il-g7-sfida-la-cina-indagine-sull-origine-del-virus
Membri dell'Oms nei laboratori di Wuhan (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

Spagna, la curva dei contagi inizia a stabilizzarsi

Per la prima volta da più di un mese i dati mostrano un leggero calo dell'incidenza cumulativa dei nuovi positivi
Estero
4 ore

Conte prepara la scalata a M5S

L'ex presidente del Consiglio rilancia la Carta dei valori e cerca di rinsaldare la sua leadership. Ma resta il rebus del quorum in Rete
Estero
4 ore

Cento dollari a chi si vaccina, l'ultima idea di New York

L'annuncio del sindaco Bill de Blasio di fronte allo stallo della campagna di somministrazione e al dilagare della variante Delta
Estero
4 ore

Perù, il comunista Castillo giura come presidente

L'ex contadino e maestro: "Il mio governo per il popolo con il popolo. Nelle mie vene scorre il dolore dei nostri antenati”
Estero
4 ore

New York paga 100 dollari chi si vaccina

Mossa estrema del sindaco De Blasio per rilanciare una campagna vaccinale stagnante
germania
4 ore

Esplosione a Leverkusen: si teme una nube di diossina

Attesa per le analisi. Per i cinque dispersi non ci sono quasi più speranze
Estero
5 ore

Biden torna ad attaccare Putin: ‘Così rischiamo la guerra’

La Casa Bianca: 'Basta hacker e interferenze sul voto'. Ma la risposta del Cremlino è secca: 'Sbaglia tutto'
Estero
5 ore

Una città cinese offre sussidi a chi fa più figli

A Panzhihua, nel sud-ovest, circa 77 dollari a mese a partire dal secondogenito nel Paese in cui per anni era rimasta in vigore una legge sul figlio unico
Estero
5 ore

Le purghe di Saied preoccupano la Tunisia

Il presidente caccia altri 20 funzionari. Il partito islamico moderato Ennahda è sotto inchiesta
Estero
5 ore

Londra revoca la quarantena per i vaccinati da Europa e Usa

Il turismo brinda, ma parte l'allarme dalla Germania: 'Inizia la quarta ondata'
Estero
10.06.2021 - 22:340
Aggiornamento : 22:56

Il G7 sfida la Cina: indagine sull'origine del virus

Biden promette: ‘L’America sarà l'arsenale dei vaccini nel mondo’

Il G7 sfida la Cina chiedendo una nuova indagine sull'origine del virus che ha messo in ginocchio il mondo. Il primo tassello della strategia del presidente Usa Joe Biden per ricompattare un fronte sfaldato dal suo predecessore e renderlo in grado di affrontare unito Pechino è una mossa squisitamente trumpiana: quell'accusa sul 'virus cinese' che sarebbe sfuggito dal laboratorio di Wuhan. Del resto l'inquilino della Casa Bianca ha annunciato subito che l'obiettivo del G7 sarebbe stato quello di fare fronte comune contro il Dragone. E l'appello dei leader che chiedono all'Oms un'indagine più approfondita è un primo passo (forse il più semplice) in quella direzione. Un segnale che Pechino non ha incassato in silenzio: nelle stesse ore ha infatti varato una nuova legge contro le sanzioni imposte da Paesi stranieri che prevede tra l'altro "il rifiuto del visto, l'espulsione, il sequestro e il congelamento di beni" a chi aderirà alle misure "contro imprese o funzionari cinesi". Ma l'obiettivo di Biden è anche quello di dare un segnale forte nella lotta alla pandemia, facendo tornare gli Usa leader nel mondo.

"Gli Stati Uniti - ha detto dopo il faccia a faccia con Boris Johnson Carbis Bay - saranno l'arsenale dei vaccini per combattere il Covid in tutto il mondo". Ed ha assicurato che gli Usa hanno un piano per rifornire vaccini a tutti, definendo storica la donazione di 500 milioni di dosi già annunciata ieri dalla Casa Bianca. Un debutto da 'America is back' dunque per il suo primo vertice in presenza, mentre il lavoro dell'amministrazione Usa per arginare la corsa (non solo economica) della Cina si muove su più piani. Ne sono una prova i colloqui tra la rappresentante Usa per il commercio Katherine Tai e il ministro di Taiwan John Deng per concordare un incontro del Trade And Investment Framework Agreement Council. Un altro modo per far innervosire Pechino, in attesa dell'incontro del presidente Usa con i leader del G7.

Indecisione di alcuni Paesi

Se infatti la proposta dell'appello ha immediatamente compattato i protagonisti del summit, più dura sarà convincere i leader europei a tagliare i ponti con Pechino, con la quale gli interessi economici in comune sono fortissimi. Un esempio per tutti i rapporti con Berlino: la Cina è il più grande mercato dell'export tedesco. Ma anche con l'Italia. E non è un caso che Biden avrà un bilaterale con la cancelliera Angela Merkel e un faccia a faccia, sabato prossimo, con il premier Mario Draghi. L'unità di intenti non manca ed è stata ribadita dalla presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen: "Cina e Russia - ha detto - sono fonti di particolare preoccupazione. Il G7 è unito e determinato a proteggere e promuovere i nostri valori e rafforzare il multilateralismo". Ma si scontra sempre con gli interessi economici che passano per l'importante accordo commerciale siglato tra Ue e Cina. Il punto di partenza che unisce tutti resta dunque la pandemia.

Gli Usa del resto da tempo mostrano scetticismo sui dati giunti dalla Cina tanto che Biden a fine maggio ha chiesto all'intelligence Usa un rapporto dettagliato entro 90 giorni per arrivare "ad una conclusione definitiva" sull'origine del Covid. E l'Ue ha ribadito quanto sia importante sapere quali siano state le origini del virus e la necessità che "chi conduce l'inchiesta abbia pieno accesso alle informazioni e ai luoghi". Ma al centro del summit ci sarà anche, naturalmente, l'impegno sull'ambiente. I leader stanno cercando l'accordo per un ambizioso piano per tagliare le vendite di automobili a benzina e diesel e renderle - entro il 2030 o ancora prima - una minoranza rispetto ai veicoli verdi come quelli elettrici.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved