ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Spari in una scuola in Russia: 7 bimbi morti, suicida il killer

Uccisi anche due insegnanti e due guardie di sicurezza. La sparatoria a Izhevskn nella Russia centrale
Estero
3 ore

Un affarista russo ammette di aver fondato il gruppo Wagner

L’imprenditore, che sarebbe anche a capo di una ‘fabbrica di troll’ della propaganda di Mosca, aveva in precedenza negato collegamenti con i mercenari
Estero
3 ore

Per i media stranieri in Italia ‘al governo l’estrema destra’

Ampio spazio per le elezioni italiane e per Giorgia Meloni, di cui più di una testata sottolinea il ruolo di erede della tradizione politica neofascista
Estero
5 ore

‘La Russia non parli alla leggera di armi nucleari’

Il segretario di Stato americano Antony Blinken conferma le comunicazioni ad alto livello con Mosca
Estero
5 ore

 Pianificava una strage di massa, 37enne arrestato in California

Dopo l’arresto l’uomo ha minacciato di uccidere gli agenti e le loro famiglie
Estero
6 ore

Giorgia Meloni si prende l’Italia con numeri saldi per governare

Ampia maggioranza alle due Camere per la coalizione di centrodestra a guida Fratelli d’Italia, primo partito in tutto il Paese ad eccezione del Sud
Estero
9 ore

In Italia vince nettamente la destra

Elezioni politiche: 40% alla coalizione di Meloni secondo le proiezioni, centrosinistra fermo al 25%. Malissimo la Lega
Estero
14 ore

Meno italiani alle urne, più astensionismo al Sud

Chiusi i seggi alle 23. Inizia lo spoglio del Senato, toccherà poi alla Camera. Per i sondaggi il centrodestra è nettamente in testa.
21.06.2021 - 14:07
Aggiornamento: 21:27

Madrid concede l'indulto agli indipendentisti catalani

Il provvedimento riguarda nove leader indipendentisti condannati dopo il tentativo di secessione del 2017

madrid-concede-l-indulto-agli-indipendentisti-catalani
Il premier spagnolo Pedro Sànchez (Keystone)

Il premier spagnolo, Pedro Sánchez, ha annunciato che nel Consiglio dei Ministri di domani verrà discussa la proposta di concedere l'indulto ai leader indipendentisti della Catalogna condannati dopo il tentativo di secessione del 2017. Sánchez ha parlato a Barcellona.

"La motivazione principale dell'indulto che stiamo per approvare è la sua utilità per la convivenza e la concordia", ha detto il premier spagnolo. "Sono convinto che permettere a queste nove persone, che rappresentano migliaia di catalani, di uscire dal carcere, è un messaggio pieno sulla volontà di concordia e di convivenza della democrazia spagnola", ha aggiunto.

Sánchez, che pronunciato un discorso nel teatro Liceu di Barcellona, ha anche detto che "potrebbe sembrare" che la decisione sia rivolta solo ai nove condannati, invece lo è per "l'insieme della società catalana e spagnola", e per questo si tratta di una misura di "chiara utilità pubblica".

"Con questo atto, permettiamo materialmente a nove persone di lasciare il carcere, ma simbolicamente mettiamo insieme milioni e milioni di persone in nome della convivenza", ha argomentato Pedro Sánchez. "Non ci aspettiamo che coloro che aspirano all'indipendenza cambieranno i loro ideali", ha aggiunto, "ci aspettiamo che si comprenda che non esiste cammino al di fuori della legge".

Quando il premier spagnolo è arrivato al teatro Liceu di Barcellona per spiegare la decisione del governo di concedere l'indulto ai leader indipendentisti catalani, è stato accolto all'esterno del celebre teatro da alcune centinaia di persone riunite in protesta: si tratta di persone che considerano la misura di grazia prevista dal governo insufficiente e chiedono invece e l'indipendenza della Catalogna e "l'amnistia" per politici e attivisti catalani condannati attraverso una legge.

"Potremmo tornare ai rimproveri, rimanere bloccati nei problemi. Cercare più colpevoli [...]. Oppure dedicare il nostro tempo e le nostre energie a risolvere il problema e scommettere sulla concordia, che significa letteralmente 'con il cuore'. Così ha deciso il governo spagnolo [...]. Domani, pensando nello spirito costituzionale della concordia, proporrò al Consiglio dei ministri di concedere l'indulto ai nove condannati nel processo sul movimento secessionista": ha annunciato Sánchez.

Appena dopo l'annuncio sull'indulto, si sono sentite grida di contestazione rivolte al premier, il cui discorso è stato interrotto a più riprese. "L'indipendenza è l'unica soluzione!", è stata una delle frasi espresse. Secondo il quotidiano El Paísi, il contestatore era un simpatizzante di Arran, un movimento secessionista radicale.

Sánchez gli ha risposto: "Non ignoro che ci sono persone contrarie a questa misura, né le loro ragioni. Le rispetto". E ha aggiunto: "Anche noi che siamo favorevoli abbiamo le nostre ragioni, ragioni per le quali pesano di più le aspettative sul futuro che i problemi del passato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved