israele-rivlin-affida-l-incarico-a-netanyahu
Un manifesto elettorale di Netanyahu (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
5 ore

L'appello di Miss Birmania: ‘Ci stanno ammazzando’

La partecipante a Miss Universo lancia un messaggio dal palco: ‘L'esercito uccide ogni giorno’
Estero
6 ore

Emergenza umanitaria a Gaza, morto il medico del Covid

Nella Striscia sotto i raid manca tutto, dalla luce all'acqua
Estero
6 ore

Catalogna, intesa tra indipendentisti e governo

La svolta nei negoziati dopo tre mesi di stallo
Estero
6 ore

Medio Oriente: Biden in pressing su Netanyahu

Una settimana di guerra tra Israele e Palestina: colpiti tunnel e un capo Jihad. Usa chiedono prove sulla torre dei media
Estero
7 ore

In Italia via al coprifuoco dalle 23

Dal 21 giugno non ci saranno più restrizioni legate agli orari se i dati del contagio lo permetteranno
Estero
7 ore

Da Pinochet a Pikachu, così il Cile cambia la Costituzione

Un'ondata di nomi nuovi, fuori dai partiti, tra i 155 eletti della Costituente. Sconfitta pesante per il presidente Piñera e trionfo dei manifestanti
Estero
11 ore

L'Ema: il vaccino Pfizer si conserva in frigo per un mese

L'Agenzia europea del farmaco (ema) ha esteso il periodo di conservazione della fiala scongelata e non aperta del vaccino Pfizer in un normale frigorifero
Estero
12 ore

Streaming, At&t: sarà fusione fra WarnerMedia e Discovery

Il colosso annuncia la nascita di un gigante dello streaming dalla fusione della sua filiale proprietaria di Cnn e Hbo con il gruppo che detiene Eurosport
Italia
13 ore

In un condominio di Bari 25'000 episodi di spaccio in un anno

Nella cosiddetta 'Palazzina L' di via Caldarola 40 persone vendevano stupefacenti 24 ore su 24. Lo spaccio coperto con lavori fittizi. 35 gli arresti
Estero
06.04.2021 - 20:010
Aggiornamento : 20:46

Israele: Rivlin affida l’incarico a Netanyahu

Starà al premier uscente provare a formare un nuovo governo

Un riluttante Reuven Rivlin ha affidato a Benyamin Netanyahu l'incarico di provare a formare il nuovo governo israeliano. "Una decisione non facile dal punto di vista dei valori e della morale", ha detto il presidente che si è però dovuto arrendere alla realtà dei numeri e al dettato della legge, secondo cui "un primo ministro incriminato può continuare a servire nella carica".

Per la quinta volta nel corso della sua presidenza - prossima alla scadenza - Rivlin ha così affidato l'incarico a Netanyahu che nelle indicazioni dei partiti ha raggiunto 52 seggi contro i 45 del leader dell'opposizione Yair Lapid. Quest'ultimo ha bollato la scelta inevitabile di Rivlin, a cui ha comunque dato atto di correttezza, come "una vergogna, una macchia per lo Stato d'Israele". Fatto sta che Netanyahu - il cui processo per corruzione, frode e abuso di potere è andato avanti anche oggi a Gerusalemme - ha una volta in più avvalorato il soprannome di 'HaKosem' (Il mago) con cui lo acclamano i suoi sostenitori.

Premier inossidabile

Un premier inossidabile che, forte del consenso elettorale nel Paese, ha saputo mostrare quanto sia politicamente difficile fare a meno di lui: il suo Likud resta il primo partito. "Il nostro obiettivo - ha detto subito dopo l'incarico - è di far uscire Israele dal circolo vizioso di elezioni a ripetizione. Vogliamo costituire un governo forte, a beneficio di tutti i cittadini. Basta con i boicottaggi personali. Non un governo paralizzato, bensì - ha aggiunto - un governo di azione". Per ottenerlo dovrà raggiungere, nei 28 giorni che il mandato prevede (più 2 settimane di eventuale proroga), almeno quota 61 seggi su 120 alla Knesset. Un traguardo allo stato attuale non facile.

Pessimismo sugli accordi

Lo stesso Rivlin ha ammesso nel suo accorato discorso di assegnazione del mandato di essere pessimista. "I risultati delle consultazioni - ha spiegato - mi inducono a credere che nessun candidato abbia una chance reale di formare un governo che abbia la fiducia della Knesset". Ma Netanyahu è un abile manovratore: il suo obiettivo sono i 7 seggi del leader della destra religiosa Naftali Bennett che per ora, tuttavia, si è astenuto dall'indicare il suo nome. Se li ottenesse arriverebbe a 59. L'altro obiettivo - scartati realisticamente i 4 seggi di Mansour Abbas, il leader arabo-islamista - potrebbe essere, secondo analisti, Gideon Saar, transfuga del Likud che fino a ora con il suo partito 'Nuova Speranza' ha fatto parte della coalizione anti-premier. Saar non ha indicato nessun nome a Rivlin, lasciando così Lapid senza sostegno. Se Netanyahu mettesse le mani sui 6 seggi di Saar arriverebbe a 65: ben oltre la maggioranza necessaria in Parlamento. Quanto questa strada sia percorribile lo diranno i prossimi 28 giorni ma anche l'andamento del processo (tre sedute a settimana) in corso a Gerusalemme.

Le rivelazioni che filtrano ogni giorno - uno dei testi dell'accusa ha denunciato di aver ricevuto minacce - potrebbero ripercuotersi sul gioco politico. Se il premier dovesse fallire, l'incarico potrebbe passare con tutta probabilità a Lapid, ma anche l'opposizione è piuttosto eterogenea (centro, destra, sinistra, partiti arabi) e avrebbe in ogni caso bisogno del sostegno di Bennett. Un quinto voto, come ha previsto Rivlin, potrebbe non essere lontano.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved