haiti-killer-colombiani-per-uccidere-moise
L'arresto di alcuni membri del commando (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
10 ore

La Bielorussia mette al bando ‘1984’ di Orwell

Vietato possedere copie del romanzo. Arrestato alcuni giorni fa l’editore Andrey Yanushkevich che nel 2020 ha pubblicato la versione in lingua bielorussa
Confine
12 ore

San Bartolomeo Val Cavargna, Lady Demonique candidata

Il 12 giugno la performer erotica Doha Zaghi contenderà la poltrona di sindaco a Eleonora Bari
Confine
12 ore

Alla stazione di Chiasso con 206mila euro in valigia

Le banconote da 200 e 500 euro sono state trovate nelle valigie di una coppia bulgara proveniente dalla Germania e diretta in Italia
Confine
16 ore

Caro-benzina anche in Italia. Ma sotto i livelli ticinesi

Malgrado il rincaro, fare il pieno nella Penisola resta un’opzione sempre attrattiva: oltre 20 centesimi in meno al litro
Speciale Ucraina
16 ore

I russi prendono l’Azovstal, Mariupol è caduta

Dopo 86 giorni di assedio e resistenza l’acciaieria è stata espugnata. Segui il live de laRegione
Confine
17 ore

Como, sopralluogo del prefetto nei boschi della droga

La stessa problematica è stata segnalata anche alla Prefettura di Varese. L’impegno sul confine è di intensificare i controlli
Estero
17 ore

Quattro persone accoltellate in Norvegia: fermato l’autore

Secondo le autorità, l’uomo avrebbe preso di mira le sue vittime (ferite in modo grave) in modo ‘casuale’
Confine
18 ore

Vigezzina e statale 337 chiuse per almeno una settimana

All’esame dei tecnici Anas il calendario degli interventi per la messa in sicurezza del tratto tra Re e il confine di Ponte Ribellasca
Confine
18 ore

Ubriaco, forza un posto di blocco. Ripreso dopo 6 km

Movimentato fermo nella notte su ieri nel Comasco. Per eludere il controllo, l’uomo ha anche urtato un carabiniere
09.07.2021 - 20:19

Haiti: killer colombiani per uccidere Moïse

Preso tutto il commando, tra loro anche due cittadini americani: è caccia ai mandanti tra droga e corruzione, si segue la pista dei narcos

Ora è ufficiale. Per uccidere il presidente di Haiti, Jovenel Moise, una organizzazione criminale ha reclutato un piccolo esercito di colombiani, per lo più ex militari senza scrupoli, molti dei quali catturati, alcuni uccisi e otto ancora latitanti. Si tratta di una manovalanza specializzata che il direttore generale della polizia haitiana, Léon Charles, ha definito "esecutori materiali dell'omicidio" mentre tutti gli sforzi sono ora puntati a "trovare chi sono i loro mandanti".

Il piano sovversivo

L'alta complessità del piano sovversivo sembra escludere l'esistenza di una pista di politica, nonostante la forte e crescente opposizione che il defunto capo dello Stato si era attirato per l'ostinazione nel governare per decreto, senza un Parlamento e una Corte suprema funzionanti. L'attenzione degli investigatori si concentrano così su due altre piste. La prima riguarda le potenti e storiche organizzazioni di narcotrafficanti haitiani, collegati con i narcos colombiani, che già in passato sono intervenuti per rovesciare governi, come quello dell'ex presidente Jean Bertrand Aristide.

La seconda, più complessa, ma più concreta, è legata alla lotta generata anni fa dal finanziamento da parte del Venezuela del programma Petrocaribe, con accuse e contraccuse di corruzione che non hanno risparmiato lo stesso Moise. A lui, alcuni importanti imprenditori del settore energetico di Haiti (Pierre Reginald Boulos e Dimitri Vorbe) avevano dichiarato una guerra totale.

A sostegno di questa ipotesi, alcuni media haitiani hanno rivelato che uno dei due americani di origine haitiana arrestati, James Solages, oltre ad avere ambizioni politiche ad Haiti, è personaggio vicino a Vorbe, proprietario dell'impresa elettrica Sogener.

Fatti da chiarire

Ma gli elementi e le circostanze da chiarire sull'accaduto sono ancora tanti. A cominciare dall'incredibile latitanza degli agenti di sicurezza del presidente la notte del 7 luglio. I media hanno sottolineato che dopo l'attacco in cui sono stati sparati molti colpi d'arma da fuoco, sono stati rivenuti sul posto solo i corpi di Moise, già senza vita, e della moglie Martine, gravemente ferita. Nessuna traccia invece degli agenti della guardia presidenziale, e per questo il capo della Procura di Port au Prince, Me Bed-Ford Claude, ha chiesto di ascoltare il 14 e 15 luglio prossimi i due massimi responsabili della sicurezza del capo dello Stato, Jean Laguel Civil e Dimitri Hérard.

Un altro fatto che ha sorpreso riguarda la scelta di undici dei colombiani del commando in fuga di cercare rifugio nel recinto dell'ambasciata di Taiwan a Port au Prince. Pare comunque escluso qualsiasi sospetto di complicità da parte del corpo diplomatico taiwanese, perché la richiesta della polizia di entrare nella zona sospetta è stata accolta, senza esitazioni.

Quello che le indagini sembrano aver provato finora è che il piano ha richiesto ingenti fondi e molte settimane di elaborazione, tanto che almeno quattro dei principali ex militari colombiani coinvolti avevano lasciato Bogotà diretti nella Repubblica dominicana oltre un mese fa. Per quanto riguarda infine la brutale uccisione di Moise con 12 colpi d'arma da fuoco, è risultato a uno degli interpreti del commando arrestato era stato detto e assicurato che l'obiettivo del blitz non era l'uccisione di Moise, ma la sua cattura "sulla base di un mandato della magistratura".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
haiti jovenel moise narcos
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved