KHACHANOV K. (RUS)
0
NADAL R. (ESP)
0
1 set
(3-5)
fuga-radioattiva-da-centrale-nucleare-cinese
La centrale si trova a 130 km da Hong Kong (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
italia
14 ore

Quirinale, si fa sotto l’ipotesi Mattarella bis

Melina di Berlusconi nel centrodestra. Tenere il presidente attuale sembra il modo migliore di salvare la legislatura in piena pandemia.
Estero
14 ore

La Francia denuncia il genocidio degli uiguri

Pechino s’infuria per l’attacco alla viglia delle Olimpiadi invernali di Pechino
Estero
16 ore

La Cia: ‘Nessun nemico dietro la Sindrome dell’Avana’

L’annuncio americano: ‘Esclusa un’azione straniera, ma cause ambientali e mediche’
Estero
16 ore

L’Austria introduce l’obbligo di vaccinazione

Dopo l’annuncio del cancelliere Karl Nehammer di settimana scorsa, oggi il Parlamento ha dato via libera alla misura a larghissima maggioranza.
coronavirus
17 ore

I morti di Covid nel mondo fino a 4 volte i dati ufficiali

Secondo alcuni modelli del sito Nature le vittime potrebbero essere 20 milioni
eruzione a tonga
17 ore

‘Io, portato da un’isola all’altra dallo tsunami’

Un falegname disabile è sopravvissuto al disastro aggrappandosi a un tronco
verso il vertice
17 ore

‘Blinken non venga a Ginevra a mani vuote’

Il rappresentante russo presso l’Ue Vladimir Chizhov teme una fase di stallo sulla risoluzione dei problemi della questione ucraina
Estero
18 ore

La Procura si oppone alla libertà condizionale di Breivik

Per il pubblico ministero norvegese il 42enne autore della strage di Utoya non è cambiato e rimane un soggetto pericoloso
Confine
20 ore

Lo sconto carburante fa flop. Risparmio esiguo

Forniti i dati dell’App introdotta per ridurre il prezzo del pieno nella fascia di frontiera con Ticino e Grigioni
Confine
20 ore

Da oggi capelli, barba e ceretta in Italia solo con il 3G

Entra in vigore il ‘green pass’ per i clienti di parrucchieri, barbieri ed estetisti. Dall’1. febbraio estensione a uffici postali e bancari e ai negozi
14.06.2021 - 22:070
Aggiornamento : 22:22

‘Fuga radioattiva da centrale nucleare cinese’

Pechino rassicura: l’allarme arriva da un’informativa del partner francese

L'allarme su una "possibile fuga radioattiva" nella centrale nucleare cinese di Taishan, rimbalza sui media americani. Ma per ora la situazione sembra sotto controllo: al momento le emissioni di gas nell'atmosfera sono "entro i limiti autorizzati", ha puntualizzato il colosso francese dell'energia Electricite de France, partner del progetto congiunto dell'impianto con China General Nuclear Power Corporation (Cgn). Ammettendo comunque "un aumento della concentrazione di alcuni gas nobili", legati all'ipotesi di una perdita dal processo di fissione mentre i cinesi di Cgn rassicurano: tutti gli indicatori di funzionamento "sono in linea con le normative sulla sicurezza nucleare e i requisiti tecnici".

"Abbiamo fatto funzionare con rigore i reattori e in conformità con i documenti di licenza commerciale e le procedure tecniche", sottolineano in una nota. A lanciare l'allarme era stata la Cnn riportando l'informativa con cui Framatome, filiale di Edf che ha collaborato nella costruzione della centrale a 130 chilometri a ovest di Hong Kong, aveva avvertito a fine maggio gli Stati Uniti di un "potenziale problema" a Taishan.

La comunicazione

Comunicando la possibilità di una "minaccia radiologica imminente" al Dipartimento dell'Energia americano, in base alla ricostruzione dei media statunitensi che hanno citato funzionari anonimi americani e documenti esaminati. La società presentò il 3 giugno - secondo le ricostruzioni - una richiesta d'assistenza per la sicurezza operativa alla stessa agenzia, in cui avvertì che un reattore nucleare accusava una perdita di gas di fissione e che le autorità cinesi stavano alzando i limiti delle radiazioni intorno alla struttura per tenerlo in funzione.

La richiesta portò a vari incontri ad alto livello a Washington, nonché discussioni tra i governi di Usa e Francia e contatti tra quelli di Usa e Cina. I funzionari americani stanno valutando la situazione, "ma non pensano ancora che la struttura sia a livello di crisi", ha riferito la Cnn.

Washington, tuttavia, non si è ancora pronunciata in via ufficiale. Sotto osservazione è finito il circuito primario, sigillato e con acqua sotto pressione, che si scalda nella vasca del reattore a contatto col combustibile. "La presenza di alcuni gas nobili nel circuito primario - ha precisato Edf - è un fenomeno noto, studiato e previsto dalle procedure di gestione dei reattori". Da quando è entrata in funzione, Taishan "ha fatto funzionare con rigore i reattori e in conformità con i documenti di licenza commerciale e le procedure tecniche", ha affermato Cgn.

L'unità 1

L'unità 1, quella incriminata, funziona normalmente e l'unità 2 è stata ricollegata alla rete appena la scorsa settimana dopo una revisione, ha chiarito la compagnia cinese in una dichiarazione sul sito web. I due reattori EPR con tecnologia francese hanno la capacità combinata di 3,3 gigawatt e sono operativi, rispettivamente, dal 2018 e dal 2019. Framatome, invece, ha reso noto in giornata all'agenzia di stampa Afp che stava lavorando alla soluzione di un "problema di prestazioni" e che l'impianto funziona "entro i parametri di sicurezza". Cgn controlla il 51% di Taishan ed Edf il 30%, mentre la parte residua fa capo a Guangdong Yuedian Group. La vicenda è maturata nel mezzo di una carenza di energia nel Guangdong, il polo industriale cinese, che ha costretto più di 20 città a razionare l'energia ad aziende e fabbriche. La Cina è il terzo mercato mondiale dell'energia nucleare, dopo Stati Uniti e Francia, e finora non ha mai avuto gravi incidenti nucleari.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved