ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Minaccia terroristica: chiude l’ambasciata svizzera ad Ankara

Un portavoce del Dipartimento federale degli affari esteri ha parlato di informazioni concrete di pericolo di attentati
Estero
2 ore

Protagonista del Ticinogate, Gerardo Cuomo di nuovo arrestato

Nel 2001 era stato al centro di uno scandalo di corruzione. Più volte nel mirino delle inchieste per contrabbando di sigarette, è stato fermato a Bologna.
stati uniti
3 ore

La Fed alza i tassi dello 0,25%, mai così alti dal 2007

La Federal Reserve parla di mossa appropriata in vista degli obiettivi massima occupazione e inflazione al 2%
russia
3 ore

Il ritorno di Stalin, un busto a Volgograd

Nell’ottantesimo anniversario della battaglia di Stalingrado, tra storia e propaganda
la guerra in ucraina
3 ore

Gli Stati Uniti pronti a fornire missili più potenti a Kiev

Pure Netanyahu valuta l’invio di armi a Zelensky, e intanto si offre come mediatore con Mosca
stati uniti
4 ore

NIkki Haley sfida Trump alla Casa Bianca

Atteso per il 15 febbraio l’annuncio ufficiale dell’ex ambasciatrice all’Onu. Intanto l’Fbi torna dall’ex presidente per i documenti top secret
stati uniti
4 ore

Afroamericano in sedia a rotelle ucciso dalla polizia

Shock a Los Angeles,10 colpi contro l’uomo con le gambe amputate
Estero
7 ore

Con un vitello sulla Piazza Rossa, 13 giorni di carcere

La giovane fermata a Mosca, attivista per i diritti degli animali, condannata per aver resistito all’arresto: sulla Piazza è vietata ogni manifestazione
09.04.2021 - 21:49

Kim avverte il popolo, tempi duri per la Corea del Nord

Il leader nordcoreano evoca una nuova carestia e lancia l’appello a intraprendere un’‘Ardua marcia’

kim-avverte-il-popolo-tempi-duri-per-la-corea-del-nord
Keystone
Nuovo richiamo

Roma – Sulla Corea del Nord incombe lo spettro di una nuova carestia. O almeno è quello che ha lasciato intendere il suo leader Kim Jong-un chiedendo ai responsabili del Partito di "intraprendere un'altra, più difficile, Ardua marcia, per sollevare il nostro popolo dalle difficoltà". Un richiamo che rimanda a quando negli anni '90 il Paese fu travolto da una crisi umanitaria da tre milioni di vittime.

È difficile avere un quadro reale oltre la cortina del regime, al di là del fatto che le sanzioni contro Pyongyang per il programma nucleare si sono sommate agli effetti della pandemia, e con le frontiere chiuse ermeticamente si è ridotto al minimo il flusso di aiuti dalla Cina. Giorni fa Kim Jong-Un, terza generazione della famiglia al potere da oltre 75 anni, aveva ammesso che la Corea del Nord vive la "peggiore situazione in assoluto".

Come negli anni 90

Spesso la sua strategia comunicativa punta sulle difficoltà, per rafforzare la già salda presa sul potere. Ma paiono di inedita nettezza le parole usate questa volta dal dittatore, che spiccava in giacca bianca fra centinaia di delegati in abito scuro alla sesta conferenza dei segretari.

A tutti i livelli del partito, riporta l'agenzia di stampa statale Kcna, è arrivata l'esortazione di Kim Jong-Un ad affrontare "un'altra più difficile 'Ardua marcia' per sollevare, anche poco, dalle difficoltà il nostro popolo, che ha seguito il Partito come sua madre e ha superato ogni sorta di difficoltà per diversi decenni, per difenderlo e per fornirgli il benessere materiale e culturale ottimale".

Per Lina Yoon, ricercatrice di Human Rights Watch, il leader "sembra voler dire al popolo di sapere che la situazione economica è terribile, che non ha in progetto di ricominciare a breve a importare cibo e beni essenziali, e all'orizzonte potrebbe già esserci una devastante carestia". L'appello alla 'Ardua marcia' non è l'unico punto di contatto con il dramma degli anni '90.

Il ritorno della patata

Nei film e negli show culinari della tv nordcoreana è ricorrente la patata, nella propaganda simbolo di tempi duri. Come quelli, fra il 1995 e il 2000, in cui scarseggiava il riso e fra i 23 milioni di abitanti dilagò quella storica carestia, prodotta dalla cattiva gestione delle riforme economiche e dalle particolari condizioni climatiche del Paese, orfano del sostegno della scomparsa Unione sovietica.

Un disastro alleviato solo dagli aiuti umanitari, seguito poi da altri periodi di carenza alimentare, mentre la Corea del Nord si dedicava a rinforzare l'arsenale nucleare. Nel 2019 la siccità ha inasprito i problemi, poi sono arrivati il Covid e le ferree restrizioni. E chi è riuscito a scappare, come i diplomatici russi, racconta di un Paese in cui scarseggiano anche i beni di prima necessità.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved