GIRON M. (USA)
0
NADAL R. (ESP)
3
fine
(1-6 : 4-6 : 2-6)
polizia-cinese-fa-irruzione-nel-giornale-d-opposizione
La polizia nella lobby del giornale (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
8 ore

Obbligo vaccinale dal primo febbraio in Austria

Sono previste sanzioni pecuniarie tra i 600 e i 3’600 euro per chi non si attiene alla norma. La mancata vaccinazione sarà reato penale
Estero
9 ore

Grandi manovre in Israele per il patteggiamento di Netanyahu

Mentre va avanti il possibile accordo con la Procura, trema il mondo politico.
Estero
9 ore

‘Paesaggio lunare’ a Tonga dopo l’eruzione

Fino a 80 mila persone potrebbero essere state colpite dal fenomeno geologico. La cenere sta contaminando le risorse idriche
Estero
11 ore

Trump attacca, “Biden disastro, riprendiamoci l’America”

L’ex presidente Donald Trump suona la carica e lancia la corsa repubblicana alla riconquista della Casa Bianca
Estero
14 ore

Il principe Harry e la scorta fai da te

Le autorità britanniche non vogliono che il membro della famiglia reale paghi le spese per la protezione
Confine
16 ore

Varese, ha insegnato 21 anni con una finta laurea

La scoperta è stata effettuata dalla Guardia di Finanza. Alla donna sono stati cautelativamente sequestrati beni per 350mila euro
Confine
19 ore

Luinese, consigliere della Lega nei guai con la droga

Deteneva marijuana nella sua abitazione e faceva ‘lo sceriffo in paese’. Aveva pure minacciato con l’ascia un ex tossicodipendente
Estero
21 ore

Trump di nuovo all’attacco: ‘Riprendiamoci l’America’

L’ex presidente, durante un comizio in Arizona, ha affermato che ‘la vera insurrezione non fu l’assalto a Capitol Hill ma il giorno dell’Election Day’
Estero
1 gior

Usa: dopo l’eruzione Tonga, onde arrivate anche alle Hawaii

Il National Tsunami Warning Center ha lanciato un’allerta tsunami per la costa occidentale degli Stati Uniti, Alaska compresa
Francia
1 gior

Clip ‘elettorali’ davanti al Louvre, il museo contro la Le Pen

La politica francese si fa riprendere nello stesso punto dove Macron, appena eletto, iniziò il suo mandato. Il museo: ‘Serve l’autorizzazione’
hong kong
17.06.2021 - 21:420

Polizia cinese fa irruzione nel giornale d'opposizione

Cinque arresti all'Apple Daily. Le proteste: ‘Ormai la libertà di stampa è appesa a un filo’

Una retata compiuta da 500 agenti ha decapitato i vertici dell'Apple Daily, il popolare tabloid pro-democrazia del tycoon Jimmy Lai e della sua società editrice Next Digital, i cui titoli sono stati sospesi in Borsa: il blitz della polizia di Hong Kong, mai effettuato su scala così vasta contro i media, è partito nel pieno della notte con l'arresto del direttore del quotidiano Ryan Law, dell'amministratore delegato della holding Cheung Kim-hung e di altri tre alti dirigenti.

Poi, al mattino, sono stati portati tutti in manette nella redazione del quotidiano dove, una volta bloccati ingressi e uscite, sono stati identificati tutti i giornalisti e perquisiti i computer e gli uffici. Malgrado gli avvertimenti, il blitz è finito in streaming sull'account di Facebook dell'Apple Daily, a testimoniare l'ultimo pesante colpo in nome della legge sulla sicurezza nazionale imposta a giugno 2020 dalla Cina all'ex colonia britannica.

La libertà di stampa di Hong Kong è "appesa a un filo" e "sta subendo una stretta mirata da parte del regime", ha scritto lo stesso giornale in un messaggio sulla sua app, ma "tutti i membri di Apple Daily rimarranno saldi e fermi" al loro posto. Un proposito complicato dato che il raid ha portato al congelamento di asset equivalenti a 2,3 milioni di dollari di proprietà di tre società collegate al tabloid mettendo a rischio la stampa della pubblicazione: si tratta di Apple Daily Limited, Apple Daily Printing Limited e Ad Internet Limited.


Il tycoon Jimmy Lai, recentemente arrestato (Keystone)

Il tycoon arrestato

Jimmy Lai, il 72enne tycoon dei media pro-democrazia, è in carcere da fine 2020 per una serie di accuse e condanne sulla partecipazione a manifestazioni illegali legate alle proteste pro-democrazia del 2019. Su di lui pende anche la contestazione più pesante di "collusione" con uno Stato straniero. Quest'ultima, punibile anche con l'ergastolo, è alla base del blitz odierno.

In una conferenza stampa il sovrintendente senior Steve Li ha appunto parlato di arresti effettuati per "collusione con un Paese straniero o con elementi esterni per mettere in pericolo la sicurezza", in violazione della legge sulla sicurezza nazionale. "Abbiamo trovato nel quotidiano e nella sua versione Internet, finora, oltre 30 articoli che chiedono a Paesi e istituzioni stranieri di imporre sanzioni a Hong Kong e alla Repubblica popolare. Anche in inglese e cinese", ha spiegato Li. "Questo è complotto, non stiamo parlando di lavoro mediatico o giornalistico, stiamo parlando di un complotto in cui gli indagati hanno usato il lavoro giornalistico per colludere con un Paese straniero o elementi esterni per imporre sanzioni o atti ostili", ha detto il segretario alla Sicurezza, John Lee, sollecitando i giornalisti a rispettare la legge.

La Gran Bretagna ha accusato la Cina di attaccare le "voci dissenzienti", chiedendo il rispetto della libertà di stampa. "I raid e gli arresti nella redazione di Apple Daily mostrano che Pechino sta usando la legge sulla sicurezza nazionale per colpire le voci dissidenti e non per occuparsi della sicurezza pubblica", ha denunciato su Twitter il ministro degli Esteri Dominic Raab. Una richiesta destinata a cadere nel vuoto, come quella contenuta nel comunicato finale di domenica del summit dei leader del G7 tenuto in Cornovaglia.


Copie dell'Apple Daily fresche di stampa (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved