colombia-nel-caos-saccheggi-ed-esecuzioni-in-strada
Scontri nel centro di Bogotà (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
16 min

Aumento senza precedenti del rischio di incendi in tutta Europa

Conseguenza diretta del cambiamento climatico. In particolare, a essere interessata dal fenomeno è l’area del Mediterraneo
Italia
11 ore

Troppi pochi vigili: stop ai cortei funebri

Solo due agenti in sevizio a Castelverde, e la sindaca corre ai ripari. Multe per chi trasgredisce la norma
Confine
13 ore

Caterina Sofia e il... battesimo sul traghetto

Fiocco rosa sul battello in servizio tra Intra e Laveno, sul Lago Maggiore. Una bimba nasce a pochi chilometri dall’attracco
Italia
14 ore

Saldi all’insegna dell’incertezza in Italia

Via ufficaile nella Penisola alla stagione dei grandi sconti. Sui quali pesa però il caro-bollette
Italia
14 ore

Scarseggia l’acqua, e Verona limita l’uso di quella potabile

Il sindaco firma l’ordinanza: solo uso domestico, niente irrigazione di orti, giardini, campi sportivi o lavaggio di auto
Estero
16 ore

‘Strappo’ in centro a Milano: rubato orologio da 700 mila euro

Vittima del furto un 58enne, che si è visto sfilare dal polso un Richard Mille. Scippato pure un 62enne, ma il suo valeva ‘solo’ 40mila euro
Italia
16 ore

Ubriaco, stacca con un morso parte dell’orecchio a un 19enne

L’insolita aggressione, di cui si è reso protagonista un ventenne messicano, è avvenuta nella notte a Roma
Italia
18 ore

È la cocaina la piaga d’Italia: 12 dosi ogni mille abitanti

Nel 2021 sequestrate (con poco meno di ottomila operazioni di polizia) oltre 20 tonnellate, dato più alto da sempre
Italia
18 ore

Vanno all’appuntamento osé. Ma si fanno picchiare e derubare

Brutta avventura per due minorenni in provincia di Ferrara, adescati su una chat di incontri per adulti
Italia
20 ore

Caro-vacanze: i prezzi dei biglietti aerei... spiccano il volo

Rispetto a maggio sono cresciuti quasi del doppio, e addirittura del 90,4% se paragonati al 2021. Più care anche le strutture ricettive
Italia
21 ore

Escursionista muore sul Gran San Bernardo

Ad allertare i soccorsi era stata lei stessa, dopo essersi infortunata, ma le ricerche sono state vane. Dovrebbe trattarsi di una donna svizzera
Camerun
21 ore

Temporaneamente chiuso l’Hôpital Helvetique di Mada

La struttura, voluta dal dottor Maggi, nella notte è stata presa di mira dai terroristi islamici di Boko Haran. Una persona ha person la vita
Iran
22 ore

Un forte terremoto scuote l’Iran: almeno cinque morti

La scossa, di magnitudo 6.1, è stata localizzata a 100 km dalla città portuale di Bandar Abbas
Estero
1 gior

Mosca chiude Nord Stream, l’Ue prepara un piano d’emergenza gas

Gasdotto fermo dieci giorni per ‘lavori’. Bruxelles studia stop a oro russo e accusa: ‘Taglio deliberato’
Estero
1 gior

In Texas crociata anti-gay, allarme di Biden sui diritti

Lo Stato conservatore al centro della battaglia antiabortista pronto a una legge contro la sodomia
Estero
1 gior

Iscritta all’università da 18 anni, padre non vuole più pagare

Accolta la richiesta dell’uomo che dal 2006 dà alla figlia 300 euro al mese di assegno di mantenimento. La donna afferma di soffrire di depressione.
Estero
1 gior

La Cassazione conferma la condanna di 7 anni a Coppola

L’immobiliarista romano era latitante in Svizzera. Era stato accusato di bancarotta fraudolenta.
Confine
1 gior

Como, 38enne si impicca al Bassone

Un detenuto italiano si è tolto la vita in carcere. Il segretario provinciale Ulipa penitenziari: ‘È una chiara sconfitta per lo Stato’
Estero
1 gior

‘Il cioccolato con la salmonella non è arrivato nei negozi’

Lo indica la stessa Barry Callebaut sulla base di indagini interne. La multinazionale aveva individuato il batterio in un lotto di uno stabilimento belga.
Estero
1 gior

Dal 16 gennaio bisognerà pagare per visitare Venezia

L’assessore al bilancio: ‘La città resterà sempre aperta. Quando sarà superata una certa soglia di presenze il contributo sarà più alto’
Confine
1 gior

Centovallina, traffico internazionale bloccato

In servizio alcuni bus sostitutivi. I treni regionali svizzeri circolano normalmente, come pure quelli tra Domodossola e Re.
Gran Bretagna
1 gior

Ubriaco, palpa uomini in un club: membro del governo si dimette

Nuove grane per Boris Johnson: stavolta al centro di uno scandalo a sfondo sessuale è il vicecapogruppo del Partito Conservatore alla Camera dei Comuni
07.05.2021 - 20:58
Aggiornamento: 10.05.2021 - 15:13

Colombia nel caos: ‘Saccheggi ed esecuzioni in strada’

Il bilancio è di 24 morti dopo le proteste per la riforma fiscale che avrebbe sfavorito le classi più povere. ‘Nei negozi manca perfino il latte’

In Cile fu il rincaro del biglietto della metropolitana, in Perù l’imposizione di un presidente arrivato dal nulla e votato da nessuno, in Colombia è stata la riforma delle tasse.

Qualcuno scende in strada a protestare per una cosa e in pochi giorni tutti scendono in strada per protestare per tutto in un caos che mischia manifestanti pacifici, polizia, bande criminali, disperati di ogni sorta. Il confine tra protesta legittima, frustrazione, rivalsa e vendetta scompare e arrivano i morti, i feriti, i saccheggi. Ad oggi, in Colombia - dove le proteste sono iniziate il 28 aprile - i morti sono 24. I feriti e i saccheggi nemmeno si contano più. Le piazze si sono riempite in 600 diverse città, coinvolgendo oltre 5 milioni di persone.


Sos Colombia (Keystone)

Nella capitale Bogotà si abbattono le statue, a Medellín ci si scontra tra bande rivali, a Barranquilla quei pochi negozi che non sono stati assaltati transennano porte e finestre, in alcune zone di Cali non arriva più cibo, come ad Aguablanca, un quartiere povero in cui vivono 700 mila persone (il doppio degli abitanti del Ticino). “Le strade sono sbarrate, lo Stato non esiste più, comandano bande criminali che decidono se puoi passare da una strada oppure no, se la tua bici o la tua moto o la tua borsa è ancora tua oppure loro, se hai diritto di vivere oppure no, come accaduto a un tassista ucciso per aver rifiutato di pagare un pedaggio in una strada qualunque, dove i pedaggi non dovrebbero esserci”. A raccontarlo è la cooperante di Comundo (www.comundo.org/it)  Alicia Tellez Serralde, ticinese di origine messicana che dopo 35 anni di vita a Lugano ha fatto i bagagli ed è andata “in uno dei quartieri più pericolosi del mondo” per aiutare l’associazione Forculvida e il loro circo, un modo per promuovere lo sviluppo socio-culturale in un luogo in cui tutti, o quasi, sono abbandonati a loro stessi.

In fuga da Aguablanca

Alicia è scappata da Aguablanca alle 5 di mattina, uno dei pochi orari in cui - sebbene con enormi rischi - ci si può ancora muovere. È andata nel suo monolocale nel centro di Cali, dove di solito passa i weekend. Da lì, tra pochi giorni, volerà in Messico, perché il suo visto non è stato rinnovato. Non proprio un caso. “Da qualche tempo a questa parte non vengono rinnovati i visti agli stranieri, meno occhi vedono quel che sta succedendo, più è facile mantenere il controllo per una democrazia che ogni giorno che passa è sempre meno una democrazia”. A corroborare la denuncia di Alicia ci sono le parole e i dati di Flip, la Fondazione per la libertà di stampa: intimidazioni e altre forme di pressione sui giornalisti colombiani si sono moltiplicati fino a sei volte nell’ultimo decennio, dai 100 casi dei primi anni Duemila si è arrivati agli oltre 600 del 2020. “Durante le proteste sono state almeno ottanta le aggressioni nei confronti dei giornalisti, metà ad opera della polizia, cioè da chi dovrebbe garantire la libertà d’informazione”.


Fuoco e fiamme nelle strade di tutte le grandi città del Paese (Keystone)

Gli agenti sono sotto accusa tanto quanto le bande che rubano, saccheggiano e mettono sottosopra le città. Sono già stati segnalati casi di infiltrati che accendono gli animi dei rivoltosi, esistono video, foto e altre testimonianze di poliziotti che picchiano manifestanti pacifici o sparano ad altezza uomo. Vengono usati anche i temuti uomini dell’Esmad, le teste di cuoio, “protagoniste di scene di violenza che non hanno precedenti e che dimostrano una chiara intenzione di censurare quel che sta accadendo”. Il racconto di Johan Sebastián Moreno Castro, un avvocato di 27 anni che si occupa di diritti umani, è solo uno fra tanti: “Mi hanno ammanettato e tenuto in piedi per dodici ore”. Il fatto è accaduto a Piedecuesta, una città a nord di Bogotà, ma cose simili stanno accadendo ovunque, anche in aree turistiche come Armenia e Pereira, i centri abitati più grandi della valle del Cocora, famosa per il suo caffè. Qualche segnale di distensione arriva, dopo oltre dieci giorni di proteste, come la partita di calcio improvvisata tra manifestanti e poliziotti a Barranquilla, in mezzo alla strada. Altrove gli agenti hanno tolto i caschi e si sono rifiutati di andare contro a chi urlava la propria rabbia.


"Duque ferma il massacro" (Keystone)

Internet ko e coprifuoco allargato

Il Paese resta fuori controllo nonostante il ritiro del progetto di riforma tributaria decisa dal presidente colombiano Iván Duque e le dimissioni del ministro delle Finanze, Alberto Carrasquilla e del suo vice Juan Alberto Londoño. La riforma prevedeva un aumento generalizzato dell'Iva e una maggiore pressione fiscale sulle fasce di popolazione più povere, già gravemente colpite dalla pandemia. Un atto che dimostrava per l’ennesima volta la distanza tra il popolo e i suoi governanti: proprio il ministro dimissionario, Carrasquilla, si era tradito citando il prezzo delle uova, di quattro volte superiore rispetto a quanto lui dichiarato. Il governo colombiano non riesce a fare i conti in tasca a chi deve mettere insieme gli spiccioli per una frittata, ma conosce bene i bilanci delle grandi aziende, che sarebbero rimaste intoccate dalle nuove tasse. Ce n’era abbastanza per far esplodere il Paese e il Paese è esploso. I governanti hanno fatto del loro peggio, il sindaco di Bogotà ha fermato tutti i collegamenti dei bus (in una città di oltre 8 milioni di abitanti che non ha una metropolitana), costringendo centinaia di migliaia di persone a muoversi a piedi sotto la pioggia; il coprifuoco è stato anticipato alle 17 e in diverse aree del Paese la connessione internet è stata tolta o rallentata.


La protesta a Cali (Keystone)

Ora si spera in un ritorno alla semi-normalità. A poco o nulla era servito l’annuncio di una retromarcia sulla riforma fiscale, il 2 maggio. Ieri Duque si è detto pronto a ricevere i leader della protesta “per riportare la calma e per il bene del Paese”. A questo proposito, ha chiesto “la revoca di tutti i blocchi stradali” per permettere il passaggio di “scorte di ossigeno, medicinali, vaccini e cibo”. Sembra il minimo, ma non lo è, come conferma Alicia Tellez Serralde: “Nei quartieri dei ricchi c’è tutto o quasi, ad Aguablanca non è rimasto più niente. La settimana scorsa abbiamo recuperato quel poco che era rimasto dopo i saccheggi. Ora non si trova più nemmeno un litro di latte. Anche solo camminare per strada è un atto di coraggio. L’altro giorno un amico mi ha accompagnato con la moto al bancomat per ritirare quel po’ di soldi che mi serviranno per vivere in attesa di prendere l’aereo per il Messico. Non so come ringraziarlo”. Per andare in aeroporto Alicia si è accordata con un tassista fidato, che conosce da anni: “Senza di lui non so come farei. Sa come muoversi, dove andare, quali strade si possono fare, con chi parlare. L’altra mattina mentre fuggivo da Aguablanca c’erano pneumatici in fiamme, transenne ovunque. Con un po' di fortuna ce l’abbiamo fatta. Ma per i 700mila del quartiere più pericoloso di Cali non c’è nessun posto dove andare”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bogotà cali colombia morti proteste riforma saccheggi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved