ULTIME NOTIZIE Estero
Belgio
23 min

Accoltellamento a Bruxelles vicino alla sede Ue

La polizia ha confermato l’aggressione: una persona sarebbe rimasta ferita, mentre per un’altra sono scattate le manette
Estero
1 ora

Sciopero in Francia, disagi sui binari in Svizzera

Le braccia incrociate contro la riforma delle pensioni nell’Esagono fanno saltare diversi collegamenti Tgv con Ginevra, Losanna e Zurigo
Estero
2 ore

Hitler nominato cancelliere: 90 anni fa i nazisti al potere

Il 30 gennaio del 1933 il Führer riceveva l’incarico di formare il governo dal presidente tedesco Paul von Hindenburg
Confine
3 ore

Vestiti di marca fake, etichette dal Ticino all’Italia

La Guardia di finanza di Como ha confiscato l’opificio industriale a Meda, che suggella un’indagine avviata nel 2018 per il medesimo motivo
Estero
5 ore

Euro, ogni milione di banconote 13 sono false

Lieve aumento nel 2022 per i casi di contraffazione: 376’000 quelle tolte dalla circolazione. I tagli da 20 e 50 restano i più gettonati
Italia
6 ore

Settantadue città fuorilegge per smog. Fra queste c’è anche Como

Lo indica il rapporto ‘Mal d’aria di città 2023’ di Legambiente, che ha analizzato l’inquinamento atmosferico in 95 centri della Penisola
Giappone
8 ore

Toyota si conferma prima casa automobilistica mondiale

Per il costruttore nipponico si tratta del terzo riconoscimento consecutivo. Nel 2022 venduti a livello globale circa 10,48 milioni di veicoli
Irlanda
9 ore

Ryanair riprende quota: passeggeri e bilancio in crescita

La compagnia aerea ritrova le cifre nere: nel terzo trimestre dell’esercizio 2022/23 l’utile è di 211 milioni di euro
Corea del Nord
11 ore

Revocato il lockdown nell’area di Pyongyang

Coronavirus, dopo la stretta di cinque giorni decisa una settimana prima, la Corea del Nord fa retromarcia
stati uniti
21 ore

Trump lancia la campagna e attacca DeSantis: ‘Sleale’

‘Sono più arrabbiato che mai, il 2024 è l’ultima chance per salvare gli Usa’
medio oriente
21 ore

Netanyahu vuole più insediamenti

Arriva Blinken mentre vengono varate le nuove norme antiterrorismo dopo il massacro di Jenin e la risposta palestinese con i morti in sinagoga
medio oriente
21 ore

Droni colpiscono sito militare in Iran

Lì si producono armi che vanno in Russia. Secondo il Wall Street Journal sono stati gli israeliani con il benestare degli Usa
la guerra in ucraina
23 ore

Putin ha deciso: addestramento militare nelle scuole russe

Come accadeva in Unione Sovietica si insegnerà l’uso di mitragliatrici e bombe a mano
Liechtenstein
1 gior

‘Faites vos jeux’... Anche nel Principato

Respinto in votazione popolare il divieto di casinò. Quasi tre cittadini su quattro (e tutti gli undici Comuni) si sono espressi negativamente
Italia
1 gior

Psicofarmaci per sballo, è boom in Italia

Gli psichiatri suonano il campanello d’allarme: ‘Dipendenza in crescita, necessario contrastarne l’abuso’
Regno Unito
1 gior

Grave violazione del codice ministeriale: Zahawi licenziato

Via lettera, il primo ministro britannico Rishi Sunak silura il ministro senza portafoglio
Estero
1 gior

Forte scossa di terremoto nella notte in Iran

Il sisma di magnitudo 5,7 è stato localizzato nel Nord del Paese. Il bilancio parziale è di tre vittime e diverse centinaia di feriti
Stati Uniti
1 gior

Incidente di caccia in Kansas, ma a sparare... è il cane

Calpesta l’arma nel retro del pick-up: parte un colpo che colpisce il cacciatore seduto davanti, uccidendolo
Estero
1 gior

Nuovo piano europeo per salvare api e farfalle

Ecco il ‘New Deal’ per gli impollinatori, con undici iniziative per frenare il declino della popolazione di questi insetti
laR
 
24.04.2021 - 05:30

La corsa contro il tempo del sottomarino inabissato

Restano poche ore di ossigeno ai 53 a bordo e gli indizi per trovare il sommergibile indonesiano scomparso mercoledì sono minimi. Si spera nel miracolo

la-corsa-contro-il-tempo-del-sottomarino-inabissato
Il Kri Nangalla 402 scomparso al largo di Bali (Keystone)

Rimanere chiusi, centinaia di metri sott’acqua, in quella che - progettata per essere tutt’altro - potrebbe diventare presto e a lungo, se non per sempre, la propria enorme tomba. In attesa di un aiuto che non arriva, insieme ad altre 52 persone segnate dallo stesso destino. Commilitoni, colleghi, amici, nemici, chissà. Ognuno con le sue paure, i suoi demoni e le imprevedibili reazioni umane davanti a un evento a cui non ci si può opporre. Si può solo aspettare, che da sempre - perfino nelle piccole cose - è una delle torture peggiori. Figuriamoci lì, a cento, duecento, forse addirittura settecento metri di profondità. Sapere di essere morti e vivi allo stesso tempo. Sempre più una cosa, sempre meno l’altra. Questa - a meno di salvataggi da film, ormai davvero all’ultima scena - è la tragica fine toccata in sorte all’equipaggio del sommergibile della Marina indonesiana scomparso dai radar mercoledì mattina al largo di Bali.

Numeri e speranze che si assottigliano

È ormai tutta una questione di numeri che si assottigliano sempre più. Come le speranze di chi aspetta a casa. Al momento dell’inabissamento erano poco più di 72 le ore di ossigeno disponibili dentro al sottomarino, e anche le percentuali di un possibile ritrovamento davano ancora speranza mentre il mondo si mobilitava. C’era un ultimo segnale radar lasciato mercoledì che restringeva inizialmente l’area delle ricerche. Area che si è dovuta nel frattempo espandere, visto che non si trovava nulla, e poi ancora restringere (siamo a dieci miglia nautiche, circa 30 chilometri quadrati) quando ieri - finalmente - è arrivato un altro segnale proveniente da un oggetto non identificato. Troppo poco per i soccorritori, ancora meno per chi li aspetta con una riserva d’aria che potrebbe essere già finita, soprattutto in caso di danni alla struttura, come è probabile. O aumentata, se i 53 hanno potuto avere in qualche modo accesso alle cartucce di superossido di potassio che trasformano l'anidride carbonica in ossigeno. La sola speranza di prolungare la sopravvivenza. O, verrebbe da dire, l’agonia.

A questa seconda si pensa quando - qui in superficie - tornano alla mente le vicende del Kursk, il sottomarino nucleare russo impegnato in un'esercitazione militare nel mare di Barents e affondato il 12 agosto 2000 a seguito dell'esplosione di due dei siluri che portava in grembo. Nessuno dei 118 a bordo sopravvisse. Molti morirono subito, altri resistettero giorni, ammassati in un unico scompartimento.

La tragedia del Kursk

“Ore 13.15. Tutto il personale dai compartimenti sei, sette e otto o si è postato nel nono. Qui siamo in 23. Nessuno può risalire. Scrivo questo biglietto al buio nella speranza che qualcuno leggerà queste parole”, scriveva il luogotenente Dimitri Kolesnikov. Il suo corpo fu tra i primi recuperati dai sommozzatori russi e norvegesi, tra le polemiche delle famiglie, convinte che il Cremlino avesse volutamente ritardato i soccorsi per evitare di avere in giro testimoni scomodi dell'incidente. Mosca, infatti, attese a lungo prima di dare il via libera ai soccorsi da parte della Norvegia, rivelatisi poi efficaci, seppur con il ritardo fatale accumulato dai russi.

Questa volta i soccorsi sono stati tempestivi, con mezzi, navi e aerei messi a disposizione da una lunga lista di Paesi: le vicine Malesia, Singapore e Australia, ma anche Corea del Sud, Stati Uniti, Germania, Francia, Russia, India e Turchia. La tecnologia a bordo di alcuni di questi mezzi ci sono tra le più sofisticate attrezzature di tracciamento. Eppure, non si trova nulla. O meglio, tutto quello che è stato rilevato finora è un oggetto con un "forte campo magnetico" a una profondità compresa tra 50 e 100 metri. Potrebbe trattarsi proprio del sottomarina, chiamato, Kri Nanggala 402: aveva chiesto mercoledì il permesso di immergersi per effettuare un'esercitazione. Permesso - purtroppo, col senno di poi - accordato. Ma se il campo magnetico è una speranza, seppur flebile, c’è un altro segnale che mette apprensione: vicino all'ultima posizione segnalata del sottomarino è stata rilevata una fuoriuscita di gasolio. Secondo gli esperti potrebbe indicare una rottura dello scafo. Ciò non vorrebbe necessariamente dire che per i 53 sommersi e non ancora salvati sia già finita, ma - in questo caso - gli spazi a bordo sarebbero ancora più limitati. Come se non bastasse, un eventuale danno all'attrezzatura potrebbe aver provocato l'aumento dell'anidride carbonica. Il che vuole dire: meno aria respirabile.


Militari indonesiano nel centro allestito per le ricerche (Keystone)

Le ricerche e le ipotesi

“Abbiamo pochissimo tempo”, ha detto il portavoce militare indonesiano Achmad Riad. Ma tutti sanno che le possibilità erano poche, sono sempre meno e semmai il sottomarino si trovasse davvero troppo in profondità (ovvero oltre le sue possibilità strutturali di tenuta) sarebbe già inutile oggi cercare pensando di trovare qualcuno vivo.

Ad oggi l’ipotesi più accreditata è che il Nanggala abbia perso potenza durante l'immersione e non sia stato in grado di attivare le procedure di emergenza per tornare a una quota più sostenibile. L'angoscia dei familiari dei marinai sale: “La nostra ultima comunicazione è stata lunedì, quando mi ha detto che stava partendo per lavoro. Mi ha chiesto di pregare per il suo ritorno al più presto a casa e ha detto a nostra figlia di studiare”, ha raccontato la moglie del sommergibilista Guntur Ari Prasetyo, 39 anni, che vive nell'isola di Giava.

Bali, Giava, scenari che a occhi occidentali fanno pensare a vacanze, relax, acque limpide, dove ci si può tuffare e vedere distintamente il fondale per metri e metri senza bisogno di nulla, al massimo di una maschera. Non è così, non può esserlo. Non questa volta almeno.

Il Kri Nangalla 402

La Marina indonesiana - che negli ultimi anni ha cercato di modernizzarsi - non è nuova a incidenti mortali, seppur di portata minore. E mai era rimasto coinvolto un sottomarino. Il Kri Nanggala 402, fabbricato in Germania, era entrato nella flotta indonesiana nel 1981. Sottoposto a una revisione in Corea del Sud nel 2012, era considerato in buone condizioni. Cosa è andato storto ce lo diranno i marinai, se avverrà il miracolo. O parlerà il relitto, se e quando sarà trovato.

L’ultima notizia di un sottomarino scomparso risale al 2017. Si tratta del’Ara San Juan, battente bandiera argentina e scomparso nell'Atlantico meridionale con 44 persone a bordo. Furono giorni e settimane di affannate ricerche in superficie e silenzi dal mare più profondo. Il relitto, imploso, venne ritrovato un anno dopo a decine di chilometri di distanza rispetto a dov’era stato cercato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved