ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
38 min

I filorussi si proclamano vincitori dei referendum

Secondo l’agenzia Tass nel Lugansk il ‘sì’ ha vinto con il 98,52%, nel Donetsk con il 94,75%, nell’area di Kherson con l’87,05%
medio oriente
5 ore

Dall’Iran al Libano, la rivolta è donna

In piazza per rivendicare il diritto di non portare il velo oppure a rapinare banche che occultano i loro risparmi: un mondo messo a tacere alza la voce
italia
12 ore

Elezioni: ancora 109 posti in Parlamento da assegnare

Le donne sono la metà degli uomini. Per completare i nomi di deputati e senatori resta da capire cosa sceglieranno i leader che erano in più listini.
Estero
12 ore

‘Plebiscito per l’annessione’. Putin vuole smembrare l’Ucraina

Medvedev torna ad agitare lo spettro dell’atomica. Per i filorussi il 95% avrebbe votato a favore
mar baltico
13 ore

Perdite di gas da Nord Stream. Scambi di accuse: ‘Sabotaggio’

Danni “senza precedenti” nel tratto tra Danimarca e Svezia a 80 metri di profondità. E intanto il prezzo sale
Russia
16 ore

In sette giorni 66’000 russi sono entrati nell’Unione europea

La maggior parte, fuggita dopo la mobilitazione annunciata da Putin, è passata attraverso i valichi di frontiera finlandesi ed estoni
Stati Uniti d'America
16 ore

Elon Musk diventa il più ricco d’America

Scalzato l’ex ceo di Amazon Jeff Bezos. Al terzo posto il fondatore di Microsoft Bill Gates. Fuori dalla top ten Mark Zuckerberg.
inghilterra
17 ore

Ben 27 miliardi di monete dovranno essere sostituite con Cr3

Reso noto il nuovo sigillo dedicato a Carlo III, monogramma che sarà utilizzato su edifici pubblici, documenti, francobolli e invii postali
Confine
18 ore

Scacchi, al Trofeo Castello in Valsolda vince Luca Baluta

La quinta tappa del VII° Grand Prix under 16 della Svizzera italiana si è tenuta sabato 24 settembre
LA GUERRA IN UCRAINA
19 ore

Un agosto a Kaliningrad

Il mio amore per la Russia non può giustificare l’Operazione militare speciale in Ucraina.
Stati Uniti
1 gior

La Florida si prepara all’uragano Ian

Sono 300mila le persone che sono state evacuate dalle aree più esposte
07.05.2021 - 22:37

L'Europa boccia Biden sui brevetti

Secondo i 27 dell'Ue il problema sta nella produzione, non nella libertà della proprietà intellettuale

Ansa, a cura de laRegione
l-europa-boccia-biden-sui-brevetti
Etichette del vaccino Pfizer dopo l'uso (Keystone)

"I vaccini servono ora. La deroga temporanea sui brevetti" proposta da Biden "non risolve il problema nel breve e medio periodo. Ciò che serve è una condivisione dei sieri, l'export di dosi, e investimenti per accrescere" la capacità produttiva, anche nei Paesi africani. La presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, è stata tranchant nella sua risposta alla mossa dell'amministrazione Usa, sfidando: "L'Europa esporta il 50% dei sieri che produce", chi parla di sospensione della proprietà intellettuale faccia altrettanto. I leader dell'Unione europea, spiazzati dall'annuncio improvviso dell'amministrazione Biden, si sono riuniti al summit informale di Porto per ragionare sull'iniziativa del partner transatlantico, e sulle aspettative che ha creato a Nuova Delhi.

I negoziati

La tempistica infatti non è trascurabile. Domani il premier Narendra Modi sarà in videoconferenza con i 27, per rilanciare i negoziati di partnership commerciale sospesi ormai otto anni fa. Il tema emergerà di sicuro, anche perché proprio India e Sudafrica, flagellati dal virus, nell'ottobre scorso avevano proposto al Wto di sospendere temporaneamente l'applicazione di alcune disposizioni dell'accordo Trips. L'intesa sulla difesa della proprietà intellettuale, per facilitare un più ampio accesso alle tecnologie necessarie per la produzione di vaccini e medicinali. Nel risveglio del giorno dopo, l'iniziativa americana ha lasciato tra i partner europei il sapore di una solidarietà a basso costo piuttosto che una vera soluzione per un problema che in termini concreti si traduce nei soli 53 milioni di shot donati finora al Covax - contro i due miliardi previsti entro fine anno - per la vaccinazione del 20% delle popolazioni dei Paesi a basso reddito. Una mossa che ha fatto di Biden un eroe e lasciato l'Unione col cerino in mano, obbligata moralmente ad aprire la discussione e a mostrare sostegno, pur sapendo che non è una strada percorribile nell'immediato perché il tempo per un dibattito politico sulla proprietà intellettuale, seppur legittimo, non c'è. Molto più utile sarebbe una rinuncia alle restrizioni sull'export, e una spinta alle case farmaceutiche per accordi volontari sul trasferimento di tecnologie, come in Europa tra Sanofi e Pfizer e in India tra AstraZeneca e Serum Institute.

Le parole di Macron

Concetti espressi anche dalle parole del francese Emmanuel Macron. "Donare le dosi, questo è il punto. Non bisogna bloccare" l'esportazione dei sieri e dei loro ingredienti "come hanno fatto gli anglosassoni", che hanno fermato "quasi il 100%. Sono favorevole a questo dibattito, ma non deve uccidere l'innovazione. Innovatori e ricercatori devono essere sempre remunerati", ha insistito il capo dell'Eliseo, puntualizzando di essere "in piena sintonia con Angela Merkel e la Commissione europea" sul dossier. Un'unità ritrovata nel giro di una manciata di ore con l'alleata di sempre - che già ieri si era detta molto scettica sulla proposta Biden -, mentre si sono sciolte anche le perplessità di Parigi rispetto al nuovo contratto da 1,8 miliardi di vaccini Pfizer-BioNTech, per gli immunizzanti di nuova generazione anti-varianti per il 2022-2023, che la Commissione sta finalizzando.

"Contrariamente a quanto si dice, la Francia ha ufficialmente confermato il sostegno al contratto. È sorprendente che siamo criticati per aver posto domande di buon senso", ha commentato il portavoce della ministra francese per l'Industria, Agnès Pannier-Runacher dopo che la tedesca Welt aveva fatto trapelare una sorta di blocco di Parigi. "Mancano le capacità produttive, il problema non è la liberalizzazione dei brevetti", ha ribadito intanto Merkel da Berlino, mentre lo spagnolo Pedro Sanchez, arrivato a Porto con una proposta in tasca, è apparso più possibilista: "Bisogna accelerare il processo di trasferimento delle tecnologie per aumentare la capacità di fabbricazione di vaccini in tutti i Paesi per una rapida distribuzione ovunque. Bene la proposta di Biden, ma è insufficiente".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved