muro-e-fucili-per-tutti-il-texas-sfida-biden
Il muro in costruzione in Texas (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
speciale ucraina
LIVE

Zelensky: ‘Senza uno scambio di prigionieri nessun negoziato’

Sul fronte bellico l’acciaieria Azovstal è ora sotto il controllo russo. Segui il live de laRegione
Estero
6 ore

Colombia, Betancourt ritira la candidatura alle presidenziali

Sfavorita nei sondaggi ha deciso di sostenere il candidato indipendente Rodolfo Hernández: ‘L’unico che oggi può sconfiggere il sistema’
Estero
12 ore

Marin e Andersson, le due premier che sfidano Putin

La finlandese, con una storia familiare difficile, e la svedese, eletta per un cavillo, stanno traghettando i loro Paesi nella Nato
Estero
23 ore

La Bielorussia mette al bando ‘1984’ di Orwell

Vietato possedere copie del romanzo. Arrestato alcuni giorni fa l’editore Andrey Yanushkevich che nel 2020 ha pubblicato la versione in lingua bielorussa
Confine
1 gior

San Bartolomeo Val Cavargna, Lady Demonique candidata

Il 12 giugno la performer erotica Doha Zaghi contenderà la poltrona di sindaco a Eleonora Bari
Confine
1 gior

Alla stazione di Chiasso con 206mila euro in valigia

Le banconote da 200 e 500 euro sono state trovate nelle valigie di una coppia bulgara proveniente dalla Germania e diretta in Italia
Confine
1 gior

Caro-benzina anche in Italia. Ma sotto i livelli ticinesi

Malgrado il rincaro, fare il pieno nella Penisola resta un’opzione sempre attrattiva: oltre 20 centesimi in meno al litro
Speciale Ucraina
1 gior

I russi prendono l’Azovstal, Mariupol è caduta

Dopo 86 giorni di assedio e resistenza l’acciaieria è stata espugnata. Segui il live de laRegione
17.06.2021 - 20:07
Aggiornamento : 20:31

Muro e fucili per tutti, il Texas sfida Biden

Armi senza licenze e controlli, via libera alla barriera voluta da Trump

Armi facili e un muro al confine con il Messico per fermare "l'invasione" dei migranti. Greg Abbott lancia la sua crociata per "restituire il Texas ai texani", sottraendolo al controllo dell'odiata amministrazione Biden. Con un piglio sempre più da cowboy, il governatore del Lone Star ha firmato e trasformato in legge il provvedimento che consente a chiunque nello Stato abbia almeno 21 anni di avere un'arma senza bisogno di licenza, senza controlli e senza addestramento.

L'unico requisito è non essere un pregiudicato o soggetto a particolari restrizioni legali. Una misura che ha causato un'immediata valanga di critiche, anche da parte della polizia. Il timore è infatti un aumento della violenza in una parte d'America che negli ultimi anni ha già sperimentato diverse sparatorie di massa, da quella del 2018 al liceo di Santa Fe dove sono morte 10 persone al massacro nel supermercato Walmart di El Paso, in cui sono contate 30 vittime.

Cadendo l'obbligo di licenza - che poteva essere ottenuta frequentando delle lezioni di addestramento, superando degli esami e soprattutto sottoponendosi a controlli stringenti - la paura è che le armi possano finire in mani sbagliate allungando la scia di sangue. Oltre alla svolta delle armi l'agenda di Abbott passa anche per il muro al confine con il Messico. Guardando alle elezioni del 2022, il governatore ha deciso di cavalcare le critiche alla vicepresidente Kamala Harris per non essersi ancora recata al confine e aver toccato con mano l'emergenza, e ha promesso di continuare il lavoro iniziato da Donald Trump.


Il governatore del Texas Greg Abbott (Keystone)

Per la costruzione del muro Abbott ha stanziato un anticipo di 250 milioni di dollari: "È una cifra sufficiente ad assumere un responsabile del progetto e iniziare i lavori per il muro", ha detto incurante delle azioni legali che seguiranno con molta probabilità la sua decisione. La cifra restante, è il suo obiettivo, sarà raccolta tramite crowdfunding attraverso il sito 'borderwall.texas.gov', dove i potenziali finanziatori possono effettuare le loro donazioni.

Sicuro di sé e in segno di sfida ai democratici Abbott ha invitato anche l'ex presidente a supervisionare i lavori. Trump ha già in programma una visita al confine il prossimo 30 giugno, nell'ambito del suo programmato tour di vendetta contro quei repubblicani che non lo hanno difeso e soprattutto per mettere in difficoltà la Casa Bianca. La vicepresidente Harris da settimane è sotto pressione per la sua assenza al confine e neanche il suo primo viaggio in centro America, con tappe in Messico e Guatemala, è riuscito a placare le polemiche. Per Kamala quindi un momento non facile, di cui Abbott e soprattutto Trump vogliono approfittare.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
armi donald trump greg abbott joe biden muro stati uniti texas
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved