ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
26 min

A processo i due ex assessori canturini residenti in Ticino

Erano stati arrestati a fine novembre. Tra le accuse quella di bancarotta fraudolenta
Estero
4 ore

Sempre più vittime del terremoto in Turchia e Siria: oltre 5’000

È stato intanto estratto vivo dalle macerie il calciatore ghanese Christian Atsu. Oltre 8’000 persone sono state salvate finora
Estero
8 ore

Sale a 4’890 il bilancio dei morti del sisma fra Turchia e Siria

Da parte di Ankara le vittime del terremoto di magnitudo 7,9 di ieri sono al momento 3’381, da parte siriana sono 1’509
la guerra in ucraina
17 ore

Zelensky: ‘Nuova offensiva russa entro 10 giorni’

Il leader atteso giovedì a Bruxelles al vertice e al Parlamento
guerra di date
17 ore

Gli ucraini cambiano la data del Natale, mai più insieme a Mosca

Decisione dei greco-cattolici, la Natività d’ora in poi il 25 dicembre e non più il 7 gennaio
italia
18 ore

Il tiramisù non è vegano, muore ragazza allergica al latte

Quattro indagati a Milano. Prodotto ritirato dal ministero della Salute
diplomazie
18 ore

La Cina insiste: ‘Palloni civili’. Un video la smaschera

Immagini del 2018 su un social network mostrano un test militare con un aerostato identico. Pechino se la prende con gli Usa
Estero
21 ore

‘Pray for Syria and Turkey’. L’inizio di un incubo

Il terremoto visto dal Ticino e con gli occhi della bellinzonese Sara Demir, con parenti sia in Turchia sia in Siria
Estero
22 ore

Turchia, del castello di Gaziantep non restano che macerie

Il terremoto miete vittime anche fra i monumenti storici: completamente distrutta la fortezza patrimonio dell’Unesco
Estero
1 gior

La visita dei parlamentari svizzeri a Taiwan preoccupa la Cina

Pechino critica i contatti ufficiali fra le autorità dell’isola che considera una provincia ribelle e i Paesi che hanno relazioni diplomatiche con la Cina
Confine
1 gior

Confine, arrestato un 21enne per spaccio di droga

Nell’abitazione del giovane militari e cane antidroga hanno rinvenuto 500 grammi di hashish, diversi contanti e una bici elettrica rubata in Ticino
Estero
1 gior

Sono oltre 3600 le vittime del sisma, ma si scava ancora

Superati i 2300 morti in Turchia e 1200 in Siria. Erdogan: ‘Il più grande disastro nel Paese dal 1939’
Confine
1 gior

Violenta lite in famiglia a Verbania

L’alterco ha avuto per protagonisti un 32enne di origini albanesi e con cittadinanza italiana e suo padre, con quest’ultimo lievemente ferito
Estero
1 gior

Il terremoto più violento nella regione addirittura dal 1202

È quanto afferma il centro libanese di geofisica in merito al sisma che ha interessato Turchia e Siria
Stati Uniti
1 gior

Cura dimagrante in vista per Dell: via 6’650 impieghi

Calo della domanda e futuro incerto pesano sull’azienda statunitense, costretta a tagliare il 5% della forza lavoro globale del gruppo
Estero
1 gior

Nel Sud-est della Turchia la terra trema nuovamente

Dopo il violento terremoto della notte, un’altra scossa, stavolta di magnitudo 7,5, ha investito una regione già sommersa di macerie
laR
 
06.05.2021 - 05:10
Aggiornamento: 16:16

Il Belgio sposta una pietra e ‘invade’ la Francia

Un cippo che indica il confine è stato riposizionato 2,29 metri più in là. Un caso che scomoda perfino Napoleone, morto il 5 maggio di 200 anni fa

il-belgio-sposta-una-pietra-e-invade-la-francia
Il cippo spostato di 2,29 metri (David Lavaux)

Il Belgio ha invaso la Francia con un tempismo perfetto, conquistando 2,29 metri di terreno proprio nei giorni in cui si celebrano i 200 anni dalla morte di Napoleone (il 5 maggio, data nota anche ai non appassionati di storia per merito di Alessandro Manzoni). Uno smacco per l’uomo che perse la guerra, la faccia e la libertà a Waterloo, a poche decine di chilometri dai luoghi dell’avanzata di questi giorni, avvenuta, senza sparare un colpo, in una località che non esiste più, in un Paese che, mentre Napoleone battagliava, non esisteva ancora.

Siamo in un campo di Montignies-Saint-Christophe, ex comune declassato a frazione di Erquelinnes nel 1977. Proprio lì, dopo la disfatta di Waterloo, venne piazzata una serie di cippi per delimitare il nuovo confine tra la Francia e i Paesi Bassi. Sì, Paesi Bassi, perché il Belgio, come Stato, non esisteva ancora: verrà fondato nel 1830, quindici anni dopo Waterloo e undici dopo l’installazione dei cippi, che infatti riportano al centro la data, 1819, e ai due lati una F, che sta per Francia, e una N, che sta per Nederland (Paesi Bassi). Uno di questi cippi è stato spostato 2,29 metri più in là dopo due secoli e due anni passati sempre al suo posto, tra Erquelinnes e il villaggio francese di Bousignies-sur-Roc, che ora è qualche metro quadrato più piccolo. E probabilmente lo rimarrà ancora per un po’, perché per mettere ordine a questa faccenda potrebbe esserci addirittura bisogno di resuscitare la Commissione franco-belga di frontiera, organismo dormiente dal 1930, l’unica deputata a decidere dove si trovava esattamente il cippo prima di essere estirpato e spostato. Ma da chi?


Piccoli Napoleone venduti come souvenir a Waterloo (Keystone)

Come in un film

La versione che circolava martedì includeva un contadino stanco di dover passare attorno al cippo mentre arava i propri campi con il trattore. Ma il nome del contadino non è venuto fuori e il cippo, a quanto pare, era talmente vicino a un albero da non poter essere davvero di disturbo. Forse l’invasore, ignaro delle conseguenze, voleva solo guadagnare qualche metro di terreno. Questo è ciò che sostiene il sindaco di Erquelinnes, David Lavaux. Insomma, la pista dell’agricoltore non è ancora stata confermata e alcuni storici locali ricordano come appena due anni fa, in molti avevano visitato quelle zone, che erano state nuovamente mappate e geolocalizzate. Anche l’anno scorso, per i due secoli dal trattato di Kortrjik, quello che ridisegnò i confini post-Waterloo, c’erano state cerimonie. E quindi? Uno storico burlone, un nazionalista anti-francese? Sembra la sceneggiatura di un film, anzi, in parte lo è. Nel 2010 Dany Boon (quello di “Giù al nord”) girò “Niente da dichiarare?”, una storia ambientata all’inizio del 1993, il giorno in cui l’Europa aprì le frontiere: in un paesino di confine tra Belgio e Francia, un doganiere contrario all’Unione faceva di tutto per boicottare la chiusura del suo posto di frontiera: tra le altre cose, in compagnia del figlio, in piena notte, va a spostare di qualche metro un cartello che delimita i confini per avere “qualche stella in più sopra il Belgio”.

Lo Stato che ospita la capitale dell’Europa non è nuovo a stranezze di frontiera. Nei Paesi Bassi c’è una sua exclave chiamata Baarle-Hertog, i cui confini con la città gemella Baarle-Nassau, olandese, sono talmente arzigogolati e saltellanti che, per capirci qualcosa, per terra c’è una segnaletica apposita per capire, metro per metro, se si è in Olanda o in Belgio. Ci sono bar con il bancone nei Paesi Bassi e il dehors in Belgio, negozi con la cassa in Belgio e i camerini nei Paesi Bassi. Situazione portata all’estremo dalla pandemia, in cui in alcuni negozi ci si poteva provare i vestiti, ma non pagarli, perché le restrizioni erano diverse a seconda del Paese. Ovviamente c’è anche chi ha la cucina in Belgio e il bagno in Olanda. E viceversa. Alla fine per decidere in quale Stato si abita si prende la posizione della porta di casa.


I confini tra Baarle-Hertog e Baarle-Nassau

La città-puzzle

Si è anche provato a risolvere quello che sembra letteralmente un puzzle con i pezzi in disordine, basta andare su Google Maps o prendere in mano una cartina della zona: un caso che - nonostante l’assurdità - si trascina dal 1479. I Paesi Bassi provarono a risolvere il tutto a loro vantaggio, ma nel 1959 la Corte di Giustizia dell'Aia ha confermato la sovranità del Belgio su quegli otto chilometri quadrati che macchiano la mappa di Baarle-Nassau. Risultato: oggi sono tutti contenti perché la stranezza attira i turisti, portando soldi e notorietà. In caso contrario le due cittadine sarebbero tornate anonime, come anonime sono state fino a ieri Erquelinnes e Bousignies-sur-Roc.

In attesa di capire quanto sia coinvolto il proprietario dei terreni in cui si trova il cippo conteso, la sindaca del villaggio francese, Aurélie Welonek, tende la mano agli invasori, chiede di mettere le cose al loro posto in fretta e ci scherza su: "Dovremmo essere in grado di evitare una nuova guerra". Il dirimpettaio belga giura che non ha nessun interesse ad allargarsi e promette di sistemare tutto al più presto evitando di arrivare al caso diplomatico: “Non vorrei trovarmi qui la Commissione affari esteri”. E nemmeno il fantasma di Napoleone. Dall’Alpi alle Piramidi, dal Manzanarre al Reno, da Erquelinnes a Bousignies-sur-Roc.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved