CAL Flames
2
ANA Ducks
3
fine
(1-1 : 1-0 : 0-1 : 0-1)
ARI Coyotes
4
STL Blues
7
fine
(1-1 : 1-5 : 2-1)
il-g20-alla-guerra-dei-vaccini-contro-pechino
Luigi Di Maio ha fatto gli onori di casa a Matera (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
germania
8 ore

Axel Springer licenzia il direttore della Bild

La decisione a seguito di “ricerche sul comportamento” di Reichelt, che non avrebbe “separato in modo chiaro la sfera professionale e quella privata”
Estero
8 ore

Ungheria, un outsider per sfidare Orban

Peter Marki-Zay guiderà il fronte unito delle opposizioni al voto 2022: ‘Ringrazio gli elettori, ora sfidiamo il regime’
Estero
11 ore

Ballottaggi in Italia, il Pd conquista anche Roma e Torino

In mano al centrosinistra tutti i capoluoghi di regione. Trieste unica eccezione. Letta: vittoria trionfale
Estero
12 ore

Russia e Nato ai ferri corti, Mosca rompe le relazioni

Mosca ‘sospende’ il lavoro della sua missione permanente alla Nato come rappresaglia per l’espulsione di otto funzionari accusati di spionaggio
Confine
13 ore

A Varese riconfermato il sindaco di centrosinistra

Al ballottaggio passa Davide Galimberti. Sconfitti il candidato del centrodestra e la Lega di Salvini
Estero
13 ore

Morto di Covid Colin Powell, ex segretario di Stato di Bush

L’84enne fu il primo afroamericano a ricoprire il ruolo di capo di Stato maggiore prima di divenire segretario di Stato sotto George W. Bush
Confine
14 ore

Una pista ciclabile di 5 km lungo il Ceresio più selvaggio

Risorge il progetto di cui si parla da 25 anni da Osteno a Santa Margherita di Valsolda dopo il via libera al finanziamento degli enti preposti
Estero
14 ore

Comunali in Italia, il centrosinistra avanti a Roma e Torino

Gli exit poll danno in vantaggio Gualtieri nella capitale e Lo Russo sotto la Mole. Trieste in bilico
Estero
15 ore

È morto Angelo Licheri, cercò di salvare Alfredino nel pozzo

Licheri si offrì volontario e si fece calare a testa in giù per 45 minuti nel pozzo in cui era caduto il bambino di Vermicino, ma senza successo
Estero
16 ore

Escort a Berlusconi, per Tarantini 2 anni e 10 mesi definitivi

La Corte di Cassazione ha confermato la condanna all’imprenditore pugliese per aver portato escort nelle residenze dell’ex premier fra il 2008 e il 2009
Estero
29.06.2021 - 20:240

Il G20 alla guerra dei vaccini contro Pechino

La Cina risponde: ‘Basta chiacchiere, cercate un vero multilateralismo’

Sconfiggere il Covid e sostenere la ripresa post-pandemia si può fare solo con un approccio sistematico e multilaterale, garantendo l'accesso equo ai vaccini secondo il mantra per il quale "nessuno si salva da solo". Sembra unanime la posizione riassunta da Luigi Di Maio, padrone di casa, dei Paesi del G20 riuniti nella ministeriale degli Esteri a Matera, il primo in presenza dopo il meeting saudita del 2020.

Campagne vaccinali

Ma i distinguo sul modo di intendere il sostegno ai Paesi più poveri nelle loro campagne vaccinali emergono negli interventi dei ministri, dentro e fuori Palazzo Lanfranchi. In un consesso in cui - ha riconosciuto il titolare della Farnesina - siedono anche "differenze e divergenze", sulla scia dello scontro che vede l'Occidente opporsi alla Cina ("La nazione più complicata con cui abbiamo a che fare", secondo Antony Blinken), e con questa alla Russia, due Paesi ancor più saldati dal rinnovo ieri dell'Accordo di cooperazione, presenti peraltro a Matera il primo in videocollegamento, il secondo con un viceministro. Sotto il sole cocente che infuoca la città dei Sassi, è il tedesco Heiko Maas a puntare il dito, ancor prima di entrare alla riunione, contro "la diplomazia vaccinale" che Pechino e Mosca portano avanti da mesi, mirando - è l'accusa - a "vantaggi geostrategici di breve termine" anziché ad aiutare la salute globale. Il riferimento è alle milioni di dosi dei loro vaccini Sputnik, Sinovac e Sinopharm donate a Paesi africani, dell'America Latina, persino europei nei Balcani.

Donazioni che agli occhi occidentali appaiono appunto solo una strategia per accrescere la propria influenza nel mondo, a qualsiasi costo. Anche a rischio di somministrare vaccini inefficaci, come alcuni studi ripresi dai media Usa sostengono sia successo in Cile con il Sinovac. La replica di Pechino non si fa attendere. Collegato da remoto perché ufficialmente trattenuto dalle celebrazioni per i 100 anni del Partito comunista, il ministro cinese Wang Yi rivendica la generosità della Cina: "Noi abbiamo distribuito 450 milioni di dosi a 100 Paesi". Ed esorta il resto del G20 a prendere esempio: "Chi può ha il dovere di contribuire a eliminare il divario di immunizzazione" nel pianeta, ha detto Wang, esortando a fare altrettanto e ad evitare restrizioni all'esportazione dei vaccini e l'eccessivo accaparramento delle dosi da parte di chi ne ha in abbondanza. Del resto, nel giorno in cui si taglia il traguardo dei 3 miliardi di dosi somministrate nel mondo, la fotografia della distribuzione dei vaccini scattata dall'Afp mostra in modo evidente e drammatico il solco che separa i Paesi ricchi da quelli poveri: in Africa sono state somministrate finora 3,6 dosi ogni 100 abitanti, contro le 79 su 100 nei Paesi ad alto reddito e una media mondiale di 39 su 100.

‘Solo slogan’

La Cina intanto invita il G20 a sposare il vero multilateralismo, che "non è uno slogan altisonante" e a opporsi al "gioco a somma zero". Il ministro degli Esteri Wang Yi, in collegamento video alla ministeriale degli Esteri di Matera, ha affermato che "dovremmo dare l'esempio e assumere la guida nella pratica del vero multilateralismo", puntando sull'apertura e sull'inclusione e contrastando la chiusura e l'esclusività. Il multilateralismo, che "non è uno slogan altisonante e tanto meno può essere uno strumento per attuare azioni unilaterali", dovrebbe aiutare a "costruire un'economia mondiale aperta" e a prevenire processi di politicizzazione della cooperazione internazionale, ha aggiunto Wang nel resoconto dei media cinesi. Per Pechino, è prioritario "costruire un'economia mondiale aperta, mantenere sicurezza e stabilità della catena industriale e prevenire la frammentazione del mercato internazionale e la politicizzazione dei meccanismi di cooperazione".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved