GRANOLLERS M./ZEBALLOS H.
DJOKOVIC N./HERRERA C.
17:00
 
GOLUBIC V. (SUI)
1
BENCIC B. (SUI)
0
2 set
(6-4 : 2-3)
i-non-documenti-che-infiammano-i-balcani
Una partita di scacchi in una piazza di Sarajevo (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
5 ore

Italia, ritrovato il bimbo scomparso nei pressi di Firenze

È stato ritrovato vivo Nicola, il bimbo di due anni scomparso dalla sua casa a Palazzuolo sul Senio. Il piccolo sembrerebbe in buone condizioni
Estero
17 ore

L'Ue condanna la legge anti Lgbt ungherese

Quattordici Paesi, compresa l'Italia che inizialmente ha titubato, hanno siglato una dichiarazione congiunta per stigmatizzare la nuova norma ungherese
Estero
19 ore

Italia, esplode un autocisterna: due morti e due svizzere salve

Due camionisti sono deceduti fra le fiamme, mentre le due giovani ragazze sono riuscite a scendere in tempo dalla loro vettura prima che bruciasse.
Estero
20 ore

L'indulto ai separatisti catalani è parziale

La precisazione del primo ministro Sánchez. Non potranno comunque ricoprire cariche pubbliche per tutto il tempo della pena
Estero
20 ore

Legge sull'omofobia in Italia, irrompe il Vaticano

La Santa Sede tira fuori il Concordato per cercare di mettere i bastoni tra le ruote al Ddl Zan
Estero
20 ore

Carl Nassib primo giocatore Nfl a dichiararsi gay

Il difensore della squadra di football dei Las Vegas Raiders: ‘Spero che video come il mio presto non siano più necessari’
Estero
20 ore

Canada: bruciate due chiese in una riserva di nativi

Possibile rappresaglia dopo le scoperta dei resti di 215 bambini indigeni vicino a delle scuole cattoliche
Estero
20 ore

Erdogan spegne la musica, proteste in Turchia

Tolto il coprifuoco, ma stop alla musica dopo mezzanotte: "Non bisogna disturbare". Il dissenso cresce sui social, ma anche con concerti improvvisati
Estero
22 ore

Ok di Bruxelles al Pnrr, per l'Italia 25 miliardi entro luglio

La Commissione Ue ha approvato il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) italiano articolato in 190 misure fra riforme e investimenti
Estero
1 gior

Panettiere lavorava abusivamente come dentista: denunciato

Un 55enne di Pace del Mela, in provincia di Messina, lavorava in un studio dentistico senza autorizzazione ignorando ogni norma igienico-sanitaria
ITALIA
1 gior

Italia: migliaia di file di bimbi abusati, un arresto

La Polizia di Trieste ha fermato un 52enne di Gorizia. Denunciate altre due persone che hanno scambiato messaggi con l'arrestato
Estero
1 gior

In Italia cade il 28 l’obbligo di indossare la mascherina

Lo ha annunciato stasera il ministro della Salute Roberto Speranza. Tra le eccezioni: code, mercati, fiere, mezzi pubblici e strutture sanitarie.
Estero
1 gior

Terremoto politico in Svezia, sfiduciato il premier Lofven

È la prima volta che capita nel Paese scandinavo. Il socialdemocratico, da sette anni alla guida del governo, bocciato dal Parlamento sul piano affitti.
Estero
2 gior

Madrid concede l'indulto agli indipendentisti catalani

Il provvedimento riguarda nove leader indipendentisti condannati dopo il tentativo di secessione del 2017
Estero
2 gior

Ue-Bielorussia, 'sanzioni a 86 persone e 4 compagnie'

Sul caso dell'atterraggio forzato del volo Ryanair a Minsk l'Unione europea annuncia decisioni severe
Estero
2 gior

Da oggi Italia quasi tutta bianca, no al Locator Form entro 60km

Si decide in giornata l'ipotetico stop alle mascherine all'aperto, forse già dal 28 giugno. Ancora divieto d'ingresso da India, Bangladesh e Sri Lanka
Estero
2 gior

Armenia, il premier Nikol Pashinyan vince le elezioni

Con il 53,9% dei voti ha ottenuto la maggioranza nelle elezioni legislative. L'avversario Robert Kocharyan denuncia brogli
Estero
 
28.04.2021 - 05:250
Aggiornamento : 16:40

I non-documenti che infiammano i Balcani

Una bozza non firmata e circolata ad alti livelli prevede lo smembramento della Bosnia, un'altra - targata Ue - vuole la pace a ogni costo tra Kosovo e Serbia

“Si vis pacem, para bellum”, dicevano gli antichi romani: se vuoi la pace, prepara la guerra. Quasi duemila anni dopo la Slovenia sembra voler invertirne il senso, gettando una carta altamente infiammabile nella polveriera più polveriera d’Europa e ricalcando la strategia che, secondo il segretario particolare di Napoleone Bonaparte, Louis Bourrienne, meglio s’attagliava all’imperatore: se vuoi la guerra, prepara la pace.

La questione è tanto semplice quanto complessa e – parlando di Balcani – non sorprende affatto. Da un paio di settimane gira sui tavoli diplomatici dell’Unione europea e delle repubbliche dell’ex Jugoslavia, un cosiddetto “non-paper”. Un documento non ufficiale, una bozza non firmata, una polpetta avvelenata. Nessuno se ne assume la paternità, ma tutte le strade portano a Lubiana, più precisamente negli uffici del primo ministro sloveno Janez Janša. In questo documento, che l’Europa ha fatto finta di non vedere, la Slovenia propone - per il bene dei Balcani - di cancellare la Bosnia Erzegovina e dividerla in due, lasciando che siano una Grande Croazia e una Grande Serbia a spartirsele.

Non solo. Anche Montenegro e Macedonia del Nord dovrebbero fare la stessa fine, mentre il Kosovo confluirebbe nella Grande Albania. Sempre secondo questo foglio, la formazione di tre macro-Stati favorirebbe le relazioni e lo sviluppo economico, accelerando l’ingresso in Europa dell’Albania e - indirettamente - della Bosnia divisa, via Croazia.


Messaggio di unità sull'ex biblioteca bombardata di Sarajevo (Keystone)

Le responsabilità di Lubiana

Se quest’idea arrivasse da lontano, qualcuno si sarebbe già alzato per chiedere all’autore di leggersi un po’ di libri di storia contemporanea, o almeno due giornali. Ma arriva dal portone accanto, da un ex Paese della Jugoslavia che quella storia dovrebbe conoscerla bene, facendone parte, e che delle cronache di confine non può ignorare importanza, sviluppi e conseguenze.

Per capire meglio come si è arrivati a questa bomba - per ora inesplosa - lanciata dalla periferia più ricca e integrata con l'Occidente dell’ex Jugoslavia, bisogna tornare alla visita, in marzo, del presidente Borut Pahor a Sarajevo: in quell’occasione chiese ai tre presidenti della Bosnia se ci fosse un modo di dividere il Paese senza spargimento di sangue: quello bosniaco e quello croato risposero di no, ma quello serbo-bosniaco Milorak Dodik non vedeva l’ora di farselo chiedere e ora sta spingendo affinché quest’idea pericolosa possa prendere piede. Talmente pericolosa che il più grande alleato di Dodik, il presidente serbo Aleksandar Vučić, ha già ribadito che Belgrado non ha nessun interesse a vedere la Bosnia andare in pezzi, e che anzi legge quella bozza con cautela e paura conoscendo “il prezzo della pace”.

Effetto boomerang

Il non-paper ha avuto un effetto boomerang sul premier sloveno Janša, accusato di faciloneria e di aver cercato un trucco a effetto per dare risalto ai sei mesi di presidenza slovena al Consiglio dell’Unione europea, che partono a luglio. Lui respinge le accuse e punta il dito contro i rivali politici, interessati - a suo dire - a metterlo in difficoltà in vista delle elezioni del prossimo anno.

In tutto questo, l’Europa, il 15 aprile, ha espressamente dichiarato di “sostenere la sovranità della Bosnia”, senza però citare il documento, anzi ignorandolo del tutto. C’è chi arriva a smentirne l’esistenza, ma qualcuno dice di averlo visto con i proprio occhi: si tratta di Edi Rama, il presidente albanese a un passo dalla rielezione che da ieri si trova un altro non-paper sul tavolo, questa volta i mittenti sarebbero Francia e Germania (che però smentiscono): riguarda l’indipendenza del Kosovo, il Paese che la Serbia non riconosce e il cui fresco vincitore delle elezioni, il nazionalista Albin Kurti, continua a creare grattacapi. Con uno strappo al bon ton diplomatico, infatti, domenica Kurti si è recato in Albania per votare. E che il premier di un Paese - per quanto con una storia fortemente travagliata - vada a votare il presidente di un altro Paese, suona quantomeno strano. La sua mossa ha dato l’inevitabile via libera al presidente serbo Vučić per criticarlo: “Per lui essere a Pristina o a Tirana è uguale, perché secondo lui si tratta di un solo Paese. Pensate se l'avessi fatto io”.


Il leader kosovaro Albin Kurti attorniato da bandiere albanesi (Keystone)

Il caso Kosovo

Kurti oggi sarà a Bruxelles, proprio per discutere del futuro del Kosovo, Paese in un limbo inaccettabile per tutti. Il non-paper che lo riguarda proverebbe a forzare la mano con un reciproco riconoscimento tra Belgrado e Pristina e un eventuale scambio di territori per provare pacificare l’area in questo momento più sensibile degli interi Balcani. Stando al non-documento, il presunto piano di accordo includerebbe perlomeno la creazione di un distretto autonomo nel nord del Kosovo, con leggi kosovare ma uno statuto speciale in grado di garantire un ruolo ufficiale alla Chiesa ortodossa e una sorta di autogoverno, a cominciare da Kosovska Mitrovica, la città divisa in due da un ponte, simbolo della separazione traumatica tra Kosovo e Serbia. Belgrado, in cambio di questa autonomia nelle aree a maggioranza serba, si impegnerebbe a non ostacolare l'adesione del Kosovo a organizzazioni internazionali e regionali.

La road map però sembra davvero troppo serrata, con una conclusione del percorso già nel febbraio del prossimo anno, guidata dagli stessi Kurti e Vučić, i due che stanno litigando proprio in questi giorni per via della fuga elettorale in Albania del primo. Sulla data, a cui manca meno di un anno, nemmeno i più ottimisti osano mettere una firma. Infatti il documento non ne ha. La prudenza non è mai troppa negli stessi luoghi in cui l’imprudenza generò, appena trent’anni fa, il conflitto più sanguinoso d’Europa dai tempi della Seconda guerra mondiale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved