corruzione-in-vaticano-il-papa-vieta-i-regali-da-piu-di-40
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
6 ore

Fermata di nuovo la giornalista russa col cartello ‘No War’

Marina Ovsyannikova era apparsa in tv durante un tg inneggiando alla pace: ora rischia fino a dieci anni di carcere
alpi
7 ore

Persi 200 ghiacciai, lo zero termico a 5mila metri

La temperatura registrata in Svizzera, a luglio, all’altezza di 5’184 metri. ‘Un dato senza precedenti’
Estero
7 ore

‘È in ritardo’, torna indietro la prima nave ucraina con il mais

Partita da Odessa per il Libano, l’acquirente non ha voluto farla attraccare e si è infine diretta verso la Turchia
pacifico
7 ore

La Cina chiude le manovre a Taiwan, ma la tensione resta alta

Pechino ha ribadito il proposito di prendere il controllo dell’isola anche con la forza, se necessario. Per Taipei non ci sarà alcuna riunificazione
la guerra in ucraina
7 ore

Kiev, a Zaporizhzhia il rischio di una nuova Fukushima

‘I russi danneggiano la centrale’. Zelensky azzarda: ‘Libereremo la Crimea’
Estero
7 ore

Trump interrogato sul fisco a New York: ‘Non rispondo’

L’ex presidente invoca il quinto emendamento e attacca la procuratrice afroamericana James, accusata di essere ‘razzista’
Estero
9 ore

Naufragio nell’Egeo, sono 50 i profughi dispersi in mare

Sulla barca salpata dalla Turchia, diretta in Italia, c’erano circa 80 persone. Intanto gli sbarchi sulle coste italiane entrano nella campagna elettorale
italia
9 ore

Niente calcio in piazza, arriva la protesta dello smartphone

A Melendugno, nel Salento, bambini incollati al cellulare per contestare la decisione di vietare i giochi col pallone nel centro abitato
Estero
9 ore

Rinuncia all’eredità di 4 miliardi: ‘Potrei non essere felice’

Marlene Engelhorn, discendente del fondatore del colosso Basf: sua nonna è al 687º posto nella classifica dei più ricchi del mondo stilata da Forbes
29.04.2021 - 16:24
Aggiornamento: 21:07
Ats, a cura de laRegione

Corruzione in Vaticano, il Papa vieta i regali da più di 40€

Papa Francesco chiede inoltre ai dirigenti vaticani, compresi i cardinali, di autocertificare l'assenza di precedenti per riciclaggio o evasione fiscale

Nuovo giro di vite per combattere la corruzione. Dopo il codice per gli appalti Papa Francesco guarda a chi ha responsabilità amministrative e chiede una autocertificazione obbligatoria che garantisca nessun precedente per reati di riciclaggio o evasione fiscale.

A tutti i dipendenti vieta poi di ricevere regali del valore superiore a 40 euro. Tutto questo mentre Moneyval, il Comitato di Strasburgo che valuta la trasparenza finanziaria degli Stati, sta redigendo il rapporto sui progressi della Santa Sede, dossier che dovrebbe essere pubblicato per la metà di giugno.

Secondo quanto stabilisce la Lettera Apostolica in forma di Motu Proprio del Papa, recante disposizioni sulla trasparenza nella gestione della finanza pubblica, i dirigenti vaticani, compresi i cardinali Capi Dicastero o responsabili di Enti, e gli amministrativi, dovranno d'ora in poi sottoscrivere una dichiarazione nella quale attestano di non avere condanne o indagini (nella Santa Sede ma anche in qualsiasi altro Stato) per terrorismo, riciclaggio, evasione o elusione fiscale. Non potranno avere beni o investimenti, neanche per interposta persona, nei paradisi fiscali o investire in aziende che operano contro la Dottrina della Chiesa.

Saranno ostativi all'assunzione, o anche al proseguimento delle loro funzioni perché la dichiarazione deve essere presentata ogni due anni, anche processi giudiziali per sfruttamento dei minori. Le regole riguardano tutti i livelli dirigenziali della Santa Sede e tutti coloro che svolgono funzioni di amministrazione attiva, funzioni giurisdizionali o di controllo.

Le nuove norme, dopo quelle sugli appalti e i contratti, si sono rese necessarie perché "la corruzione può manifestarsi in modalità e forme differenti - sottolinea lo stesso Papa presentando il Motu Proprio - anche in settori diversi da quello degli appalti e per questo le normative e le migliori prassi a livello internazionale prevedono per i soggetti che ricoprono ruoli chiave nel settore pubblico particolari obblighi di trasparenza ai fini della prevenzione e del contrasto, in ogni settore, di conflitti di interessi, di modalità clientelari e della corruzione in genere".

La Segreteria per l'Economia potrà eseguire controlli sulla veridicità delle dichiarazioni dei dirigenti e la Santa Sede, in caso di dichiarazioni false o mendaci, potrà licenziare il dipendente e chiedere i danni eventualmente subiti.

Intanto Moneyval, l'organo del Consiglio d'Europa che vigila sull'applicazione delle norme anti riciclaggio e contro il finanziamento delle attività terroristiche, sta esaminando l'ultimo rapporto sul rispetto degli standard tecnici e l'efficacia delle misure prese dalla Santa Sede per lottare contro questi due fenomeni. I risultati della valutazione dovrebbero essere pubblicati intorno alla metà del mese di giugno.

L'analisi di Moneyval stabilirà se le leggi, le norme e altre misure necessarie a prevenire e combattere il riciclaggio e il finanziamento del terrorismo sono state adottate e sono utilizzate. L'organo di Strasburgo deve inoltre valutare se il sistema antiriciclaggio e contro il finanziamento del terrorismo funziona e in che misura la Santa Sede sta raggiungendo una serie di obiettivi prestabiliti.
 
 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
corruzione dirigenti vaticani papa francesco vaticano
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved