ULTIME NOTIZIE Estero
italia
4 ore

Quando il parchimetro... porta fortuna

È successo nel Cuneese dove una signora ha acquistato un Gratta e vinci per cambiare i soldi per il parcheggio e vince 500mila euro
Canada
7 ore

L’uragano Fiona lascia 500mila case senza corrente

Lo riferisce l’azienda elettrica locale, Nova Scotia Power, secondo quanto riportato da Cbc
Stati Uniti
9 ore

Problemi ai finestrini: le auto di Tesla tornano in garage

Richiamate 1,1 milioni di vetture per un aggiornamento del software che permetterà di ovviare a un malfunzionamento
Turchia
13 ore

‘Il referendum russo? Non lo riconosciamo’

Lo ha affermato il portavoce della presidenza turca Ibrahim Kal. La stessa cosa accadde anche per il referendum in Crimea nel 2014
Estero
14 ore

L’ultimo addio ad Abe

I funerali dell’ex premier giapponese, ucciso in un attentato, si terranno il prossimo 27 settembre
Estero
18 ore

La politica è un Hobbit (o un pelaverdure)

Cronaca semiseria dei comizi che hanno chiuso la campagna elettorale italiana, nell’attesa che arrivi domenica.
Confine
1 gior

Vigezzo: brucia un compressore, colonne lungo la Statale

Un mezzo da cantiere ha preso fuoco tra Re e Ribellasca, costringendo i frontalieri a lunghi tempi di attesa
Estero
1 gior

Laver Cup, attivista per l’ambiente si dà fuoco

Un insolito fuori programma al torneo d’addio di Federer a Londra: un giovane è entrato sul campo e si è bruciato il braccio. Soccorso, è fuori pericolo
Estero
1 gior

La Russia aumenterà le sue spese militari nel 2023 del 43%

Lo ha reso noto il presidente Putin; l’incremento servirà ad assicurare la difesa del paese anche alla luce del critico andamento della guerra in Ucraina
Estero
1 gior

Guardie armate porta a porta, al via i referendum in Ucraina

Milioni chiamati alle ‘urne’. Intanto il patriarca Kirill invita a combattere. E decine di migliaia di russi scappano all’estero
29.06.2021 - 20:24

Il G20 alla guerra dei vaccini contro Pechino

La Cina risponde: ‘Basta chiacchiere, cercate un vero multilateralismo’

Ansa, a cura de laRegione
il-g20-alla-guerra-dei-vaccini-contro-pechino
Luigi Di Maio ha fatto gli onori di casa a Matera (Keystone)

Sconfiggere il Covid e sostenere la ripresa post-pandemia si può fare solo con un approccio sistematico e multilaterale, garantendo l'accesso equo ai vaccini secondo il mantra per il quale "nessuno si salva da solo". Sembra unanime la posizione riassunta da Luigi Di Maio, padrone di casa, dei Paesi del G20 riuniti nella ministeriale degli Esteri a Matera, il primo in presenza dopo il meeting saudita del 2020.

Campagne vaccinali

Ma i distinguo sul modo di intendere il sostegno ai Paesi più poveri nelle loro campagne vaccinali emergono negli interventi dei ministri, dentro e fuori Palazzo Lanfranchi. In un consesso in cui - ha riconosciuto il titolare della Farnesina - siedono anche "differenze e divergenze", sulla scia dello scontro che vede l'Occidente opporsi alla Cina ("La nazione più complicata con cui abbiamo a che fare", secondo Antony Blinken), e con questa alla Russia, due Paesi ancor più saldati dal rinnovo ieri dell'Accordo di cooperazione, presenti peraltro a Matera il primo in videocollegamento, il secondo con un viceministro. Sotto il sole cocente che infuoca la città dei Sassi, è il tedesco Heiko Maas a puntare il dito, ancor prima di entrare alla riunione, contro "la diplomazia vaccinale" che Pechino e Mosca portano avanti da mesi, mirando - è l'accusa - a "vantaggi geostrategici di breve termine" anziché ad aiutare la salute globale. Il riferimento è alle milioni di dosi dei loro vaccini Sputnik, Sinovac e Sinopharm donate a Paesi africani, dell'America Latina, persino europei nei Balcani.

Donazioni che agli occhi occidentali appaiono appunto solo una strategia per accrescere la propria influenza nel mondo, a qualsiasi costo. Anche a rischio di somministrare vaccini inefficaci, come alcuni studi ripresi dai media Usa sostengono sia successo in Cile con il Sinovac. La replica di Pechino non si fa attendere. Collegato da remoto perché ufficialmente trattenuto dalle celebrazioni per i 100 anni del Partito comunista, il ministro cinese Wang Yi rivendica la generosità della Cina: "Noi abbiamo distribuito 450 milioni di dosi a 100 Paesi". Ed esorta il resto del G20 a prendere esempio: "Chi può ha il dovere di contribuire a eliminare il divario di immunizzazione" nel pianeta, ha detto Wang, esortando a fare altrettanto e ad evitare restrizioni all'esportazione dei vaccini e l'eccessivo accaparramento delle dosi da parte di chi ne ha in abbondanza. Del resto, nel giorno in cui si taglia il traguardo dei 3 miliardi di dosi somministrate nel mondo, la fotografia della distribuzione dei vaccini scattata dall'Afp mostra in modo evidente e drammatico il solco che separa i Paesi ricchi da quelli poveri: in Africa sono state somministrate finora 3,6 dosi ogni 100 abitanti, contro le 79 su 100 nei Paesi ad alto reddito e una media mondiale di 39 su 100.

‘Solo slogan’

La Cina intanto invita il G20 a sposare il vero multilateralismo, che "non è uno slogan altisonante" e a opporsi al "gioco a somma zero". Il ministro degli Esteri Wang Yi, in collegamento video alla ministeriale degli Esteri di Matera, ha affermato che "dovremmo dare l'esempio e assumere la guida nella pratica del vero multilateralismo", puntando sull'apertura e sull'inclusione e contrastando la chiusura e l'esclusività. Il multilateralismo, che "non è uno slogan altisonante e tanto meno può essere uno strumento per attuare azioni unilaterali", dovrebbe aiutare a "costruire un'economia mondiale aperta" e a prevenire processi di politicizzazione della cooperazione internazionale, ha aggiunto Wang nel resoconto dei media cinesi. Per Pechino, è prioritario "costruire un'economia mondiale aperta, mantenere sicurezza e stabilità della catena industriale e prevenire la frammentazione del mercato internazionale e la politicizzazione dei meccanismi di cooperazione".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved