la-confessione-dell-oppositore-bielorusso
Keystone
Protasevich
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
43 min

San Bartolomeo Val Cavargna, Lady Demonique candidata

Il 12 giugno la performer erotica Doha Zaghi contenderà la poltrona di sindaco a Eleonora Bari
Confine
1 ora

Alla stazione di Chiasso con 206mila euro in valigia

Le banconote da 200 e 500 euro sono state trovate nelle valigie di una coppia bulgara proveniente dalla Germania e diretta in Italia
Confine
4 ore

Caro-benzina anche in Italia. Ma sotto i livelli ticinesi

Malgrado il rincaro, fare il pieno nella Penisola resta un’opzione sempre attrattiva: oltre 20 centesimi in meno al litro
Speciale Ucraina
LIVE

Kiev ordina ai combattenti di Azovstal di cessare il fuoco

Il giallo di Palamar: ‘Non mi sono arreso. Sono ad Azovstal’; ergastolo per il soldato Vadim. Segui il live de laRegione
Confine
5 ore

Como, sopralluogo del prefetto nei boschi della droga

La stessa problematica è stata segnalata anche alla Prefettura di Varese. L’impegno sul confine è di intensificare i controlli
Estero
6 ore

Quattro persone accoltellate in Norvegia: fermato l’autore

Secondo le autorità, l’uomo avrebbe preso di mira le sue vittime (ferite in modo grave) in modo ‘casuale’
Confine
6 ore

Vigezzina e statale 337 chiuse per almeno una settimana

All’esame dei tecnici Anas il calendario degli interventi per la messa in sicurezza del tratto tra Re e il confine di Ponte Ribellasca
Confine
6 ore

Ubriaco, forza un posto di blocco. Ripreso dopo 6 km

Movimentato fermo nella notte su ieri nel Comasco. Per eludere il controllo, l’uomo ha anche urtato un carabiniere
Estero
8 ore

Kirill, più oligarca che patriarca

Il reazionario omofobo, al quale si attribuiscono enormi ricchezze, benedice l’invasione dell’Ucraina. Ma è sempre più isolato, e rischia sanzioni
regno unito
18 ore

Niente più multe per BoJo, ma il Partygate non finisce qui

Chiusa l’indagine della polizia. Il Labour chiede le dimissioni di Johnson, che non molla
04.06.2021 - 21:20

La ‘confessione’ dell’oppositore bielorusso

Protasevich ammette e si pente in ‘un’intervista’ alla tv di stato. Ong, opposizione e famiglia: ‘Parole estorte con la violenza’.

Mosca – Il regime di Lukashenko la chiama "intervista", ma per molti osservatori le dichiarazioni dell'oppositore bielorusso Roman Protasevich mandate in onda ieri sera dalla tv di Stato sono in realtà tutt'altro: il risultato di una palese violazione dei diritti umani, una confessione strappata con la forza, un nuovo sopruso delle autorità di Minsk che diversi Paesi europei hanno fermamente condannato.

Protasevich ha detto di aver organizzato "disordini di massa", di aver cercato di rovesciare il governo di Lukashenko ma di aver poi "cominciato a capire" che il despota "stava agendo correttamente" e di "rispettarlo".

‘Conosco mio figlio molto bene’

Il giovane Roman però non è una persona libera e molti sospettano che sia stato torturato in carcere. "Conosco mio figlio molto bene e non credo che direbbe mai queste cose", assicura suo padre Dmitri. "Nessuno dovrebbe credere a queste parole perché sono state estorte con l'abuso e la tortura", spiega all'Afp. "Ho visto chiaramente segni di manette, lividi sulle braccia", dice la madre Natalia a ‘Current Time’. La pensa così anche Amnesty International, secondo cui il giornalista di 26 anni aveva "ferite visibili" ai polsi e parlava "sotto una pressione psicologica intollerabile".

Protasevich era "chiaramente sotto costrizione", ha dichiarato da parte sua il capo della diplomazia britannica Dominic Raab definendo l'episodio "inquietante", ed è dello stesso avviso il portavoce del governo tedesco Steffen Seibert, secondo cui la presunta confessione è "assolutamente vergognosa e poco plausibile". "Questa - ha continuato - è una vergogna per l'emittente televisiva e per la leadership bielorussa che mostra ancora una volta il suo disprezzo per la democrazia e, va detto, per l'umanità".

La disperazione

Il filmato sembra avere prima di tutto un obiettivo propagandistico: quello di screditare l'opposizione e il movimento di protesta. Roman Protasevich in quei 90 minuti appare provato, dice persino che è "inutile" continuare a protestare contro Lukashenko, cioè contro colui che appena il mese scorso chiamava "dittatore". Afferma pure di aver deciso spontaneamente di parlare in tv, ma la cosa pare poco credibile. Alla fine scoppia in lacrime e dice di sperare di potersi un giorno sposare e avere dei figli.

Protasevich è l'ex direttore di Nexta, un canale informativo su Telegram che è stato un vero punto di riferimento durante le proteste antiregime scatenate l'anno scorso dall'improbabile trionfo di Lukashenko alle presidenziali di agosto. Protasevich e la sua fidanzata, Sofia Sapega, sono stati arrestati un paio di settimane fa, dopo che l'aereo sul quale viaggiavano è stato costretto a un atterraggio imprevisto a Minsk per un falso allarme bomba che si pensa sia stato escogitato dal regime proprio per far finire in manette il giovane dissidente. Ora rischia 15 anni per "disordini di massa" ma è stato anche inserito nella lista degli individui potenzialmente "coinvolti in attività terroristica".

Blocco Ue dei voli verso e sopra la Bielorussia

Ue e Usa hanno reagito annunciando nuove sanzioni contro il regime e l'Europa ha congelato i voli verso la Bielorussia e il sorvolo del Paese. La leader dell'opposizione bielorussa Svetlana Tikhanovskaya ha però esortato Usa, Gran Bretagna, Ue e Ucraina ad aumentare ulteriormente la pressione sull'ultimo dittatore d'Europa. "Devono agire congiuntamente in modo che la loro voce sia più forte", ha detto alla Reuters. Anche Tikhanovskaya è certa che Roman abbia rilasciato quelle dichiarazioni perché costretto: con la violenza, ha affermato, "puoi far dire a una persona qualunque cosa tu voglia".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alexander lukashenko intervista minsk opposizione roman protasevich
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved