erdogan-fa-arrestare-dieci-ex-ammiragli
Recep Tayyip Erdogan (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
26 min

San Bartolomeo Val Cavargna, Lady Demonique candidata

Il 12 giugno la performer erotica Doha Zaghi contenderà la poltrona di sindaco a Eleonora Bari
Confine
49 min

Alla stazione di Chiasso con 206mila euro in valigia

Le banconote da 200 e 500 euro sono state trovate nelle valigie di una coppia bulgara proveniente dalla Germania e diretta in Italia
Confine
4 ore

Caro-benzina anche in Italia. Ma sotto i livelli ticinesi

Malgrado il rincaro, fare il pieno nella Penisola resta un’opzione sempre attrattiva: oltre 20 centesimi in meno al litro
Speciale Ucraina
LIVE

Kiev ordina ai combattenti di Azovstal di cessare il fuoco

Il giallo di Palamar: ‘Non mi sono arreso. Sono ad Azovstal’; ergastolo per il soldato Vadim. Segui il live de laRegione
Confine
5 ore

Como, sopralluogo del prefetto nei boschi della droga

La stessa problematica è stata segnalata anche alla Prefettura di Varese. L’impegno sul confine è di intensificare i controlli
Estero
5 ore

Quattro persone accoltellate in Norvegia: fermato l’autore

Secondo le autorità, l’uomo avrebbe preso di mira le sue vittime (ferite in modo grave) in modo ‘casuale’
Confine
6 ore

Vigezzina e statale 337 chiuse per almeno una settimana

All’esame dei tecnici Anas il calendario degli interventi per la messa in sicurezza del tratto tra Re e il confine di Ponte Ribellasca
Confine
6 ore

Ubriaco, forza un posto di blocco. Ripreso dopo 6 km

Movimentato fermo nella notte su ieri nel Comasco. Per eludere il controllo, l’uomo ha anche urtato un carabiniere
Estero
7 ore

Kirill, più oligarca che patriarca

Il reazionario omofobo, al quale si attribuiscono enormi ricchezze, benedice l’invasione dell’Ucraina. Ma è sempre più isolato, e rischia sanzioni
05.04.2021 - 20:12

Erdogan fa arrestare dieci ex ammiragli

Il sultano ha accusato i militari di aver tentato di ispirare un colpo di Stato

Riesplode in Turchia lo scontro tra Recep Tayyip Erdogan e i militari laici kemalisti, accusati dal presidente di aver tentato di ispirare un "golpe politico". La polizia ha arrestato nella notte 10 ex ammiragli della Marina di Ankara, accusati di "attentato all'ordine costituzionale". Altri 4 sono stati obbligati a presentarsi in questura entro 72 ore, ma non detenuti vista la loro età avanzata.

Tutto è nato da un dichiarazione pubblica, firmata da 104 ammiragli in pensione, diffusa nel fine settimana per denunciare i rischi di un eventuale ritiro dalla Convenzione di Montreux, firmata nel 1936 per regolare il traffico navale negli stretti turchi, il Bosforo e i Dardanelli, che collegano il mar Nero al Mediterraneo orientale. Il trattato, che garantisce la circolazione dei mercantili e limita quella delle navi militari, era stato messo in discussione dopo il definito via libera al 'Kanal Istanbul', il canale artificiale lungo 45 km da scavare sulla sponda europea della metropoli, in parallelo al Bosforo, imponendo una deviazione del traffico marittimo.

Il progetto mai nato

Un progetto annunciato un decennio fa dallo stesso Erdogan, allora premier, che lo definì "folle". Ma per il capo dello stato, le critiche di oggi dei militari in pensione sono "allusioni a un golpe", che non possono rientrare nell'ambito della "libertà d'espressione" e risultano "inaccettabili in un Paese il cui passato è pieno di colpi di stato", a meno di cinque anni dal fallito putsch contro lo stesso Erdogan, attribuito ai suoi ex alleati della rete di Fethullah Gulen. Mentre Ankara si dice pronta ad avviare i lavori del canale, dal costo stimato di circa 10 miliardi di dollari, era stato il presidente del Parlamento Mustafa Sentop ad ammettere come "possibile" - anche se non "probabile" - l'uscita della Turchia anche dal trattato di Montreux, dopo quella di due settimane fa dalla Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne. Per i militari, una minaccia all'accordo che "meglio protegge gli interessi turchi". Una posizione espressa pochi giorni prima anche da 126 ex ambasciatori.

La paranoia del golpe

Nel fronte comune della 'vecchia guardia' legata alle élite laiche l'esecutivo aveva subito visto una minaccia di colpo di stato. L'opposizione denuncia invece "una paranoia del golpe", strumentalizzata per reprimere i dissidenti e distrarre l'opinione pubblica dai guasti dell'economia. E lo stesso Erdogan non ha escluso oggi un futuro addio alla Convenzione sugli stretti, se Ankara trovasse "una opportunità migliore".

Tra i militari fermati figura anche Cem Gurdeniz, esponente della corrente "euroasiatica" delle forze armate, scettica verso la Nato e aperta a Russia e Cina a est, nonché teorico della controversa dottrina della 'Patria Blu', impiegata paradossalmente proprio dal presidente turco per sostenere le sue ambizioni espansionistiche marittime nei confronti di Grecia e Cipro. Lo scontro torna in primo piano alla vigilia della delicata visita ad Ankara dei presidenti di Commissione e Consiglio Ue, Ursula von der Leyen e Charles Michel, che all'ombra dell'ennesima stretta di Erdogan dovranno affrontare i dossier più caldi, dai migranti al Mediterraneo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ammiragli golpe militari recep tayyip erdogan turchia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved