austria-incriminato-ex-leader-dell-estrema-destra
Keystone
Ibiza, 2017
15.04.2021 - 19:56
Aggiornamento: 20:44

Austria, incriminato ex leader dell’estrema destra

Hein-Christian Strache formalmente accusato di corruzione nell’inchiesta sull’Ibizagate. Rischia fino a cinque anni di prigione.

Vienna - L'ex leader del partito di estrema destra austriaco ed ex-vice cancelliere Heinz-Christian Strache è stato accusato di "corruzione", una prima dopo lo scandalo Ibizagate che ha fatto cadere il governo. L'accusa riguarda la "concessione di vantaggi" a Strache in cambio del suo "sostegno per modificare una legge" in modo da consentire a una clinica di essere approvata dalla sicurezza sociale, hanno spiegato i procuratori in una nota.

Nel 2019, la coalizione tra i conservatori e l'estrema destra era caduta in seguito a una trappola tesa al presidente del Partito della libertà austriaco (Fpö), filmato a sua insaputa in una villa di Ibiza. Il video, girato nel 2017 mentre era candidato parlamentare, lo mostrava pronto a compromettersi in cambio di finanziamenti segreti. La sua diffusione nei media era avvenuta una volta che era diventato il numero due del governo. Ha causato uno sconvolgimento politico in Austria e l'apertura di diverse indagini.

La pena per questo reato va da sei mesi a cinque anni di prigione. Secondo la stampa, il gestore della clinica di chirurgia plastica (un donatore della Fpö, che aveva invitato Strache sul suo yacht) è stato interrogato dalla procura per una donazione di 10mila euro al partito ed è stato pure lui accusato.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
austria corruzione estrema destra heinz-christian strache ibizagate
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved