccolte in Svizzera per il referendum lanciato dall’Ong Migrant Solidarity Network contro il finanziamento Frontex
Estero
3 ore

La giustizia accusa Trump di pratiche fiscali ‘fraudolente’

Nell’inchiesta civile lanciata nel 2019 dalla Procura di New York sulla Trump Organization coinvolti anche due dei figli dell’ex presidente Usa
Estero
4 ore

Giacarta presto sott’acqua, l’Indonesia sposta la capitale

Un terzo della città potrebbe essere sommerso entro il 2050. Via libera a una remota località sull’isola del Borneo: si chiamerà ‘Nusantara’
francia
5 ore

Nizza, poliziotto uccide una persona durante un’operazione

Il procuratore ha chiesto l’apertura di un’inchiesta interna per il reato di omicidio volontario
Spagna
11 ore

Incendio in una casa di riposo, sei morti

Undici le persone ricoverate per intossicazione. Il rogo potrebbe essere stato causato da un cortocircuito all’interno delle apparecchiature mediche
tunisia
30.07.2021 - 22:200

Saied non si ferma, primo deputato arrestato

A denunciare il fatto è stata la moglie su Facebook. Il Presidente aveva revocato l'immunità parlamentare pochi giorni fa.

Yassine Ayari è il primo nome a cadere sotto la scure della revoca dell'immunità parlamentare in Tunisia, parte del colpo di mano voluto domenica dal presidente Kais Saied, insieme al licenziamento del premier Hichem Mechichi e la sospensione del parlamento. Ayari, legislatore indipendente eletto nella circoscrizione estero, è stato arrestato dalle forze di sicurezza presidenziali che avrebbero usato la forza durante la sua cattura, secondo quanto denunciato dalla moglie su Facebook. Il partito Amal wa Aamal, diretto da Ayari, ha dichiarato che il deputato è stato rapito davanti a casa sua da agenti di polizia. Secondo la stessa fonte, gli agenti avrebbero affermato di far parte della guardia presidenziale. In parlamento Ayari è giunto per la prima volta nel 2017 grazie a un'elezione suppletiva per un seggio all'estero in Germania.

‘Già condannato’

Personaggio controverso al centro di scandali, il deputato fu uno dei numerosi blogger protagonisti dieci anni fa della rivoluzione dei gelsomini. È stato condannato più volte per vilipendio delle forze armate a causa di vari post sulle reti sociali in cui dileggiava l'esercito. Il 26 giugno 2018 venne condannato a tre mesi di carcere dalla giustizia militare per aver aver insultato l'istituzione militare e il presidente della Repubblica, ma l'immunità di cui godeva come deputato lo ha sempre salvato. Da domenica scorsa, quell'immunità è venuta meno per ordine del presidente Saied, che continua a mantenere le redini dell'esecutivo mentre si attende ancora la nomina di un nuovo primo ministro, e va avanti con la "pulizia" tra gli alti funzionari delle istituzioni del Paese. Ieri, Ridha Gharsallaoui è stato nominato nuovo ministro dell'interno con decreto presidenziale, mentre è stato licenziato il direttore generale dei servizi speciali presso lo stesso ministero, Lazhar Loungou, che va ad aggiungersi alla lista delle teste cadute per volere di Saied, che contempla anche una ventina di alti funzionari governativi, il procuratore generale militare e il direttore della televisione pubblica nazionale. Loungou, che assunse la carica nell'aprile 2021 grazie alla nomina dell'ex premier Mechichi, verrà sostituito dal direttore centrale dell'informazione generale presso il ministero dell'Interno, Mohamed Cherif.

‘Sostegno popolare’

Mentre Saied tira dritto sulle sue decisioni, forte anche del sostegno dell'87% dei tunisini secondo un sondaggio, il presidente del parlamento Rached Ghannouchi, anche leader del partito islamico moderato Ennhadha, prima forza in parlamento e principale danneggiato dalle decisioni del presidente Saied, si è rammaricato della mancanza di dialogo con il capo di Stato dopo le sue decisioni di domenica, che l'opposizione ha denunciato come un golpe. E sul partito islamico si concentrano ora le azioni giudiziarie: quattro appartenenti a Ennahdha, tra cui un membro del Consiglio della Shoura (Direzione), un membro della squadra di Ghannouchi e la sua ex guardia del corpo, sono stati deferiti al giudice istruttore del Tribunale di Tunisi con l'accusa di "tentativo di commettere atti di violenza davanti al parlamento a seguito dell'annuncio delle decisioni del presidente della Repubblica". I quattro sono attualmente oggetto di indagine, dopo che la squadra anticrimine della capitale ha ricevuto denunce secondo le quali gli imputati avrebbero contattato persone del quartiere di El Nour per recuperare bastoni e per commettere violenze davanti alla sede del parlamento.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved