SJ Sharks
5
CAL Flames
3
fine
(1-2 : 3-1 : 1-0)
il-principe-ribelle-e-il-tentato-complotto-in-giordania
L'immagine del re in un negozio (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
17 ore

Zaki sarà scarcerato, ‘ma non è stato assolto’

Lo studente egiziano dell’Università di Bologna era stato arrestato in Egitto con l’accusa di propaganda sovversiva
Francia
20 ore

Esplosione: crolla un edificio, un morto accertato

Una donna e il suo bebè sono invece stati estratti vivi dalle macerie
Estero
1 gior

Gli Usa vogliono boicottare le Olimpiadi di Pechino

Nessun rappresentante del governo statunitense sarà presente ai Giochi invernali di Pechino. La replica: ‘Offesa al popolo cinese’
Confine
1 gior

Vigezzo: ubriaco aggredisce Carabinieri, arrestato

L’episodio si è verificato sabato notte; ubriaco, un 64enne si è scagliato sugli agenti intervenuti per calmarlo
Estero
1 gior

A New York vaccino obbligatorio per i lavoratori privati

Misura voluta dal sindaco uscente Bill De Blasio. Nel 2020 la maggiore città Usa era stata molto colpita dal coronavirus, con almeno 34mila morti
Confine
1 gior

Cabiate, ergastolo per il 26enne che picchiò a morte una bimba

Un cittadino rumeno uccise la figlia della compagna lo scorso gennaio, dopo averla violentata. La difesa ricorrerà in Appello
Estero
1 gior

Francia: giovedì si decide sul nuovo allestimento di Notre-Dame

L’ambizione è dare alla cattedrale una nuova giovinezza in vista della riapertura prevista per il 2024. Ma non mancano le polemiche
Estero
2 gior

Power Index: gli Usa i più influenti anche in Asia

È la prima volta che gli Stati Uniti rafforzano il loro potere nella regione, superando di 2 punti percentuali la Cina
Estero
2 gior

Myanmar: Aung San Suu Kyi condannata a quattro anni di carcere

Il premio Nobel per la pace è stato condannato per incitamento a disordini pubblici e per la violazione delle misure anti-Covid
Francia
2 gior

La riconquista di Zemmour parte tra proclami e scontri

Tafferugli e sedie lanciate in aria tra attivisti antirazzisti ed alcuni militanti di estrema destra. Il candidato: ‘Obiettivo, immigrazione zero’
Estero
2 gior

Londra impone il tampone anche prima della partenza

La nuova stretta sui viaggia per l’allarme Omicron scatena la protesta di compagnie aeree e tour operator
Estero
05.04.2021 - 20:480
Aggiornamento : 21:11

Il principe ribelle e il tentato complotto in Giordania

Re Abdallah impone la linea della mediazione e incassa il sostegno della comunità internazionale

Re Abdallah di Giordania ha imposto la linea della mediazione dopo la notizia del tentato complotto ai suoi danni: il caso del principe Hamzah deve restare nella "famiglia hashemita". La decisione è arrivata dopo che il principe ribelle in una conversazione diffusa su twitter aveva annunciato che non si sarebbe arreso e che non avrebbe "obbedito" agli ordini militari.

Re Abdallah - ha spiegato l'agenzia Petra - ha deciso "di affrontare la questione del principe Hamzah bin Hussein nell'ambito della famiglia hashemita" affidando la vicenda a suo zio, Hassan bin Talal. E, secondo la Petra, Hamzah ha "confermato di aderire all'approccio della famiglia e al percorso" individuato dal sovrano. La linea del Re è stata dunque quella del compromesso per mettere a tacere una crisi, dai contorni di una saga familiare, dagli effetti imprevedibili La mossa di Hamzah (41 anni) - accusato di aver attentato alla "sicurezza e alla stabilità del Paese - è sembrata quella di voler portare in pubblico, su twitter, lo strappo con la famiglia reale giordana. Un fatto senza precedenti nella storia della monarchia hashemita che pure ha visto momenti di tensione al suo interno.

Sostegno internazionale

La scena internazionale - dalla Ue ai Paesi del Golfo, da Israele ai palestinesi e alla Lega Araba - si è schierata con re Abdallah alla guida di un paese chiave per la stabilità della regione e anche per gli equilibri mondiali. Scegliendo con cura le parole, il principe - che in precedenti video aveva subito difeso la propria condotta a fronte della "corruzione e dell'incompetenza" in cui, a suo dire, si trova il Paese - ha detto nel suo nuovo messaggio di non voler provocare ora "una escalation". Al tempo stesso ha affermato con forza che "ovviamente" non avrebbe obbedito agli ordini impartiti dal capo dell'esercito generale Youssef Huneiti che gli aveva intimato di non essere "autorizzato a uscire, a twittare, a comunicare con le persone" e che gli è permesso "solo di vedere la famiglia". "Penso - ha denunciato nel messaggio su twitter - che sia un pò inaccettabile".

A difesa di Hamzah sono scese in campo le sue donne. La madre, la regina Noor, quarta moglie (di origine americana) del defunto re Hussein, e la moglie principessa Basmah Bani Ahmad. "Una calunnia malvagia" ha bollato su twitter le accuse la regina Noor aggiungendo di pregare che "la verità e la giustizia prevalgano". La vicenda del complotto contro re Abdallah - come è stato definito - ha incupito ancora di più la Giordania già preda di una difficile situazione economica aggravata da una seria diffusione del covid. Gli arresti di 14-16 persone, oltre due importanti dignitari di corte e il coinvolgimento di Hamzah, hanno scosso Amman e si sono riverberati oltre i confini nazionali.

Guerra tra clan

L'atto di accusa pronunciato dal vice premier (e ministro degli esteri) al-Safadi per spiegare l'intervento anti complotto ha messo in risalto "contatti con entità straniere". Inoltre - ha specificato al-Safadi - Hamzah ha "distorto i fatti" e cercato di mobilitare "leader dei clan" contro il governo. Poi l'accusa a Basmah, la moglie del principe: ha avuto contatti con "una persona con collegamenti a servizi di sicurezza stranieri". La persona in questione - ha riportato il sito Walla - è l'imprenditore israeliano Roy Shaposhnik che, tuttavia, ha smentito ogni sua appartenenza al Mossad ed ha ammesso solo di aver proposto al principe, come amico di famiglia di vecchia data, un aereo per far uscire fuori del Paese la moglie e i figli.

Difficile pensare - hanno sottolineato analisti - che Hamzah possa scuotere le fondamenta della monarchia hashemita che ha l'appoggio dell'esercito e della sicurezza. Ma il principe ribelle - hanno aggiunto - potrebbe essere un catalizzatore di simpatie anti sistema specie in una fase complessa. La Ue - il presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen arriverà mercoledì prossimo ad Amman - ha dato pieno sostegno al re e "al suo ruolo di moderazione nella regione". Lo stesso il presidente Abu Mazen: "l'intero mondo, senza eccezioni" si schiera "a fianco di Sua Maestà", ha detto l'esponente palestinese che proprio oggi ha fatto tappa ad Amman, prima di recarsi in Germania per visite mediche definite "di routine".

© Regiopress, All rights reserved