ULTIME NOTIZIE Estero
Ucraina
2 ore

Emergenza blackout nella regione di Kiev

Solo dopo l’aumento delle capacità del sistema elettrico sarà possibile procedere con le interruzioni di corrente di stabilizzazione
Italia
2 ore

Risveglio con la terra che trema nelle Eolie

Avvertita in tutta la provincia di Messina e nel capoluogo la scossa di magnitudo 4,6 registrata alle 8.12 a sud dell’isola di Vulcano
Giappone
2 ore

Massima allerta per un possibile tsunami in Giappone

A provocarlo è stata l’eruzione del vulcano Monte Semeru, sull’isola indonesiana di Giava
Estero
4 ore

Inondazioni e terremoti presentano il conto

Danni a seguito di catastrofi naturali per 260 miliardi di dollari l’anno scorso: cifre in calo rispetto al 2021, ma superiori alla media decennale
Messico
16 ore

‘I morti continuano ad arrivare e le persone a scomparire’

In Messico traboccano gli obitori. È la conseguenza dell’ondata di violenza legata al traffico di droga. E dei tempi lunghi per l’identificazione
Italia
18 ore

Dopo caro-benzina e caro-elettricità, ecco il caro-panettone

Natale (e Capodanno) più caro per gli italiani (e non solo loro). Che complessivamente dovrebbero spendere 340 milioni di euro in più rispetto al 2021
India
18 ore

Coccodrilli con le valigie in mano pronti a traslocare

Complice la sovrappopolazione, che sta causando continui conflitti tra i rettili, migliaia di loro saranno trasferito da Chennai al Gujarat
Estero
19 ore

Schianto di primo mattino a Forcola. Muore un diciottenne

A bordo della vettura c’erano altri due giovani, entrambi rimasti gravemente feriti. I tre stavano andando a scuola a Sondrio.
Italia
20 ore

Rapina una farmacia. Ma dimentica la ricetta della moglie

Maldestro furto per un 57enne nel Milanese. Sul bancone ha infatti lasciato il foglietto con cui i carabinieri sono risaliti alla sua identità
Brasile
20 ore

Pelé non risponde alla chemio: trasferito in un altro reparto

Dopo il ricovero di martedì, ‘O Rei’ spostato nel reparto delle cure palliative dell’ospedale ‘Albert Einstein’ di San Paolo
Italia
20 ore

Eredità... stupefacente a Sesto Fiorentino

Nell’appartamento del fratello deceduto spuntano un laboratorio per la droga e 2,4 chili di marijuana
Russia
23 ore

Mosca se ne fa un baffo del ‘price cap’ sul petrolio

Per l’ambasciata russa negli Stati Uniti, malgrado il tetto al prezzo dell’oro nero russo, il greggio continuerà a essere richiesto
15.07.2021 - 21:44

Pace Grillo-Conte, M5S prova a ripartire

I chiarimenti davanti a una spigola al forno a Bibbona, in un ristorante vicino alla villa del comico La scissione ora è più lontana

Ansa, a cura de laRegione
pace-grillo-conte-m5s-prova-a-ripartire
Beppe Grillo, fondatore del Movimento 5 Stelle (Keystone)

Una spigola al forno nel piatto, una foto opportunity per eletti e attivisti e una battaglia sulla giustizia all'orizzonte: la "pace di Bibbona" tra Giuseppe Conte e Beppe Grillo viene siglata a pranzo, in un ristorante non lontano dalla villa dell'ex comico. L'incontro risolutivo era nell'aria dopo l'accordo che, domenica, ha forse evitato la scissione del Movimento.

Ora, con il chiarimento faccia a faccia, i Cinque Stelle possono ripartire. Nelle prossime ore - comunque entro il weekend - sarà lanciata la votazione sullo Statuto e dopo i 15 giorni previsti dal regolamento per le osservazioni, gli iscritti si esprimeranno.

Nel frattempo, il patto tra Grillo e Conte amplia il raggio d'azione del secondo sulla riforma Cartabia. Mario Draghi non vuole rinvii su un provvedimento che considera cruciale in chiave Recovery. E lunedì, a Palazzo Chigi, il premier vedrà proprio Conte. Il patto di Marina di Bibbona viene siglato ad un tavolo dove nessun altro big è presente. Solo l'ex socio di Rousseau Pietro Dettori ha accesso all'incontro.

È un faccia a faccia per chiarirsi innanziutto dal punto di vista umano, quello che avviene nel ristorante Bolognese da Sauro della località tirenica. Solo quindici giorni fa il Garante e l'ex premier si mandavano di fatto "a quel Paese" in un feroce attacco incrociato. Poi i 7 saggi - con Luigi Di Maio e Roberto Fico a tenere le fila di un Movimento che andava a pezzi - hanno iniziato il delicato lavoro di ricucitura sullo Statuto preparando il terreno all'incontro chiarificatore.

Annuncio social 

"E ora pensiamo al 2050!", scrive Grillo dal suo account Fb lanciando la foto della pace: lui in camicia a fiori e Conte in maglietta mentre parlando, sorridenti, come due vecchi amici. La foto scatena il plauso degli eletti. "Mediando si raggiunge la soluzione migliore", scrive Di Maio. "Grazie a Conte e Grillo ma anche a tutta una comunità che ora è più forte", gli fa eco il capodelegazione Stefano Patuanelli.


Giuseppe Conte, leader M5S (Keystone)

"Ora si riparte", gioiscono al Senato e alla Camera. Tutto risolto? Forse. Perché dello Statuto, al momento, nei corridoi parlamentari ancora non c'è traccia. Il ruolo di garanzia, in ogni caso, resta a Grillo che, probabilmente, sarà anche titolato a proporre i membri del nuovo Comittao di Garanzia. E resterà il "custode" dei valori del Movimento. Ma Conte, da presidente, avrà piena agibilità politica. E avrà ampi poteri non solo nella comunicazione del Movimento ma anche nella composizione dell'organigramma, composto certamente dai vicepresidenti (parrebbero tre) e dal Consiglio Nazionale.

Il nodo vicepresidenza

Per la vicepresidenza l'ex premier dovrà tenere conto delle varie "anime" del Movimento. Un nome potrebbe essere quello di Di Maio anche se il ministro degli Esteri al momento non rincorre alcuna voce a riguardo. Ci sarà, anche una quota femminile: e qui i profili in gara vanno da Chiara Appendino (che però è auto-sospesa per le vicende giudiziarie di Piazza S. Carlo) a Lucia Azzolina, fino a Paola Taverna.

In ogni caso, per Conte, la partita non sarà semplice. Gli strascichi dell'intesa in Cdm sulla giustizia hanno acuito le tensioni interne ai gruppi e allargato la divisione tra "contiani" e filo-Draghi. Difficile, tuttavia, che il M5S non provi ad alzare la testa da qui a martedì mattina, quando scade il termine per i submemendamenti. "Per il 23 in Aula non ce la faranno mai", prevede un deputato pentastellato. In commissione Giustizia, da Alfonso Bonafede in giù, sono quasi tutti pronti alla guerra.

Solo il faccia a faccia di lunedì tra Conte e Draghi potrebbe scigoliere il nodo. Con il premier che deve fare i conti anche con gli alleati del M5S, pronti a intervenire se si modificasse la riforma Cartabia per andare incontro alle richieste di Conte. Palazzo Chigi sdrammatizza il faccia a faccia che, si spiega, rientra nell'alveo degli incontri che Draghi sta avendo con tutti i capi dei partiti, che è attività naturale e sistematica. Ma un impasse sulla giustizia, per Draghi sarebbe un problema. E nell'esecutivo, non a caso, si punta all'ok alla riforma del processo penale anche senza il sì di tutto il Movimento. "Quanti sono davvero quelli che voterebbero no al ddl?", spiega, non a caso, una fonte vicina al dossier.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved