01.07.2021 - 14:34
Aggiornamento: 18:28

In Argentina una legge proibisce l’allevamento di salmoni

L’ha emanata il parlamento provinciale di Terra del Fuoco. Si tratta del primo provvedimento del genere al mondo per la tutela del mare.

in-argentina-una-legge-proibisce-l-allevamento-di-salmoni
Keystone
Un pesce molto richiesto

Buenos Aires – La provincia argentina di Terra del Fuoco ha approvato una legge che vieta l'allevamento dei salmoni nella sua zona di giurisdizione, ed in particolare nelle acque del Canale di Beagle, con una misura classificata come "storica" dai suoi promotori per i benefici che comporta nella protezione dell'ambiente marino.

La normativa, scrive l'agenzia di stampa Telam, è stata approvata all'unanimità dal Parlamento provinciale rispondendo positivamente alle richieste in questo senso di movimenti e associazioni ambientali, sia locali che nazionali. La legge, precisa l'agenzia, conclude un complicato processo cominciato nel 2018, quando per la prima volta è stata prospettata la possibilità da parte di una impresa scandinava di sviluppare un allevamento di salmoni nel Canale di Beagle, simile a quelli esistenti da anni in Cile.

Il voto è stato applaudito dall'organizzazione 'Senza blu, non c'è verde', il programma marino della Rewilding Foundation in Argentina, che in un comunicato ha spiegato che fra le conseguenze dell'allevamento dei salmoni vi sono "l'alta mortalità del pesce, l'intensificazione di alghe tossiche (marea rossa), gli effetti negativi dell'introduzione di specie esotiche, l'alterazione degli ecosistemi e la perdita di fauna locale".

L'organizzazione ha poi ricordato che, nel corso degli anni, le imprese dedite all'allevamento dei salmoni "sono state coinvolte in numerosi scandali legati a fughe di massa, decessi e un uso improprio di antibiotici". Infine la Rewilding Foundation ha sostenuto che questa iniziativa ittica avrebbe rappresentato "una minaccia per l'economia della provincia poiché, a Ushuaia (capoluogo provinciale della Tierra del Fuego, ndr.), metà delle famiglie dipendono dal turismo, attività che non può convivere con l'impatto ambientale legato agli allevamenti di salmoni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved