le-purghe-di-saied-preoccupano-la-tunisia
Manifestanti e guardie all'ingresso del palazzo presidenziale a Tunisi (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
4 ore

In Spagna lo Stato pagherà i congedi mestruali

Primo Paese in Europa a fare una legge. Permessi speciali di durata variabile. ‘Basta andare al lavoro imbottite di pillole’
libano
4 ore

Hezbollah perde la maggioranza, ma non il potere

Entusiasmo per i 13 seggi del fronte del ‘cambiamento’, ma si teme un nuovo stallo politico, che potrebbe essere fatale con la crisi economica e sociale
Estero
5 ore

‘Il Boeing cinese è stato fatto precipitare intenzionalmente’

Qualcuno nella cabina di pilotaggio ha fatto schiantare al suolo l’aereo della China Eastern, scrive il Wall Street Journal. Erano morte 132 persone.
Confine
6 ore

‘Big’ della logistica, infiltrazioni di ’ndrangheta dal Comasco

Un affiliato ai clan residente nel Comasco si sarebbe infiltrato nei subappalti della filiale italiana della tedesca Schenker, ora commissariata
Estero
7 ore

Germania: chiesti 5 anni per una ex guardia SS di 101 anni

L’uomo è accusato di aver aiutato tra il 1942 e il 1945 a uccidere più di 3’500 prigionieri
Confine
10 ore

AlpTransit a sud di Lugano, dall’Italia passi avanti

Per potenziare il traffico merci le Ferrovie italiane stanziano 100 milioni per il centro intermodale di Milano-Segrate, 70 milioni li mette la Svizzera
Estero
12 ore

Finlandia nella Nato, arriva anche il sì finale del parlamento

Larghissima maggioranza a favore dell’adesione di Helsinki: 188 i favorevoli, 8 i contrari. La richiesta dovrà ora essere approvata da tutti i 30 membri
Estero
12 ore

Il pugno duro della Cina contro il Covid

Le misure draconiane in numerose città dipendono da considerazioni sanitarie, ma anche politiche
Estero
12 ore

Omofobia: nel mondo ancora carcere e morte per l’omosessualità

Oggi è la Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia. In 62 Paesi l’omosessualità è un reato punito con carcere o pena capitale
28.07.2021 - 19:30
Aggiornamento : 20:31

Le purghe di Saied preoccupano la Tunisia

Il presidente caccia altri 20 funzionari. Il partito islamico moderato Ennahda è sotto inchiesta

Ansa, a cura de laRegione

Mentre la vita quotidiana a Tunisi sembra scorrere come di consueto, tra traffico impazzito e gente che si affanna a fare compere, qualche mezzo militare protegge discretamente obiettivi sensibili e nei palazzi della politica l'atmosfera resta più che mai sospesa. Tutte le parti coinvolte infatti sono in attesa di una soluzione alla crisi aperta dal presidente Kais Saied che ha congelato domenica il parlamento per 30 giorni e cacciato il premier Mechichi. Il capo dello Stato ha dichiarato di "non volere vedere neanche una goccia di sangue" mentre il principale danneggiato, il partito islamico moderato Ennadha, ha lanciato un appello al dialogo, invitando i suoi sostenitori a evitare l'escalation.

Ma la tensione tra gli opposti schieramenti rimane altissima e si intensifica il pressing internazionale: oggi è stata la Francia, per bocca del ministro degli Esteri Jean-Yves Le Drian, a chiedere di "nominare rapidamente" un nuovo primo ministro, "preservare lo stato di diritto e consentire un rapido ritorno al normale funzionamento delle istituzioni democratiche". Saied, che da domenica ha assunto anche le funzioni di capo del governo, forte del consenso popolare e dell'avvallo del potente sindacato Ugtt (oltre che dell'esercito), per tutta risposta oggi ha silurato per decreto anche una ventina di alti funzionari governativi e il procuratore generale militare Taoufik Ayouni.

Democrazia a rischio

L'operazione ha tutta l'aria di essere una purga, seppur in versione light, e un'interpretazione in tal senso viene rafforzata dall'annuncio dell'apertura da parte della magistratura di un'indagine nei confronti di esponenti di Ennhadha e del suo alleato modernista Qalb Tounes per "finanziamenti esteri illegali" per le loro campagne elettorali. Ma la via giudiziaria - che consentirebbe secondo il professore di diritto costituzionale Rabeh Khraifi di sciogliere definitivamente il parlamento una volta dimostrato il finanziamento illegittimo - resta una strada pericolosa per tutti. Nelle ultime ore infatti è stata perquisita l'abitazione di un parlamentare del partito islamista Al Karama, Rached Kiari, ricercato da tempo dalla giustizia militare per aver dichiarato mesi fa di essere in possesso di documenti che proverebbero finanziamenti illeciti ricevuti a sua volta da Saied.

La questione del rispetto dei principi democratici, oltre che alla comunità internazionale, resta al centro delle preoccupazioni di Ennahdha che, continuando a definire la mossa di Saied "un golpe", ha tuttavia affermato che "per il bene del percorso democratico" sarebbe "anche pronto ad andare ad elezioni legislative e presidenziali anticipate", chiedendo tuttavia "che qualsiasi ritardo non sia usato come pretesto per mantenere in piedi un regime autocratico".

Anche i principali gruppi della società civile mettono in guardia contro qualsiasi estensione "illegittima" della sospensione di 30 giorni del parlamento e chiedono, in una dichiarazione congiunta, una tabella di marcia per l'azione politica. Mentre l'Italia è scesa in campo come parte attiva di un "coordinamento europeo" assieme a Francia, Germania e Spagna, i commentatori locali preferiscono guardare all'Egitto, che stranamente non ha ancora commentato le decisioni di Saied. "Non è un mistero che il rapporto tra Saied e il presidente egiziano Al Sisi si sia ravvivato dopo la sua visita al Cairo di qualche mese fa", ha scritto il giornalista Kamel Zaiem, evocando così un possibile patto con Sisi per sbarazzarsi degli islamici di Ennahdha al governo a Tunisi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
africa democrazia kais saïed partito islamico tunisia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved