centinaia-donne-molestate-bufera-su-polizia-di-londra
Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
37 min

L’Austria dice addio alle mascherine

Il primo giugno cade l’obbligo di indossare le Ffp2 sui mezzi pubblici e nei supermercati. Sospeso per l’estate l’obbligo di vaccino, mai applicato
Estero
1 ora

YouTube ha rimosso 70’000 video di propaganda filo-russa

Fra i motivi per cui il colosso americano blocca filmati e autori russi la descrizione dei contenuti sulla guerra come ‘missione di liberazione’
Speciale Ucraina
LIVE

Bombe continue su Severodonetsk, 4 civili morti

Quattro persone sono rimaste uccise in un edificio residenziale nei bombardamenti russi ‘caotici e quasi continui’. Segui il live de laRegione
la guerra in ucraina
6 ore

La propaganda nazi-russa dei maschi che odiano tutti

Gruppi di omofobi, misogini, razzisti e anti-semiti fanno proseliti su Telegram
oms
14 ore

‘Il vaiolo delle scimmie si può contenere’

‘Ci sono gli strumenti per identificare i casi precocemente’. Intanto aumentano i contagi in Italia, Spagna e Regno Unito.
olocausto
14 ore

Eichmann e la Soluzione finale, spuntano gli audio

In un documentario le registrazioni inedite del colonnello Ss durante un’intervista con un giornalista olandese: ‘Volevo tutti gli ebrei morti’
primarie Usa
15 ore

In Georgia Pence sfida Trump

L’ex vicepresidente si schiera con il governatore avversato dal tycoon
Confine
18 ore

Attacco informatico ai servizi sanitari di Como e Varese

Pubblicati i dati sensibili di ottocento disabili delle due province. I ‘pirati’ del web hanno chiesto un riscatto
21.03.2021 - 20:58

‘Centinaia donne molestate’, bufera su polizia di Londra

Le rivelazioni dell’Observer mettono in imbarazzo il Met, già nel mirino delle critiche per i maltrattamenti alla veglia per lomicidio di Sarah Everard

Londra – Bufera sulla polizia metropolitana di Londra (Met) travolta da centinaia di denunce e segnalazioni per abusi sessuali e comportamenti impropri da parte di agenti contro donne che avrebbero dovuto proteggere, comprese alcune vittime di stupri. È stato l'Observer a rivelare il lato oscuro del corpo grazie a documenti riservati di cui il domenicale britannico è venuto in possesso.

Una pioggia di fascicoli declassificati in base alle leggi sulla libertà di informazione che aumentano la pressione sul Met, già nel mirino dell'opinione pubblica dopo i maltrattamenti alle donne durante la veglia di sabato scorso per il femminicidio di Sarah Everard, la donna di 33 anni rapita e uccisa a Londra mentre tornava a casa. Per la morte di Sarah è stato arrestato Wayne Couzens, un agente del Met già accusato da un'altra donna, qualche settimana prima, di atti osceni in un fast food.

Quasi 600 segnalazioni tra il 2012 e il 2018

Tra il 2012 e il 2018, rivelano i documenti, sono state 594 le segnalazioni di reati e comportamenti impropri da parte di quegli stessi agenti che dovrebbero vigilare contro la violenza di genere. Di queste 119 sono state accolte e 63 hanno portato a licenziamento, pensionamento o dimissioni. Ma, come ha notato Nazir Afzal, ex procuratore capo della corona per il nordovest dell'Inghilterra, "i procedimenti disciplinari non possono sostituire i procedimenti giudiziari". Anche perché i dettagli sono agghiaccianti e l'elenco di violenze perpetrate o desiderate apre seri interrogativi sul Met.

Tra i casi segnalati quello di un poliziotto che avrebbe avuto rapporti sessuali con una vittima di stupro. La donna aveva accusato l'agente di avere "approfittato della sua vulnerabilità" e di avere "fatto sesso con lei in due occasioni": l'ufficiale è stato successivamente licenziato.

Un altro agente è stato costretto a lasciare il Met con l'accusa di avere una "relazione sessuale con una residente di un rifugio per donne", un centro che accoglie le vittime delle violenze domestiche.

Anche abusi domestici

Ma c'è anche un poliziotto, che poi si è dimesso, accusato di aver violentato le donne che aveva incontrato in una discoteca. Dossier delicato, perché la settimana scorsa Downing Street ha svelato un piano di protezione per le donne che prevede la presenza di agenti in borghese nei nightclub, e che ha suscitato derisione e proteste da parte dei movimenti femministi che chiedono chi, a questo punto, protegga le donne dalla polizia.

Non mancano i casi di abusi domestici nella vita privata come quello del poliziotto, poi licenziato, che "ha violentato sua moglie numerose volte in otto anni di matrimonio". C'è anche chi ha caricato immagini oscene di bambini sul proprio telefonino e chi ha inviato post sull'app di messaggistica Kik nei quali confessa il suo desiderio di "violentare le donne nella foto e farle violentare da altri. Le immagini - si legge nel documento riportato dall'Observer - sembrano essere quelle di sua figlia e sua nipote".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
donne londra polizia metropolitana sarah everard
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved