dodici-condanne-a-morte-in-egitto
Imputati in un processo egiziano (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
9 ore

Proteste anti-pass: scontri tra manifestanti e polizia a Parigi

Circa 200 persone hanno eretto barricate e lanciato proiettili di gomma contro le forze dell'ordine, che hanno risposto con lacrimogeni e cannoni ad acqua
Estero
11 ore

Premier iracheno annuncia l'arresto di una 'cellula' Isis

È ritenuta responsabile dell'attentato di lunedì a Baghdad in cui sono morte 30 persone
Estero
12 ore

Budapest, partito il Gay Pride. In migliaia in piazza

L'evento sarà una manifestazione di "celebrazione ma anche protesta contro le politiche omofobe del governo di Viktor Orban", hanno detto gli organizzatori
Estero
12 ore

Covid, in migliaia in piazza a Parigi contro il pass sanitario

Tre diversi cortei si sono mossi nella capitale francese. In programma decine di altre proteste in tutto il Paese
Estero
13 ore

Ad Amsterdam il primo ponte d'acciaio stampato in 3D

La struttura, che si trova nel centro della città, ha richiesto sei mesi di lavoro e 4,5 tonnellate di materiale
Estero
14 ore

Via il nome 'Indians' dalla squadra di baseball: ira di Trump

La compagine di Cleveland si chiamerà 'Guardians'. L'ex presidente: "Un'idea folle volta a distruggere la nostra eredità"
Estero
14 ore

Covid, protesta contro lockdown a Sydney: scontri e arresti

Manifestazioni anche a Melbourne, dove migliaia di partecipanti hanno affollato le strade
Estero
14 ore

Colombia, uccisi altri due attivisti

Il bilancio delle vittime dall'inizio dell'anno raggiunge quota 100. Lo ha reso noto la Ong Indepaz
Estero
15 ore

Migranti, Tunisia salva 17 connazionali al largo di Kerkennah

Le persone soccorse sono state trasferite al porto di Zarzis e consegnate alla Guardia Nazionale
Estero
15.06.2021 - 21:560
Aggiornamento : 22:11

Dodici condanne a morte in Egitto

Il tribunale conferma la pena: impiccagione per alcuni dirigenti dei Fratelli musulmani, illegali nel Paese dal 2013

Dodici condanne a morte inflitte a Fratelli musulmani, tra cui due leader della confraternita in Egitto, sono state confermate da un tribunale egiziano: lo hanno riferito fonti giudiziarie.

Considerata un'organizzazione "terrorista" in Egitto dall'estate del 2013, la Confraternita dei Fratelli musulmani - dopo essere stata al potere per un anno - è stata fortemente marginalizzata da processi e altre forme di repressione. Condanna a morte ed ergastoli sono già stati inflitti a diversi suoi dirigenti e capi.

A confermare le condanne è stata la Corte di cassazione che ha anche ridotto all'ergastolo sentenze capitali inflitte ad altri 31 membri della Fratellanza in un processo relativo alla strage del 2013 perpetrata da forze di sicurezza per disperdere un sit-in islamista, ha precisato una fonte giudiziaria all'agenzia di stampa italiana Ansa.

Fra i condannati spiccano l'ex-deputato Mohamed Beltagy e l'imam-predicatore tv Safwat Hegazi al bando anche in Gran Bretagna, ha aggiunto la fonte.

Accuse pesanti

Le 12 condanne all'impiccagione sono state confermate per "aver armato bande criminali che hanno attaccato residenti e resistito a poliziotti, nonché per possesso di armi da fuoco e munizioni" e di "materiale per fabbricare bombe", ha affermato il tribunale nella sentenza. Altre accuse includono "uccisione di poliziotti", "resistenza alle autorità" e "occupazione e distruzione di proprietà pubbliche".

Le sentenze sono definitive e inappellabili, ha ricordato una fonte giudiziaria all'agenzia di stampa francese Afp. L'ex presidente egiziano Mohamed Morsi, capo dell'ala politica dei Fratelli musulmani, era stato al potere per un anno prima di essere estromesso dai militari nel 2013.

Gruppo fuorilegge

Le autorità egiziane hanno messo fuorilegge il gruppo islamista nel dicembre di quello stesso anno e hanno compiuto un'ampia repressione che ha portato in carcere migliaia di persone.

Il caso giudiziario terminato oggi contava oltre 600 imputati ed è conosciuto come "lo sgombero di Rabaa". La piazza Rabaa Al-Adawiya, nella parte orientale del Cairo, assieme a quella di Nahda sulla sponda ovest, era stata il luogo di un massiccio sit-in islamista che chiedeva il ritorno di Morsi dopo la sua cacciata. Le forze di sicurezza fecero irruzione uccidendo centinaia di persone in un solo giorno nell'agosto 2013, poche settimane dopo il rovesciamento di Morsi.

Nel 2018, un tribunale egiziano aveva condannato a morte 75 imputati e il resto a diverse pene detentive, tra cui 10 anni per uno dei cinque figli di Morsi, Osama. Gruppi per la difesa dei diritti umani hanno definito quel massacro il più sanguinoso della storia egiziana moderna: fra 817 e forse oltre mille morti secondo Human Right Watch, quindi peggiore anche della strage di piazza Tiananmen del 3-4 giugno 1989 ed equiparabile solo all'eccidio perpetrato dalle forze di sicurezza uzbeke ad Andijan nel 2005.

Le autorità egiziane avevano sottolineato all'epoca che militanti dei Fratelli musulmani impegnati nel raduno erano armati e che la dispersione forzata dei sit-in era stata un'inevitabile misura anti-terrorismo.

© Regiopress, All rights reserved