ULTIME NOTIZIE Estero
america latina
2 ore

Nicaragua: Ortega all’attacco delle Ong

Nuova raffica di chiusure per le associazioni, il numero è salito a 2’193
bruxelles
2 ore

Sanzioni europee a Mosca, c’è anche l’ideologo Dugin

Divieto per i cittadini dell’Ue di ricoprire cariche negli organi direttivi di alcune persone giuridiche, entità o organismi controllati dallo Stato russo
stati uniti
2 ore

Biden grazia i condannati per possesso di marijuana

Il presidente americano: ‘Nessuno dovrebbe essere in carcere per questo motivo’
asia
3 ore

Missili e caccia in volo, Kim sfida ancora Usa e Seul

Alta tensione nell’area. Pyongyang: ‘La portaerei Reagan è una grave minaccia’
Estero
3 ore

Nasce la Comunità politica europea, c’è anche la Svizzera

L’incontro a Praga con 44 Paesi presenti. C’è anche la Turchia. Restano fuori solo Russia e Bielorussia
thailandia
10 ore

Entra nell’asilo e fa una strage: 37 vittime, 24 sono bambini

Il killer, un ex poliziotto licenziato dopo un test antidroga, ha poi sterminato la famiglia e infine si è ucciso
Brasile
17 ore

Presidenziali brasiliane, Lula in vantaggio

Nel primo sondaggio in vista del ballottaggio del 30 ottobre in Brasile, l’ex presidente di sinistra incasserebbe il 51% dei favori
Corea del Nord
17 ore

Altri due missili verso il Mar del Giappone

Altre provocazioni dalla Corea del Nord. E dall’ambasciatrice americana all’Onu arriva il richiamo: ‘Basta con questo atteggiamento sconsiderato’
Burkina Faso
17 ore

Burkina Faso, Ibrahim Traoré nominato presidente

Dopo il secondo colpo di Stato nel Paese in meno di nove mesi, al capitano sono stati conferiti pieni poteri
caro-energia
1 gior

L’Opec taglia la produzione di petrolio: schiaffo agli Usa

Diminuzione di due milioni di barili al giorno proprio mentre Washington cercava di contenere i prezzi
25.05.2021 - 21:30

Gli Usa tendono la mano ad Abu Mazen

‘Sì alla sicurezza di Israele, no a colonie e annessioni’. Pronti 75 milioni di dollari per i palestinesi e riapertura del consolato a Gerusalemme Est

Ansa, a cura de laRegione
gli-usa-tendono-la-mano-ad-abu-mazen
Manifestante pro-Palestina a New York (Keystone)

In poche ore Joe Biden ha buttato a mare quattro anni di politica di Donald Trump in Medio Oriente. Un colpo di spugna affidato al segretario di Stato Antony Blinken che - modi cortesi e parole chiare - nella sua prima visita ufficiale a Gerusalemme e Ramallah ha in pratica rovesciato le carte in tavola. A partire dall'annuncio che gli Stati Uniti intendono riaprire il Consolato a Gerusalemme est, titolare dei rapporti con i palestinesi, chiuso da Trump quando aveva deciso lo spostamento dell'ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme. Ma Blinken ha soprattutto sottolineato che gli Usa si oppongono "ad azioni unilaterali che possano minare le prospettive per una giusta e durevole pace" in Medio Oriente. E le ha elencate: "Attività di colonie, demolizioni di case, annessioni di territori, istigazione alla violenza o compenso per individui che commettono atti di terrore". Riferimenti diretti sia ad Israele sia ai palestinesi, ma distanti anni luce da quelli della precedente amministrazione. Il tutto, ha spiegato Blinken al premier Benyamin Netanyahu, senza deflettere dall'impegno Usa "per la sicurezza di Israele".

Questo, ha raccontato Blinken, è il primo dei 4 punti che Biden gli affidato. Il secondo riguarda "la stabilità", il terzo "le necessità umanitarie per la ricostruzione di Gaza", il quarto "il rafforzamento delle relazioni con i palestinesi". Per non fermarsi alle parole, Blinken ha annunciato quindi l'intenzione di far sbloccare al Congresso Usa aiuti economici per i palestinesi pari a 75 milioni di dollari. Oltre a questi, interventi diretti alla ricostruzione di Gaza per altri 5,5 milioni dollari e un robusto assegno - secondo Haaretz di 32 milioni - all'Unrwa, l'agenzia Onu per i rifugiati palestinesi. Con la premessa, più volte ribadita insieme a Netanyahu, che neanche un centesimo debba essere usato da Hamas per "il suo riarmo".

Anni di gelo

L'apertura nei confronti dell'Autorità nazionale palestinese (Anp) è stata evidente: dopo anni di gelo tra Ramallah e Washington, l'arrivo di Blinken nella capitale amministrativa della Cisgiordania è stata una prima volta che non voleva passare inosservata. Abu Mazen ha colto al volo una mossa diplomatica che lo riporta al centro della scena politica per rivitalizzare la soluzione a 2 Stati che Trump aveva cancellato. "Ringraziamo gli Stati Uniti - ha detto il presidente palestinese al termine del lungo colloquio con Blinken - per il sostegno allo Stato di Palestina". Poi ha rilanciato la sua di politica: "Speriamo che il futuro sia pieno di attività diplomatiche guidate dagli Stati Uniti e dal Quartetto (che include anche Onu, Ue e Russia, ndr), al fine di raggiungere una soluzione giusta e globale basata sul diritto internazionale".

Lontani i tempi quando Abu Mazen - costretto in un angolo da Trump - bollava gli Usa come "non più partner di pace". Prima di lui Blinken aveva riaffermato - dopo averlo detto anche a Netanyahu - di essere venuto a Ramallah per sottolineare l'impegno del governo degli Usa "alle relazioni con l'Anp". Una distensione - ha notato una tv israeliana - legata forse alla possibilità che l'Anp possa sospendere il suo ricorso alla Corte penale dell'Aja contro Israele. Ma l'arrivo di Blinken in Israele - dove ha visto anche il ministro degli Esteri Gabi Ashkenazi e quello della Difesa Benny Gantz - ha certificato il diverso passo con la leadership israeliana anche rispetto all'Iran. "Spero che gli Usa - ha detto Netanyahu - non tornino all'accordo sul nucleare". Poi ha aggiunto: "Qualunque cosa succeda, Israele si riserva il diritto all'autodifesa contro un regime impegnato alla nostra distruzione".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved