ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
11 min

Un affarista russo ammette di aver fondato il gruppo Wagner

L’imprenditore, che sarebbe anche a capo di una ‘fabbrica di troll’ della propaganda di Mosca, aveva in precedenza negato collegamenti con i mercenari
Estero
30 min

Per i media stranieri in Italia ‘al governo l’estrema destra’

Ampio spazio per le elezioni italiane e per Giorgia Meloni, di cui più di una testata sottolinea il ruolo di erede della tradizione politica neofascista
Estero
2 ore

‘La Russia non parli alla leggera di armi nucleari’

Il segretario di Stato americano Antony Blinken conferma le comunicazioni ad alto livello con Mosca
Estero
2 ore

 Pianificava una strage di massa, 37enne arrestato in California

Dopo l’arresto l’uomo ha minacciato di uccidere gli agenti e le loro famiglie
Estero
3 ore

Giorgia Meloni si prende l’Italia con numeri saldi per governare

Ampia maggioranza alle due Camere per la coalizione di centrodestra a guida Fratelli d’Italia, primo partito in tutto il Paese ad eccezione del Sud
Estero
6 ore

In Italia vince nettamente la destra

Elezioni politiche: 40% alla coalizione di Meloni secondo le proiezioni, centrosinistra fermo al 25%. Malissimo la Lega
Estero
11 ore

Meno italiani alle urne, più astensionismo al Sud

Chiusi i seggi alle 23. Inizia lo spoglio del Senato, toccherà poi alla Camera. Per i sondaggi il centrodestra è nettamente in testa.
Stati Uniti
17 ore

‘Se Mosca userà l’atomica risponderemo in modo deciso’

A dirlo oggi il consigliere del presidente americano
22.04.2021 - 20:36
Aggiornamento: 20:56

Joe Biden riconosce il genocidio armeno

È il primo presidente degli Stati Uniti a farlo. Erdogan, piccato, replica: “Tutte menzogne e calunnie fatte per calcolo politico”

Ansa, a cura de laRegione
joe-biden-riconosce-il-genocidio-armeno
Il memoriale del genocidio a Yerevan (Keystone)

Joe Biden è pronto a rompere il tabù. Durante le commemorazioni di sabato per il 106esimo anniversario, sarà il primo presidente americano a riconoscere come un genocidio il massacro di centinaia di migliaia di armeni da parte dell'Impero ottomano in disfacimento durante la Prima guerra mondiale. Una dichiarazione anticipata da New York Times e Wall Street Journal che è destinata a scatenare un nuovo scontro con la Turchia.

In una riunione convocata con i suoi più stretti consiglieri, il presidente Recep Tayyip Erdogan ha già minacciato reazioni. "La Turchia continuerà a difendere la verità contro le menzogne sul cosiddetto 'genocidio armeno' e contro coloro che stanno sostenendo questa calunnia sulla base di calcoli politici", ha messo in guardia il leader di Ankara. La decisione di Biden giunge dopo la lettera aperta di oltre cento membri del Congresso - primo firmatario il democratico Adam Schiff, a capo della commissione Intelligence della Camera - che lo invitava a dare seguito alla sua promessa elettorale. "Signor Presidente, come ha detto nella sua dichiarazione del 24 aprile dello scorso anno", nell'anniversario dell'eccidio di massa, "il 'silenzio è complicità'. Il vergognoso silenzio del governo degli Stati Uniti sul fatto storico del genocidio armeno è durato troppo a lungo e deve finire", recitava l'appello dei membri del Congresso, che lo aveva già simbolicamente etichettato come genocidio nel dicembre 2019 con un voto bipartisan.

Questione controversa

Riconosciuto da una trentina di Paesi nel mondo e dalla comunità internazionale degli storici come il primo genocidio del XX secolo, il massacro del 1915 è invece da sempre negato da Ankara. Le sue contestazioni riguardano sia il bilancio delle vittime - che per la maggior parte degli esperti si attesta tra 1,2 e 1,5 milioni - sia l'accusa di un'uccisione pianificata, riconducendo le morti al conflitto con la Russia zarista e alle sue conseguenze e sottolineando le perdite su entrambi i fronti. "Le dichiarazioni senza valore legale non porteranno benefici, al contrario danneggeranno le relazioni", ha detto il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu, avvisando che "se gli Stati Uniti vogliono peggiorare le relazioni, è una loro decisione". In casi analoghi, del resto, Ankara ha sempre reagito in modo immediato. L'ultimo lo scorso febbraio, quando una mozione del parlamento olandese chiese al suo governo di riconoscere formalmente il genocidio.

Dopo l'addio di Donald Trump, i rapporti tra Ankara e Washington si sono fatti ancora più tesi. Tra i principali punti di frizione con l'alleato Nato resta il rapporto con la Russia, da cui la Turchia ha acquistato il sistema missilistico S-400, subendo le conseguenti sanzioni americane. Ma l'amministrazione Usa ha rimarcato la distanza anche sul tema dei diritti civili e della democrazia, criticando tra l'alto il ritiro dalla Convenzione di Istanbul contro la violenza di genere. Da quando è entrato in carica, poi, Biden non ha ancora parlato con Erdogan, che in campagna elettorale definì "un autocrate". E ora si prepara ad aprire un nuovo fronte.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved